Tag Archives: cartelli italiani

CARTELLI ITALIANI DE “IL LIBRO DELLA GIUNGLA”

“Il Libro della Giungla” arrivò nelle sale Italiane il 6 Dicembre 1968 (l’uscita in America avvenne il 18 Ottobre 1967). La distribuzione nelle sale Italiane venne affidata alla Distribuzione Cinematografica Italiana S.p.A., come anche segnalato dal primo cartello che appare nell’edizione nostrana. Si tratta del primo (ed unico) Classico Disney distribuito da questa società.

Si passa poi a “Walt Disney Presenta” e al titolo del lungometraggio.

Lo stesso libro sarà riciclato per il Classico Disney del 1973 “Robin Hood“.

Per la prima volta dai tempi di “Cenerentola“, anche il testo del libro che narra la storia viene tradotto in italiano. Va evidenziato che nell’edizione Italiana il libro non si apre come nella versione originale: si passa alla prima pagina tramite una dissolvenza. Questo stratagemma, utilizzato probabilmente per abbassare i costi della realizzazione di una traduzione dei titoli, venne in passato adottato anche per “Biancaneve e i sette nani“.

Nei cartelli italiani c’è un’importantissima novità: vengono accreditati per la prima volta i nomi dei doppiatori dell’edizione italiana. Non era mai successo prima con nessun Classico Disney.

Il resto dei titoli di testa rimane in inglese, mentre venne tradotto il cartello “Fine” che però non verrà mai inserito in alcuna videocassetta ufficiale italiana: l’edizione del 1993 lo ha in inglese, mentre quella del 2000 ne ha una versione creata ex novo. L’immagine che vedete qua sotto proviene da un vecchio telecinema della pellicola cinematografica.




 

CARTELLI ITALIANI DI “BAMBI”

Non sappiamo se al suo debutto Italiano, avvenuto nel 1948, “Bambi” avesse una traduzione Italiana nelle sue scritte. Siamo certi che una traduzione venne fatta nel 1968, anno del ridoppiaggio del film. I cartelli del 1968 vennero riproposti per tutte le riedizioni cinematografiche successive, per alcune trasmissioni RAI e li troviamo in ottima qualità nella videocassetta del 2005. Nei cinema degli anni ’60 il film sarà stato preceduto con ogni probabilità da un cartello della Rank Film, che distribuì anche “Cenerentola” nel 1967. Tuttavia, tale cartello non è mai più stato riproposto né in Home Video, né in televisione e tanto meno nei cinema, poiché “Bambi” non venne più distribuito dalla Rank Film dopo il 1968.

L’unico cartello Italiano, oltre ai titoli di testa, è quello con la scritta “Fine“. Per gli amanti del vintage ve lo riproponiamo dalla videocassetta non ufficiale della Magis4 S.r.l. , distribuita nelle edicole a partire dal 1992.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


 

CARTELLI ITALIANI DE “LA BELLA ADDORMENTATA NEL BOSCO”

La Bella addormentata nel bosco” arrivò nei cinema Italiani nel Dicembre 1959, quasi un anno dopo rispetto agli Stati Uniti dove debuttò il 29 Gennaio 1959. La distribuzione del film in Italia venne affidata alla Rome International Films, mentre in patria fu la Buena Vista ad occuparsene. Ed è proprio il cartello Buena Vista che troviamo in tutte le videocassette Italiane. Le immagini che vedete sono tratte dalla videocassetta del 1994 e lo stesso lo ritroviamo anche nell’edizione VHS del 2001. La prima edizione VHS, risalente al 1988, conteneva u master video diverso anche per i titoli di testa. Ricordiamo che la versione dei cartelli proposta in Italia differisce per diversi fondali da quella Americana.

Come si può leggere dal seguente cartello, l’edizione Italiana del film venne affidata a Roberto De Leonardis e fu registrata presso gli stabilimenti del Fono Roma con la partecipazione della C.D.C. (Cooperativa Doppiatori Cinematografici).

Il film originale non ha un vero e proprio cartello “Fine”, ma la scritta “The End” appare impressa nell’ultima immagine del Classico, nella quale viene inquadrato il leggio col libro. Per la distribuzione nei cinema dell’Italia e di altri paesi esteri venne invece realizzato un cartello di chiusura localizzato a seconda del Paese. La versione Italiana del cartello è stata inclusa nelle ultime due edizioni, ma non nella prima videocassetta della serie “Grandi Classici” (Black Diamond).

Ecco un confronto tra i titoli di testa presenti nell’edizione “Black Diamond” con quelli della VHS del 1994 e cogliamo l’occasione per ringraziare Alessandro Fabbri per aver editato le immagini che avete visto nella scheda!

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.

CARTELLI ITALIANI DI “DUMBO”

I cartelli italiani di “Dumbo – L’elefante volante” furono creati nel 1948, anno in cui il film arrivò nelle sale italiane. Erano abbastanza fedeli a quelli in lingua originale. Furono inseriti dei cartelli relativi al doppiaggio italiano, riutilizzando come sfondo immagini già apparse per altri cartelli del film. In occasione della riedizione cinematografica dell’Aprile 1971 venne rimosso il cartello della RKO, che distribuì per prima il film. Al suo posto venne inserito il cartello della “Universal Films“, che riportò in quell’occasione il film nei cinema Italiani. I cartelli italiani prelevati da questa riedizione cinematografica sono stati utilizzati per anni dalle trasmissioni Rai, a partire dalla Prima TV del 14 Marzo 1987.

ALCUNI ERRORI…

I cartelli Italiani di Dumbo presentano alcuni errori. Nella sezione “Adattamento del soggetto” viene citato un certo “Beel Peed”. Si tratta in realtà di “Beel Peet“, storico animatore della Walt Disney.

Nell’ultimo cartello, dedicato al doppiaggio Italiano, il “Quartetto Cetra” diventa per errore il “Quartetto Certa”.

Questi cartelli Italiani li possiamo trovare solo nelle videocassette originali prodotte dalla Walt Disney all’inizio del nuovo millennio (dove ne venne modificata l’animazione). Le precedenti edizioni purtroppo contenevano il film coi cartelli Americani.

C’è una piccola eccezione. La VHS dell'”Eclecta Video“- edizione non ufficiale –  riportava i cartelli italiani del film, tranne il cartello del distributore e quello con scritto “Walt Disney Presenta”.

Nel video qua sotto potete ammirare i cartelli Italiani del film, presi dalla  prima visione Rai.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


CARTELLI ITALIANI DI “CENERENTOLA”

I cartelli italiani di “Cenerentola” furono creati nel 1950 e nel corso degli anni sono rimasti sostanzialmente immutati, fatta eccezione per due elementi:

  • La rimozione dei riferimenti alla RKO, distributrice del film nel 1950;
  • La sostituzione nel 1967 del cartello relativo al doppiaggio, poiché in quell’anno il film venne ridoppiato. Nella nuova versione si vede in fatti che tale nuovo cartello appare in modo brusco, rispetto agli altri che erano intervallati da transazioni graduali.

La nuova edizione di “Cenerentola” venne distribuita nei cinema Italiani durante il mese Dicembre 1967 dalla Rank Film. Il cartello Rank apparirà anche nella videocassetta del 1992.

Venne realizzata una versione Italiana anche del libro della fiaba che viene inquadrato all’inizio del film!

Sin dalla distribuzione cinematografica del 1950 venne tradotto il “Proclama reale“. Per un errore è stata esclusa la variante Italiana dalle videocassette del 1992 e del 2005, mentre è stato inserito nella VHS del 1998.

La VHS del 1998 rimuove il cartello della Rank Film e recupera una parte di commento musicale iniziale, tagliata nella precedente videocassetta. Inoltre i titoli di testa terminano un po’ prima rispetto a quelli della VHS del 1992, e anche la velocità di apertura del libro è differente.

Eccovi invece le scene col libro in chiusura.


Nella prima edizione in VHS tra il libro – al termine del film –  e il cartello “Fine” non vi è una dissolvenza graduale, che è invece presente nella videocassetta del 1998.

Nel video qua sotto potete ammirare i cartelli Italiani del film, presi da entrambe le VHS. Nella VHS del Novembre 2005 i cartelli erano esattamente gli stessi dell’edizione del 1998.

Va infine ricordato che i cartelli dei titoli italiani di “Cenerentola” sono molto diversi nei colori rispetto a quelli americani. Gli stessi fondali utilizzati in italia sono stati utilizzati anche in altri paesi, come la Francia.

Vi lasciamo con un video che compara i cartelli italiani con quelli originali.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.