Tag Archives: 1991

BIANCA E BERNIE NELLA TERRA DEI CANGURI – VHS SETTEMBRE 1992


“Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri”
(The Rescuers Downunder)  

VHS Settembre 1992

Codice VHS: VS 4373
BOX: Nero Grande (logo B.V.H.V.)
Collana: (1991-1996)
Distributore: Buena Vista Home Video – Via Agnello 18, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino apprendista stregone (1992-1995)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: “La Bella e la Bestia” (al cinema), “Bambi“, “Paperino nel mondo della Matemagica“, “Cenerentola
“É un vero Walt Disney”: “Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri
Intro:
Edizione: Settembre 1992
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Secondo le consuetudini degli anni ’90, il master video di questa videocassetta è stato zoomato per adattare l’immagine al formato 4:3. Eccovi un confronto tra il video presente su Disney Plus e quello delle videocassette.

Ricordiamo che per circa quindici minuti dopo i titoli iniziali era presente il logo WD nell’angolo in basso a sinistra dello schermo.

L’edizione conserva tutti i cartelli cinematografici italiani, sia di testa che di coda. I titoli finali sono accompagnati dalla canzone “Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri” cantata da Arianna Bergamaschi, al contrario della versione originale, dove si ascoltavano alcuni brani del commento musicale. La canzone ha origini francesi: venne creata per la versione francese da Pierre Grosz, Philippe Salto, Alain Salmon-Lollioz e della sua esecuzione se ne occupò Anne Meson. Oltre all’Italia, anche la Germania scelse di utilizzarla per i titoli di coda.

Il film così come l’avete visto in questa videocassetta verrà riproposto in tutte le successive edizioni Home Video.

Parliamo ora del resto del nastro. La videocassetta si apre coi messaggi antipirateria della Buena Vista Home Video. Segue una sequenza pubblicitaria, che include un trailer de “La Bella e la Bestia” (di prossima uscita nelle sale italiane), “Bambi“, “Paperino nel mondo della Matemagica” e “Cenerentola“. Chiude “È un vero Walt Disney” che ci mostra la videocassetta del film. Ci stavamo dimenticando delle intro Walt Disney Home Video, immancabili nelle edizioni di quel periodo!

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

NELLA VHS

Nel box della VHS troviamo una busta, con dentro una cartolina per la prova d’acquisto e il seguente catalogo di videocassette Walt Disney Home Video.

Tra le videocassette pubblicizzate nel catalogo c’è ovviamente “Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri“. Troverete la scansione integrale del catalogo cliccando qua.

Una pubblicità della VHS è reperibile anche in un catalogo della primavera 1993, inserito in diverse VHS come “Pinocchio” o “Le avventure di Peter Pan“.

La sequenza iniziale della VHS la trovate qua:

NELLE VIDEOTECHE

Nelle videoteche e negozi specializzati venne distribuito questo catalogo contente idee regalo in VHS per Natale. Lo abbiamo recensito qua!

TOPOLINO

Su “Topolino” apparve questa pubblicità. Ringrazio @disney.dream83 per avermela mandata! Se l’autore delle scansioni le riconoscesse è pregato di avvisarmi, così lo accrediterò.

Storia della VHS

“Bianca e Bernie nella terra dei Canguri” uscì in videocassetta nel Settembre 1992, esattamente un anno dopo l’edizione americana che debutto a Settembre 1991. Da essa proviene l’immagine utilizzata per la fascetta italiana, il cui fronte non è altro che una versione ridisegnata (peggio secondo noi) della locandina cinematografica. L’edizione Italiana non fa parte della serie “Grandi Classici – Black Diamond“, al contrario di quella U.S.A. di cui vi mettiamo un’immagine. Ringraziamo William del sito WILLDUBGURU per la scansione!

La videocassetta uscì di catalogo già nella primavera del 1993 e rimase reperibile nei negozi per qualche tempo. Una seconda edizione, con copertina simile, verrà distribuita nell’Agosto 1997.

Occhio…alla ristampa!

Non si tratta di vere e proprie ristampe, ma abbiamo riscontrato che le copie che hanno il box con l’apertura/chiusura perfettamente a metà sono prive del messaggio antipirateria “È un vero Walt Disney” che mostra la videocassetta del film.

Siamo giunti a questa conclusione dopo il confronto di più copie con tale caratteristica del box (una di proprietà di Matteo del sito VHS WD , che ringraziamo). Questo video che ho registrato qualche anno fa vi chiarirà il tutto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



FANTASIA – VHS DISNEY NOVEMBRE 1991


“Fantasia”
(Fantasia)  

VHS Novembre 1991

Codice VHS: VS 4347
BOX: Nero Grande (logo W.D.H.V.)
Collana: (1991-1996)
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
“É un vero Walt Disney”: No
Intro:
Edizione: Novembre 1991
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

La videocassetta del capolavoro di Walt Disney, “Fantasia“, non ha alcuna sequenza pubblicitaria all’inizio del nastro. Il lungometraggio inizia subito dopo i messaggi antipirateria (versione con la testa di Topolino che scorre) e l’intro della Walt Disney Home Video. All’inizio è stato aggiunto il logo della Walt Disney Pictures, assente in origine, così come il titolo del film: la versione originale americana si apriva direttamente con l’orchestra, senza mostrare il titolo.

Il montaggio presente in questa videocassetta non è quello originale del 1940: si tratta della versione esportata all’infuori degli Stati Uniti prima degli anni 2010, dalla quale sono state rimosse tutte le sequenze in cui compare Deems Taylor. Inoltre, “Fantasia” viene rimaneggiato ulteriormente in questa videocassetta. Ricorderete che a partire dal 1969 furono rimosse in tutto il mondo alcune sequenze del Classico con delle centaurette di etnia africana, disegnate in modo stereotipato. La videocassetta continua a non mostrare queste centaurette, applicando zoom ai fotogrammi e ricorrendo ad altri stratagemmi. È un grande passo avanti rispetto a quanto fatto prima degli anni ’90, quando le sequenze venivano completamente rimosse. C’è solo una sequenza completamente rimossa, poiché una di queste centaurette era l’unico personaggio della scena. Ve la mostriamo subito! I fotogrammi integrali provengono da questo video.

Questi sono invece le sequenze zoomate:

I seguenti fotogrammi sono stati ripetuti (il primo specchiandolo) per sopperire ad alcuni tagli.

Per qualche secondo, mentre Bacco (o Dioniso, se preferite) percorre la scalinata, si intravedono ancora le zampe della centauretta Otika, una delle vittime di censura.

Il master video non presenta altre particolarità, se non l’aggiunta dei titoli di coda, con scritte completamente in inglese. Nel 1940 non vi era nulla dopo la fine dell'”Ave Maria”.

Il doppiaggio che ascoltiamo nella videocassetta è il terzo italiano, realizzato nel 1986 per la riedizione cinematografica dello stesso anno e redistribuito nelle sale durante il 1990. La narrazione viene affidata a Germano Longo mentre Claudio Trionfi doppia Topolino. Per circa quindici minuti è presente il logo WD in sovrimpressione, che svanisce durante l’episodio de “Lo Schiaccianoci“.

La videocassetta non è dotata di dispositivo antiduplicazione, così come tutte le VHS Walt Disney precedenti al Maggio 1994.

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

L’unico inserto presente nella custodia era una cartolina da compilare per vincere fantastici premi, come viaggi a Euro Disney, magliette e piatti.

Quanto esposto veniva sponsorizzato anche su Topolino.

Sempre su Topolino, ma anche su altre riviste, apparve questa pubblicità della videocassetta.

Vi abbiamo messo solo alcune delle pubblicità create per il lancio di Fantasia. Sono davvero tantissime e non riusciamo ad inserirle tutte.

Storia della VHS

“Fantasia” uscì in videocassetta nel Novembre 1991 per un periodo di tempo limitato al prezzo di £. 39.900. Eccovi una foto di una copia ancora sigillata con l’adesivo del prezzo, che mi ha regalato Luca della bellissima pagina Instagram Disneyworld Treasures!

Oltre alla videocassetta singola, era possibile acquistare il film in un cofanetto De Luxe, che includeva:

  • VHS del Classico e del Making of del film, “La creazione di un capolavoro“;
  • Litografia;
  • Monografia;
  • 2 Compact Disc;
  • Certificato di autenticità.

Il costo del cofanetto ammontava a £. 119.000 ed era avvolto da una fascia di carta plastificata gialla.

Per chi acquistava la videocassetta al momento dell’uscita c’erano diversi adesivi del film in omaggio. Mario di Disney Home Collection ci ha inviato i suoi! Seguite il suo bellissimo profilo Instagram pieno di memorabilia Disney!

Il seguente adesivo proviene da eBay!

Lunedì 16 Dicembre 1991 il quotidiano La Stampa riporta “Fantasia” al primo posto della classifica delle VHS più vendute, seguita da “La Sirenetta“. Secondo la classifica del 4 Febbraio 1992 “Fantasia” continua ad essere la videocassetta più venduta, mentre “La Sirenetta” scende al quarto posto. Al settimo posto troviamo un altro Classico Disney: “Le avventure di Bianca e Bernie“.

La videocassetta uscì di catalogo nell’autunno 1992. Nonostante ciò, non divenne irreperibile: ne furono prodotti tanti esemplari e in diverse videoteche si potevano trovare ancora delle copie sigillate del film dopo parecchi anni. Una nuova edizione VHS di “Fantasia” arriverà soltanto nel 2004.

Ricordiamo infine che poco meno di un anno prima del debutto Home Video ufficiale di “Fantasia” circolarono nei negozi alcune videocassette per conto della Cinestazione SRL, conosciuta anche come Eclecta Video. Le videocassette della Cinestazione SRL e dell’Eclecta le potrete trovare recensite in questa pagina.

Occhio…alla ristampa!

Le prime copie prodotte della videocassetta avevano il box sigillato da uno sticker SIAE Verde. Nelle copie distribuite a partire dal 1992 lo sticker SIAE è di colore rosso e talvolta il box può essere marchiato Buena Vista Home Video, anziché Walt Disney Home Video come nelle prime stampe.

 

Si ringrazia il profilo Instagram @disney.dream83 per avermi inviato le scansioni dalla rivista “Topolino“. Se l’autore di queste scansioni le riconoscesse mi avvisi: lo accrediterò volentieri!

Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


THE JUNGLE BOOK – VHS EDIZIONE BLACK DIAMOND 1991 (U.S.A.)


“The Jungle Book”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 1122
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Beauty and the Beast“, “The Rescuers Downunder
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: 1991
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

VI RICORDIAMO DI STARE ATTENTI ALLE FAKE NEWS CHE CIRCOLANO SULLE COSIDDETTEVHS BLACK DIAMOND“, CHE COME QUESTA SONO CARATTERIZZATE DA UN ROMBO NERO IN COPERTINA.
NON SI TRATTA DI VIDEOCASSETTE DI VALORE POICHÉ PRODOTTE IN MILIONI DI ESEMPLARI. SPESSO VENGONO MESSE IN VENDITA A CIFRE ALTE MA NON VENGONO MAI ACQUISTATE SE NON PER IMPORTI IRRISORI.

Descrizione Nastro:

La VHS del Classico “The Jungle Book” si apre coi messaggi antipirateria a sfondo rosso, ai quali segue una sequenza pubblicitaria che include “Beauty and the Beast” (di prossima uscita nelle sale) e “The Rescuers Down Under“. Dopo l’intro The Classics, il film comincia. Notiamo la rimozione dello storico cartello cinematografico della Buena Vista: il Classico parte direttamente dal cartello “Walt Disney Presents“.

L’aspect ratio è fedele a quello originale, al contrario della versione proposta nelle recenti edizioni Home Video, nelle quali il film è adattato in 16:9, il che comporta dei tagli sopra e sotto ai fotogrammi.

Il master video è lo stesso che verrà utilizzato come base per la VHS italiana 1993, alla quale vengono soltanto aggiunti i titoli di testa italiani. Curiosamente, la precedente videocassetta Demo statunitense aveva un master diverso, con i colori molto più tenui.

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La videocassetta del film venne distribuita negli Stati Uniti nel 1991 e ottenne un ottimo successo presso il pubblico, risultando una delle videocassette più acquistate nel 1991 con 9,4 milioni di copie vendute, battuta soltanto dal Classico Disney “Fantasia” e dal film “Home Alone“. Il film arriverà in Home Video fuori dall’America nel 1993 e tra i paesi che lo rilasciarono c’è anche l’Italia, oltre al Regno Unito, la Francia e altri. Alla fine del 1994, le copie vendute a livello mondiale del film ammontarono a ben 24,5 milioni!  L’America dovrà aspettare il 1997 per avere una nuova edizione restaurata di “The Jungle Book“. Questo restauro arriverà in Italia con la VHS del 2000.

Occhio…alla ristampa!

Sui gusci delle VHS Americane era quasi sempre impressa la data di stampa. Noi per ora abbiamo individuato queste print date dell’edizione del 1991 di “The Jungle Book“:

  • 11 Febbraio 1991
  • 12 Febbraio 1991
  • 19 Febbraio 1991
  • 20 Febbraio 1991
  • 14 Marzo 1991
  • 18 Marzo 1991
  • 20 Marzo 1991
  • 27 Marzo 1991
  • 3 Aprile 1991
  • 29 Maggio 1991

Per quanto riguarda la fascetta e il contenuto del nastro, non cambia assolutamente nulla tra le varie copie.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



IL LIBRO DELLA GIUNGLA – VHS VIVAVIDEO (EDITORIALE)

Il Libro della Giungla
(The Jungle Book)  

VHS NON UFFICIALE DELLA VIVAVIDEO


Codice VHS: Nessuno
BOX: Nero Grande
Distributore: Viva Video
Edizione: 1992
Ologramma argentato: Assente
Pubblicità iniziali: Assenti
Tipologia: Vendita (Editoriale)

Descrizione Contenuto:

La qualità di questa VHS de “Il Libro della Giungla“è tutt’altro che eccelsa. Il master video è molto scadente, con una forte dominante giallastra. Esso proviene da un riversamento della pellicola della riedizione cinematografica del 1989 di questo Classico.  Come se non bastasse, probabilmente a causa di un danneggiamento della pellicola a disposizione, è mancante un pezzo della canzone “Lo stretto indispensabile” (The Bare Necessities). Segnaliamo inoltre l’assenza del cartello fine: viene coperto da una dissolvenza con un fotogramma nero. Non ne capiamo il senso, poiché non è stato nascosto il nome di Walt Disney all’inizio dei titoli di testa. Forse l’immagine è stata coperta poiché in quel punto la pellicola risultava danneggiata.

La videocassetta però non ha solo difetti, ma ha anche un pregio. Poiché mantenuto nella redistribuzione del 1989, all’inizio di questa videocassetta possiamo trovare il cartello della società che distribuì il film in Italia al suo debutto nel 1968! Questo fotogramma non è presente in nessuna altra videocassetta!

Storia della VHS:

Come l’edizione di “Cenerentola” della stessa label, supponiamo che questa VHS de “Il libro della Giungla” sia stata distribuita circa tra il 1991 e il 1992. Dunque quasi 2 anni prima della prima edizione ufficiale da vendita del Classico, rilasciata soltanto nel Novembre 1993. La fascetta utilizza alcune immagini che si potevano trovare nei libri della Mondadori-Disneylibri stampati tra gli anni ’80 e i primi anni 2000. Nel retro troviamo l’indicazione “Filmato di dominio pubblico e libero sfruttamento commerciale“.

Se per altri Classici ci poteva essere il dubbio, in questo caso possiamo affermare con sicurezza che questa indicazione è completamente fuorviante: in quegli anni “Il Libro della Giungla” di Walt Disney non era assolutamente caduto nel pubblico dominio! E dunque non riproducibile in videocassette senza il consenso della Walt Disney.

Il master video usato per la VHS si poteva trovare anche in videocassette pirata vendute nelle bancarelle e in altri luoghi, quindi non distribuite in maniera “legale” o comunque assimilabile a tale. In alcune copie poteva mancare il logo del distributore cinematografico e una transazione a “tenda” dal nero faceva comparire il cartello Walt Disney Presenta.

La campagna pubblicitaria contro la pirateria che la Disney iniziò nella primavera del 1992 fu messa in atto anche per questa videocassetta.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



 

BEAUTY AND THE BEAST – VHS BLACK DIAMOND 1992 (U.S.A.)


“Beauty and the Beast”

EDIZIONE U.S.A.

Codice VHS: 1325
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Aladdin”, “Sleeping Beauty
Pubblicità finali: “101 Dalmatians
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: 1992
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

Descrizione Nastro:

Come in tutte le videocassette Disney, i messaggi antipirateria sono la prima cosa che appaiono in questa VHS del Classico “Beauty and the Beast“.  Le avvertenze sono su dei fotogrammi con sfondo verde e a quella dell’FBI ne segue una riepilogativa.

Abbiamo una sequenza pubblicitaria, che include un trailer di “Aladdin” e quello di una nuova distribuzione cinematografica di “Sleeping Beauty“. Segue l’intro Walt Disney Classics con il “Black Diamond“, divenuto un cult.

Il mater video del film è esattamente lo stesso della prima videocassetta Italiana. L’unica differenza tra i due master è data dalla sostituzione dei cartelli Americani con quelli cinematografici Italiani. Tutto il resto è esattamente uguale, anche i tagli all’immagine  che portano ad un aspect ratio di 1.33:1, contro i 1.78:1 originali. Il seguente confronto lo abbiamo fatto utilizzando il video della videocassetta con la versione del film disponibile sulla piattaforma Disney + .

Al termine del film viene sponsorizzato “101 Dalmatians“.

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La videocassetta venne rilasciata negli Stati Uniti il 30 Ottobre 1992, a meno di un anno di distanza del debutto cinematografico del film. La videocassetta era destinata ad espandere i profitti che la pellicola aveva generato al botteghino: durante la sua permanenza in catalogo (durata sino al 30 Aprile 1993) la Disney incassò dalle vendite della VHS Statunitense circa $ 318.000.000 ! Quasi il doppio dei profitti della distribuzione cinematografica, che per gli U.S.A. ammontavano a $ 186.043.788 . Si tratta di un record che verrà battuto soltanto un anno dopo col rilascio Home Video di “Aladdin“.

La videocassetta Italiana uscì il 14 Settembre 1993, quasi un anno dopo quella Americana. Ricordiamo che il film era giunto nelle sale Italiane il 13 Dicembre 1992. A quei tempi la pirateria delle videocassette era molto diffusa e tra le varie edizioni pirata del film, che circolavano ILLEGALMENTE tra le bancarelle Italiane, ce ne era una che utilizzava la copertina della videocassetta Statunitense, coprendo il titolo originale con quello Italiano. Il contenuto del nastro poteva variare: talvolta c’era un riversamento della pellicola cinematografica Italiana, talvolta la videocassetta era un duplicato di quella U.S.A., alla quale era stata sostituita la traccia audio in lingua originale con quella Italiana, presa dal cinema. Alcuni esemplari di quest’ultima variante potevano avere l’audio mal sincronizzato col video.

Abbandoniamo l’Italia e torniamo negli Stati Uniti. Prima della distribuzione al pubblico, i rivenditori al dettaglio di VHS Walt Disney ricevettero una videocassetta Demo ciascuno  creata dalla Disney per promuovere la vendita del film. Il fronte, salvo l’indicazione “Demo tape”, era esattamente identico a quello poi utilizzato nella versione vendita. Non c’era il numero di serie sulla costa e nel retro c’erano alcune indicazioni di marketing. La videocassetta non era ovviamente commercializzabile! Vi mostriamo delle foto che abbiamo trovato su eBay.

Occhio…alla ristampa!

Le copie prodotte durante la permanenza in catalogo della videocassetta “Beauty and the Beast” non sono tutte uguali. In alcune varia la data di stampa, impressa su uno dei lati della videocassetta. Per ora abbiamo individuato diverse date di stampa.

  • 5 Giugno 1992
  • 7 Giugno 1992
  • 25 Giugno 1992
  • 3 Luglio 1992
  • 14 Luglio 1992
  • 27 Luglio 1992
  • 3 Agosto 1992
  • 4 Novembre 1992
  • 17 Novembre 1992

Vedete delle date antecedenti a quella di rilascio (30 Ottobre 1992)? È normalissimo: le prime copie delle videocassette venivano stampate diversi mesi prima della distribuzione nazionale.

Il contenuto del nastro varia molto. Nelle primissime copie non vi è traccia del trailer di “Pinocchio“, che compare alla fine del film dopo il trailer di “101 Dalmatians” in alcune stampe successive. Le ultime copie prodotte lo spostano tra i trailer iniziali, subito dopo quello di “Sleeping Beauty“.

Ci sono poi degli esemplari che invece del box bianco, il più utilizzato dalle videocassette Americane, ne hanno uno nero, sempre in plastica morbida. Eccovi una foto, presa da eBay. La presente versione era contenuta in un cofanetto De Luxe, abbinato ad una videocassetta col film in corso di lavorazione, esattamente come nel cofanetto De Luxe Italiano.

Questa, come altre videocassette Americane, non aveva alcuna etichetta applicata sul “guscio”: tutti i dati erano stampati con inchiostro bianco su di essa. Alcune copie riportano il disegno di Topolino Apprendista Stregone di fianco al logo Walt Disney Home Video, altre no.

William ci segnala poi che degli esemplari hanno sul guscio della videocassetta uno sticker bianco verticale dove è impresso il titolo e gli altri dati della VHS.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



LA SIRENETTA (TOEI ANIMATION) – VHS STARDUST

“La Sirenetta”
(アンデルセン童話 にんぎょ姫) 

TOEI ANIMATION
VHS STARDUST FANTASTIMONDO

Codice VHS: D 18088
BOX: Bianco Grande Rigido
Casa di produzione del Film: TOEI Animation CO. LTD.
Collana: Stardust Fantastimondo
Distributore della VHS: Stardust – Cameri (NO)
Edizione: 1991
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Questa videocassetta Stardust contiene “La Sirenetta“, lungometraggio della TOEI Animation tratto dalla fiaba di Hans Christian Andersen. . Il nastro si apre con i messaggi antipirateria, versione 1991-1997.

A differenza della VHS Scabar, che abbiamo già recensito qua, l’edizione Stardust non contiene il doppiaggio cinematografico del film bensì un doppiaggio tutto nuovo. Tra le voci di questo doppiaggio abbiamo Monica Ward nei panni di Marina, la protagonista, Daniela Gatti è la Strega del Mare e Bruno Cattaneo il Re del mare. In questo doppiaggio la canzone di Marina resta in Giapponese e mancano completamente i primi 5 minuti del film che consistevano in riprese live action della città di Copenaghen. Lo stesso avvenne nell’edizione cinematografica, con la differenza che venivano mostrati dei fotogrammi iniziali di una ripresa sul mare.

Il master video è zoomato, più di quello della VHS Scabar, al punto di eliminare completamente le bande e nere che si sarebbero viste sopra e sotto. Non è stato fatto un lavoro professionale, come quello svolto da altre case come la Disney. Ciò ha compromesso una buona visione del film e spesso non si vedono grosse porzioni del volto dei personaggi che parlano in un determinato momento. L’effetto è abbastanza fastidioso, soprattutto dopo aver visto la versione originale.

Al termine del film il nastro ci propone la visione di spezzoni dall’intero catalogo di VHS della collana “Fantastimondo”.

Storia della VHS:

Nel 1991 sarebbe uscita in Italia la VHS del Classico Disney “La Sirenetta“. La Stardust decise quindi di proporre anche lei una videocassetta dedicata alla stessa fiaba. Scelse di distribuire il film della TOEI Animation “La Sirenetta – La più bella favola di Andersen“, arrivato nei cinema Italiani nel 1979. La stella amica non riuscì però ad ottenere i diritti del primo doppiaggio Italiano. Decise dunque di eseguire un nuovo doppiaggio del film. La cassetta era disponibile nelle videoteche e negozi specializzati. Notiamo che la fascetta si ispira tantissimo alla locandina cinematografica del film Disney. Fu una scelta commerciale azzeccata! La custodia era di colore bianco e in alto c’era un gancetto, con il quale veniva appesa sugli espositori. In contemporanea venne distribuita un’edizione per il circuito delle edicole abbinata ad un poster con la locandina della VHS. La copertina aveva delle differenze, rispetto all’edizione da negozio: vennero rimossi dallo sfondo il castello, il padre di Marina, il cattivo cortigiano e la Strega. Tuttavia, essi rimasero nel poster allegato. Il box della versione editoriale VHS era di colore giallo. Eccola qua direttamente dalla collezione di Monica del sito Only Shojo ! Seguitela anche sulla sua pagina Instagram!

Occhio…alla ristampa!

La videocassetta rimase in catalogo per molti anni, essendo un titolo sul quale la Stardust puntava molto. Ne furono prodotte numerose ristampe.

La PRIMA STAMPA del 1991 aveva le seguenti caratteristiche:

  • Logo “Stardust Fantastimondo” su fronte e retro;
  • Logo “Stardust Home Video” sulla costa;
  • Copertina con sfondo “completo” (vedi paragrafo precedente)
  • Box bianco con gancetto, per appendere la VHS negli espositori. Si poteva trovare anche nelle edicole;
  • Codice D 18088.

Le prime ristampe di questa VHS lasciarono tutto intatto, eccetto il box che divenne di colore nero. Successivamente venne privato del gancetto in alto.

Questa era invece la versione esclusivamente editoriale della quale abbiamo precedentemente parlato. Parte dei personaggi sono stati rimossi dal fronte della fascetta. Per il resto la copertina è esattamente identica all’altra versione vendibile anche al di fuori delle edicole, codice incluso. Questa è l’edizione con box giallo e allegata ad un poster. Nei primi secondi del film appariva, a differenza dell’altra VHS, la scritta “Solo per la vendita – Vietato il noleggio”.

Il contenuto del nastro, in queste ristampe, non venne modificato.

LE RISTAMPE POST 1993

Nel 1993 la VHS venne ristampata con modifiche. La copertina utilizzava soltanto Marina, il Principe e il delfino Fritz dell’artwork originale. Lo sfondo del fronte era di color azzurro chiaro, con delle sfumature. Apparve in alto il logo “Le favole più belle” e cambiò il carattere del titolo. La costa divenne di colore verde. In sostanza, la copertina si allineò a quella di tutte le videocassette Stardust distribuite dopo il 1993. Il logo “Fantastimondo” rimase sul fronte e sul retro della fascetta. Il codice della VHS divenne S 12088.

DOPO IL 1995…

Le ristampe del 1995 sono quelle più sgradevoli con le quali imbattersi. La copertina è esattamente quella postata qua sopra, ma il contenuto del nastro cambia radicalmente. Non c’è più traccia del lungometraggio della TOEI. Il film è rimpiazzato con quello della “American Film Investment Corporation II, caratterizzato da un lieto fine. Purtroppo non c’è modo di distinguere a scatola chiusa questa versione dall’altra ristampa col film della TOEI. Poco tempo dopo il lungometraggio americano verrà rilasciato con una copertina fedele al contenuto del nastro, ispirata palesemente alla precedente.

Vi lasciamo con il video della stupenda collezione di Monica dedicata al film TOEI, per il quale abbiamo collaborato.


POMI D’OTTONE E MANICI DI SCOPA – VHS 1991 (1983)

“Pomi d’ottone e manici di scopa” 

(Bedknobs and broomsticks)

VHS FEBBRAIO 1991

“Pomi d’ottone e manici di scopa” è un lungometraggio in tecnica mista prodotto dalla Walt Disney nel 1971, diretto da Robert Stevenson e liberamente tratto dal romanzo “Pomi d’ottone e manici di scopa” (Bedknobs and broomsticks) di Mary Norton. La pellicola vede Angela Lansbury (oggi nota specialmente per il ruolo di Jessica Fletcher ne “La signora in giallo“) nei panni della protagonista Miss Price, un’apprendista strega. David Tomlinson, che aveva interpretato nel 1963 Mr Banks in “Mary Poppins“, in questa pellicola riveste il ruolo del “Professor” Emelius Browne. I tre bambini, Charlie, Carrie e Paul sono rispettivamente interpretati da Ian Weighill, Cindy O’Callaghan e Roy Snart.

Codice VHS: VS 4035
BOX: Nero Grande (logo W.D.H.V.)
Collana: Walt Disney Home Video
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: “Le avventure di Bianca e Bernie”, “Ducktales – La corona perduta di Gengis Khan”, “Ducktales – Il mistero del fantasma”, “Talespin”, “Pomi d’ottone e manici di scopa”, “Bianca e Bernie nella terra dei canguri” (al cinema).
Pubblicità finali: Fumetti Disney, Disney Southern California.
Intro:
Edizione: Febbraio 1991 (Giugno 1983 in copertina)
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Dopo i messaggi antipirateria, con la testa di Topolino che si muove come una macchina da scrivere, e varie pubblicità, il film ha inizio.

Sono assenti i cartelli cinematografici italiani dei titoli. Questi vennero utilizzati dalle reti Rai per le messe in onda televisive del film dagli anni ’80 fino ai primi anni 2000. Clicca qui per la scheda relativa alle trasmissioni Rai di “Pomi d’ottone e manici di scopa“. I titoli di testa, presenti in questa VHS, sono preceduti dal cartello della “Buena Vista”.

La versione proposta del film è, come nelle precedenti VHS, tagliata. Dura solamente 94 minuti (non 98, come segnalato erroneamente in copertina), contro i 112 dell’edizione cinematografica Italiana del 1971. La versione ridotta arrivò per la prima volta nei cinema Italiani nel 1981 ed è stata utilizzata per tutte le videocassette made in Italy e per le trasmissioni TV (eccetto quelle sul canale Rai Movie).

Quali sono i principali tagli fatti alle scene del film?

    • Mancano le canzoni “L’età del non mi cucchi“, “Eglantine“, “The old home guard” (di quest’ultima c’è solo la ripresa finale);
    • Le scene di “Portobello Road“, della partita di calcio e “Supercallimagic-extramotus” sono accorciate;
    • La dematerializzazione della stella di Astoroth quando i protagonisti ritornano dall’isola di Naboombu;
    • Le scene finali nelle quali viene mostrato il professor Emelius Browne arruolarsi nell’esercito.

A differenza delle altre edizioni, si possono vedere che scorrono i crediti finali del cast del film, con la canzone “The old home guard” in sottofondo. Nelle precedenti VHS dall’ultima scena si passava direttamente al cartello “The end“.

Il master video del film è diverso da quello delle precedenti edizioni vendita e noleggio. I colori sono leggermente più freddi, il master è più “pulito” e decisamente meno zoomato rispetto a quello delle altre edizioni.

 Al termine della VHS abbiamo una pubblicità sui fumetti Disney reperibili nelle edicole del 1991.

Per gli abbonati a “Topolino” veniva offerto un fantastico regalo: una VHS, “Paperino e la sua banda”!Questa VHS venne offerta in premio anche negli anni successivi.

Dopodiché abbiamo un’ultima pubblicità, quella di Disneyland Southern California.

CATALOGHI & PUBBLICITÀ

All’interno della custodia venivano inseriti un catalogo con le VHS disponibili nella primavera del 1991 e una cartolina per la prova d’acquisto. Ecco qua il catalogo!

Storia della VHS:

Quando nel 1991 la Disney diede il via libera per una nuova edizione in VHS del film, la sede Italiana ebbe un problema: le fu mandato il video integrale (così come era al cinema nel 1971), ma l’audio che aveva tra le mani era ancora quello accorciato. Decise quindi di tagliare il master video per adattarlo alla durata dell’audio. Nel 1983 invece, con la distribuzione della prima VHS, si era verificata la situazione opposta: la Walt Disney aveva l’audio integrale Italiano e il video mutilato, tratto dalla riedizione cinematografica Italiana del 1981. Quella volta a farne le spese fu la traccia audio. Le VHS stampate fino al 1989 utilizzano tutte questa versione del film. Il doppiaggio integrale del film tornò soltanto nel 2004, quando la Disney lo rispolverò grazie al contributo di Nunziante Valoroso, che fornì alla Walt Disney Italia l’audio integrale del film preso da un vecchio 16mm del 1972.

Così, dopo due edizioni per il noleggio e una da vendita, “Pomi d’ottone e manici di scopa” ritornò in VHS nel Febbraio 1991. Nel retro della copertina la data segnalata è Giugno 1983. La Walt Disney, infatti, quando distribuiva una nuova edizione di un titolo già rilasciato in VHS manteneva sempre in copertina la data della prima edizione in assoluto del film. Questa abitudine cessò nel 1992. Tuttavia nelle ristampe dei titoli rilasciati prima del 1992 la data non veniva comunque mai aggiornata. Dunque potete avere una VHS di questo film con scritto in copertina 1983, quando in realtà la VHS potrebbe essere addirittura del 1997! Come riconoscere la prima stampa di questa edizione dalla ristampe? Seguiteci nel prossimo paragrafo!

Occhio…alla ristampa!

La forte differenza di colore è dovuta al fatto che la prima stampa è stata scansionata, le altre sono semplici foto.

La VHS del 1991 di “Pomi d’ottone e manici di scopa” rimase in catalogo fino a Luglio 1997.

LE RISTAMPE DEL 1992-1993

Quando venne ristampata, la videocassetta subì delle modifiche nella copertina e nel contenuto. Nelle ristampe del 1992 l’ologramma argentato da sotto il logo Walt Disney Home Video slittò sopra il riquadro con il volto di Miss Price. Le altre modifiche intervenute nelle ristampe del 1992 furono le seguenti:

  • Nel retro della copertina la distribuzione segnalata passò da “Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano” a “Buena Vista Home Video – Via Agnello 18, Milano”;
  • L’etichetta passò da quella col disegno “Classico” di Topolino a quella con Topolino “Apprendista stregone” (Versione 1992 – 1995);
  • Le pubblicità prima e dopo il film vennero rimosse;
  • I messaggi antipirateria con la testa di Topolino che scorre furono sostituiti con quelli col castello marchiato “Buena Vista Home Video”;
  • Fu inserito impresso all’interno della custodia il logo “Buena Vista Home Video”,  anziché “Walt Disney Home Video”;

Le ristampe della primavera del 1993 si differenziavano da quelle del 1992 per l’ologramma. Esse infatti utilizzavano la versione dell’ologramma con al cinepresa più piccola, utilizzata a partire dalla VHS dell’Aprile 1993 di “Basil l’investigatopo“.

DOPO IL 1994

 Le ristampe prodotte tra il 1994 e il 1995 erano complessivamente uguali a quelle del 1992-93. Le uniche differenze consistevano nella sostituzione da copertina, custodia e nastro dei riferimenti alla “Buena Vista Home Video” con quelli della “Buena Vista Home Entertainment”, con sede in Via Sandri 1 a Milano. L’ologramma con Topolino “Apprendista stregone” rimpiazzò quello con la cinepresa.

DAL 1996…

Le ristampe del 1996-97 videro la sola modifica dello sticker sulla VHS, ora marchiato “Disney Video” anziché “Walt Disney Home Video”. Nelle ristampe del 1996 il riquadro del logo “Disney Video” con la testa di Topolino ha lo sfondo bianco, in quelle del 1997 lo sfondo è verde. Nelle ristampe successive a Marzo 1997 l’ologramma argentato utilizzato è sempre quello con l'”Apprendista stregone”, ma nella versione più moderna.

Si ringrazia Nunziante Valoroso per aver diffuso le informazioni inerenti ai tagli del film.

Vi lasciamo con questo video, in cui potete ammirare la collezione di “Pomi d’ottone e manici di scopa” appartenente all’esperto di doppiaggi d’epoca Marco Zaffuto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


LA BELLA E LA BESTIA – VHS SETTEMBRE 1993


“La Bella e la Bestia”
(Beauty and the Beast)  

VHS Settembre 1993

Codice VHS: VS 4415
BOX: Nero Grande (logo B.V.H.V.)
Collana: (1991-1996)
Distributore: Buena Vista Home Video – Via Agnello 18, Milano
Ologramma argentato: “Apprendista Stregone” (1993-1997)
Sticker VHS: Topolino apprendista stregone (1992-1995)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali:  “Aladdin” (al cinema), “Il libro della giungla”, “I Muppet”, “Euro Disney Resort”
Pubblicità finali: “La Sirenetta – Le nuove avventure marine di Ariel”, “Darkwing Duck”
“É un vero Walt Disney”: “La Bella e la Bestia”
Intro:
Edizione: Settembre 1993
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

La VHS del 1993 del Classico Disney “La Bella e la Bestia” è un ottimo modo per gustarsi il film con una colorazione abbastanza fedele a quella originale. Le moderne edizioni home Video hanno infatti rimaneggiato i colori del film, rendendoli più sgargianti secondo i gusti dei bambini di oggi. Si è persa dunque l’aria cupa che dominava molte scene del film. Sono presenti tutti i cartelli cinematografici Italiani. La videocassetta ha l’audio predisposto per essere ascoltato con un impianto Stereo Hi-Fi, scelta adottata in precedenza per altri titoli Disney, come “La Sirenetta“.

Il logo WD è presente per 15 minuti circa dopo i titoli di testa. Può sparire in momenti diversi, a seconda della stampa della VHS.

Prima e dopo il film ci sono numerose pubblicità Disneyane. E come dimenticare il mitico messaggio antipirateria “È un vero Walt Disney”! Subito si nota che la videocassetta mostrata presenta l'”Ologramma argentato” con la cinepresa, mentre in realtà questa VHS fu la prima ad essere distribuita con l’ologramma di “Topolino Apprendista Stregone“. Segnaliamo che in alcune stampe potrebbe essere assente prima del film la pubblicità di “Aladdin“.

Il film è stato adattato per uno schermo in 4:3, ciò significa che viene ritagliata una porzione di immagine al lato destro e sinistro.

Il master video di questa cassetta è senza i teschi negli occhi di Gaston quando egli cade dalla balconata del Castello. Nell’originale versione cinematografica erano presenti e ritornano nelle recenti edizioni in DVD e Blu-Ray.

L’audio del film è integrale, senza i buchi (ovvero la mancanza delle urla di Belle quando viene attaccata dai lupi) che caratterizzano tutte le edizioni Home Video distribuite dopo il 2002. Ricordiamo che in questa VHS è assente la scena “Di nuovo umani, che verrà ripristinata nell’edizione del 2002.

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

All’interno della videocassetta era inserita una busta con una cartolina e vario materiale pubblicitario. Ringraziamo tantissimo Pepito per averci scattato le foto.
Ecco qua la busta,la cartolina. E guardate, c’è il mitico “Tobollino” col titolo del film. Io tentai la “Prova d’acquisto” con alcune VHS, forse con troppi anni di ritardo (ovvero agli inizi del 2000).Ed ecco vario materiale pubblicitario inerente ad “Aladdin“, che sarebbe uscito di lì a poco nei cinema. Noi di “Disney: Tapes & More” siamo stati meno bravi e abbiamo conservato solo il catalogo della Videocassetta.

Potete visionare interamente il catalogo cliccando qua!

PER LE VIDEOTECHE

Alle videoteche vennero mandati diversi “Profit Planner” per promuovere la videocassetta e per guidarle nella sua vendita. Noi possediamo questi due.

Quest’ultimo Profit Planner lo potete trovare qua.

SULLE RIVISTE

Per un film così popolare non poteva di certo mancare una vasta campagna pubblicitaria anche sulle riviste! Noi vi proponiamo due articoli, uno preso dalla rivista “Top Video Guida

e uno proveniente dalla rivista “Top Video“, stampata dalla “Eden Video” (che si occupava principalmente di produzione di VHS).

PUBBLICITÀ ALL’INTERNO DEL NASTRO

Con la collaborazione della carissima Silvia, del canale “DisneyMagicandAnimal” eccovi le pubblicità inserite nella VHS! Quelle prima del film…… e quelle dopo il film.

SPOT PUBBLICITARI

In televisione venne trasmesso questo spot pubblicitario della VHS, che trovate al minuto 1,30 del seguente video.

Storia della VHS

La videocassetta arrivò in tutti i negozi il 14 Settembre 1993 e rimase per un certo periodo nei cataloghi Disney. La sua fascetta (copertina) utilizzava la stessa immagine dell’edizione Americana, uscita nel 1992. Al contrario di essa, questa VHS fa parte della Collezione “Walt Disney I Classici” e non della serie “Grandi Classici” (Black Diamond). In Italia l’ultimo titolo distribuito all’interno di questa collana fu “Le avventure di Bianca e Bernie“, nel Febbraio 1991. Furono prodotte molte copie della VHS che ne garantirono la reperibilità per parecchio tempo. La videocassetta, come segnalato da questa pubblicità presente in un profit planner, era disponibile in tre formati d’acquisto:


– Versione solo VHS dal costo di £ 39.900;
– Versione VHS con bambola di Belle della Mattel, dal costo di £ 69.900;
– Cofanetto De Luxe con VHS del Classico, VHS del film in corso di lavorazione, litografia, CD con la colonna sonora e libro de il “Dietro le quinte” dal costo di £ 99.000.

Monica Pachetti del sito Only Shojo condivide con noi le foto del suo cofanetto:

Elisa del sito “Simply a geek” (che trovate anche su Instagram) ha parlato della vhs del film in corso di lavorazione in un suo articolo. Lo potete trovare qua!

Era possibile prenotare la VHS. Acquistando la videocassetta di uno dei Classici Novità della primavera 1993 – ovvero “Le avventure di Peter Pan“, “Pinocchio” e “Basil l’investigatopo” – e prenotando “La Bella e la Bestia” si aveva diritto ad uno sconto di £ 4.000 sul suo prezzo e si ricevevano tessera e distintivo di “Disney Video Fan”.

Come già detto all’inizio del nostro articolo, questa fu la prima videocassetta ad avere l'”Ologramma argentato” con “Topolino Apprendista Stregone” e non più quello con la “Cinepresa“.

Occhio…alla ristampa!

La nostra fan Ester, che ci segue sempre, ci ha aiutato a scoprire una cosa. Nella maggior parte delle videocassette de “La Bella e la Bestia“, troviamo il trailer di “Aladdin, trailer che si apre con scene da “La Sirenetta” e “La Bella e la Bestia“. La copia di Ester non è così. Nella sua videocassetta c’è una versione del trailer di “Aladdin” che non mostra altre immagini se non quelle del film stesso. Questa variante del trailer la troviamo anche in alcune VHS Italiane del 1993 de “Il Libro della Giungla“. Come individuare queste ristampe? Non sappiamo se vale per tutte le copie, ma se avete un esemplare de “La Bella e la Bestia“, edizione 1993, col box con la “chiusura a metà”, allora probabilmente possedete questa versione alternativa. Non sapete cos’è un box con la “chiusura a metà”? Nessun problema, cliccando qui troverete le risposte che cercate! Non è di certo finita qui! Esiste un’altra variante della videocassetta! Alcune copie mantengono il trailer iniziale di “Aladdin” nella prima versione ma ne propongono un’altra del trailer di Disneyland Paris. In questa variante del trailer la voce fuori campo è quella di Laura Boccanera, doppiatrice di Belle.

Occhio…alla pirateria!

Nel 1992, quando il film arrivò nelle sale Italiane, furono prodotte varie copie pirata, vendute soprattutto presso delle bancarelle. Alcune di queste avevano una qualità mediocre, altre invece erano riversamenti molto buoni della pellicola cinematografica. Il film aveva uno zoom minore rispetto a quello delle videocassette, infatti erano ben visibili le bande nere sopra e sotto. Alcune copie conservavano prima del film il cortometraggio di Pippo “How to dance” (1953). La VHS venne venduta con varie copertine. La più popolare aveva la locandina cinematografica e i dati (codice, durata, riquadro del visto censura) ricavati dalla VHS del 1992 di “Cenerentola“.

Immagine presa dal sito “Gli spietati“.
Articolo a scopo informativo. Le immagini utilizzate appartengono ai rispettivi proprietari di copyright.



 

LA SIRENETTA – VHS SETTEMBRE 1991

 


“La Sirenetta”
(The little Mermaid)  

VHS Settembre 1991

Codice VHS: VS 4334
BOX: Nero Grande (logo W.D.H.V.)
Collana: (1991-1996)
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: “Bianca e Bernie nella terra dei canguri”(al cinema), “Il principe e il povero” (al cinema), “Fantasia”, “Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi”, “Talespin: A tutto Baloo”, “Talespin: Fantasmi e furfanti”, “Ducktales: I vichinghi all’opera”, “Cip e Ciop – Agenti speciali: Mostri e gioielli”, “Euro Disney”
Pubblicità finali: “Euro Disney”
“É un vero Walt Disney”: No
Intro:
Edizione: Settembre 1991
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

La Sirenetta” entrò nelle nostre videoteche con la sua prima edizione in VHS del Settembre 1991. Questo è uno degli ultimi “Classici Disney” (il penultimo, per l’esattezza) ad utilizzare i “messaggi antipirateria” con la testa di Topolino che si muove come una macchina da scrivere.

Il film ha tutti i cartelli in Italiano, catturati direttamente dalla pellicola cinematografica senza zoomarli. Infatti hanno le bande nere sopra e sotto! Si nota uno stacco di qualità tra i titoli di testa e il resto del film, che è zoomato per avere il pieno schermo nelle TV a tubo catodico. La successiva immagine vi mostrerà l’entità dello zoom.

Il video è integrale, senza rimaneggiamenti (oltre allo zoom) o censure. L’audio risulta meno cupo rispetto a quella successiva edizione dell’Ottobre 1998. La VHS non ha il sistema di protezione “Macrovision” (che impediva di copiare il nastro senza disturbi), come tutte le videocassette precedenti al Maggio 1994.

Ci sono varie pubblicità all’inizio del film, e una dopo il film! Si tratta infatti di un video promozionale (annunciato con una voce all’inizio dei titoli di coda) dedicato all’apertura di Euro Disney che sarebbe avvenuta nel 1992.

Questo video era presente anche singolarmente in VHS. Eccolo qua direttamente dalla videocassetta di Silvia B., del canale “DisneyMagicandAnimal“.

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

All’interno della custodia troviamo una busta con impresso il titolo del film. La busta contiene una cartolina per la “prova d’acquisto”, il catalogo delle VHS Disney disponibili nell’autunno 1991 e un’altra cartolina, inerente a un concorso con “Perlana“.

La VHS venne ovviamente largamente sponsorizzata su riviste e giornali. Ecco qua degli articoli catturati da riviste dell’epoca.

Queste immagini sono prese da un volume di “Top Video Guida“, che trovate recensito qua.

Non potevano mancare ovviamente degli spot pubblicitari per la TV! Si ringrazia per questo spot Monica del sito Only Shojo!

Storia della VHS

“La Sirenetta” arrivò in VHS nel Settembre 1991. Fu un record di vendite, che superarono il milione nel 1991. Nelle videoteche, durante i primi tempi della distribuzione, vennero dati assieme alla cassetta degli adesivi con i personaggi del film. Ve li mostriamo dalla collezione di Monica del sito Only Shojo!

Questa videocassetta rappresenta una novità sotto diversi punti di vista: è il primo titolo ad essere stato rilasciato al prezzo di £ 39.900, anziché £ 39.000. Ciò fu dovuto all’aumento dell’IVA sulle VHS, che passò dal 9% al 12%, come indicato sull’adesivo del prezzo appiccicato sul cellophane della videocassetta.

Si ringrazia Luca Finocchiaro per la foto!

Venne introdotto, per la prima volta il logo “Walt Disney I Classici” sulla fascetta. Si tratta del primo titolo Italiano a non utilizzare più il logo “Grandi Classici” (Black Diamond”). La corrispondente videocassetta americana mantenne il logo “Black Diamond”.  Apparse per la prima volta all’interno del box una busta con sovrimpresso il titolo del film. Da notare che erroneamente è indicata come durata del film “83 minuti”, quando in realtà ne dura 79. Questo errore è rimasto anche nella seconda edizione in VHS del 1998.

Copertina di un’edizione non ufficiale, che utilizzava il progetto originario.

Inizialmente era prevista una copertina diversa, più vicina dalla linea delle VHS dei Classici Disney (o meglio, “Grandi Classici”) precedentemente rilasciati. Ce lo testimonia questo articolo apparso su “Topolino”. Questa copertina venne utilizzata per delle videocassette non ufficiali.La scritta “Il Classico originale Disney”, che nelle precedenti VHS era inserito nell’angolo nero in basso a destra, in questa edizione provvisoria (mai uscita ufficialmente) appariva in alto. Nella VHS originale quel posto sarà occupato dal logo “Walt Disney I Classici”. Nell’angolo nero abbiamo invece il logo “Vincitore di 2 premi Oscar”, che nella versione ufficiale apparirà in basso. Ecco qua un video che confronta la copertina dell’edizione ufficiale da vendita e con quella provvisoria, presa dall’edizione non ufficiale.

COPERTINA CENSURATA?

Da anni girano numerose voci sul fatto che la copertina di questa VHS, ispirata alla locandina cinematografica originale, venne censurata a causa di un presunto messaggio subliminale in copertina. Niente di più falso! La VHS non venne mai ritirata dal mercato! Rimase in catalogo per circa un anno, dopodiché cessò la sua produzione. Tuttavia, dal momento che ne furono stampate numerose copie, la videocassetta circolò nei negozi per diversi anni. Quindi non è affatto, attualmente, una VHS rara. Nel 1998, quando uscì la nuova edizione in videocassetta, la Disney utilizzò semplicemente una copertina diversa (ispirata alla locandina della riedizione cinematografica del 1991), così come fece per molti Classici. Non si tratta affatto di censura!

Occhio…alla ristampa!

Non si tratta di vere e proprie ristampe, ma è opportuno segnalare alcune differenze tra le varie copie prodotte di questa VHS:

  • L’ologramma argentato in alcune delle prime stampe è in alto sul dorso della fascetta, proprio sotto il logo “Walt Disney – I Classici”. Nella maggior parte delle copie è subito sopra il riquadro con il volto di Ariel;
  • Il logo “WD” sparisce in punti diversi a seconda della stampa. In alcune copie sparisce mentre Ariel esce dalla grotta, dopo aver notato il veliero di Eric. In altre stampe si dissolve quando Ariel si arrampica sul veliero del principe;
  • Alcune videocassette hanno prima del film la pubblicità di “Fantasia”, altre no.
  • La VHS esiste con le bobine del nastro piccole oppure con quelle più grosse;
  • Questa VHS è stata distribuita sia con il box con la “chiusura a metà”, sia con quello con “chiusura a 3/4”. Clicca qui per saperne di più;
  • All’inizio del 1992 la VHS venne ristampata. Queste ristampe sono caratterizzate da uno sticker SIAE rosso. Alcuni box potrebbero essere marchiati “Buena Vista Home Video”.

DI QUESTA VHS SONO STATI PRODOTTI NUMEROSI ESEMPLARI, PERTANTO NON È GIUSTIFICATO IL SUO ACQUISTO A PREZZI ELEVATI. LE DIVERSI VARIANTI (per esempio la versione con bobine grosse) NON DANNO MAGGIOR VALORE ALLA VHS.

Abbiamo un’altra chicca per voi! Su You Tube abbiamo trovato questo video girato presso la “Casa del Disco” di Latina dove si svolse un evento per promuovere questa videocassetta. Non è fantastico?

Si ringrazia il profilo Instagram @disney.dream83 per avermi inviato le scansioni dalal rivista “Topolino”.

Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.