Tag Archives: black diamond

ALADDIN – VHS BLACK DIAMOND 1993 (U.S.A.)


“Aladdin”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 1662
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “The Lion King“, “Pinocchio
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: Ottobre 1993
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

VI RICORDIAMO DI STARE ATTENTI ALLE FAKE NEWS CHE CIRCOLANO SULLE COSIDDETTEVHS BLACK DIAMOND“, CHE COME QUESTA SONO CARATTERIZZATE DA UN ROMBO NERO IN COPERTINA.
NON SI TRATTA DI VIDEOCASSETTE DI VALORE POICHÉ PRODOTTE IN MILIONI DI ESEMPLARI. SPESSO VENGONO MESSE IN VENDITA A CIFRE ALTE MA NON VENGONO MAI ACQUISTATE SE NON PER IMPORTI IRRISORI.

Descrizione Nastro:

La videocassetta comincia con i messaggi antipirateria a sfondo verde ed una sequenza pubblicitaria, comprensiva dei trailer del Classico “The Lion King” e “Pinocchio. “Aladdin” ha inizio subito dopo lo stacchetto “Walt Disney Classics”. Si tratta di una versione rimaneggiata del film rispetto a quella cinematografica. Viene cambiato un verso della canzone iniziale “Arabian Nights”, poiché reputato offensivo verso i popoli arabi. Nel dettaglio

Where they cut off your ear if they don’t like your face

diventa

Where it’s flat and immense and the heat is intense“.

Una analoga sorte subirà anche l’edizione italiana a partire dal 2005. L’altra modifica del film è quella tipica della quasi totalità delle videocassette Disney: l’aspect ratio originale è stato adattato in 4:3. Ciò ha comportato dei tagli all’immagine. Eccovi un confronto tra la versione VHS e quella presente su Disney Plus, con un formato video più vicino all’originale.

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La VHS di “Aladdin”  fu distribuita negli U.S.A. il 1° Ottobre 1993 e fu uno degli ultimi titolo della collana di videocassette “Walt Disney The Classics” (Black Diamond). Per promuovere l’uscita in commercio del film, vennero realizzati alcuni spot pubblicitari. Su You Tube ne abbiamo recuperati tre, non sappiamo se ne fecero altri.

Dentro alla custodia si trovava parecchio materiale promozionale. Eccovi una foto che abbiamo recuperato su eBay.

Le vendite furono stratosferiche: si contano 10,6 milioni di copie vendute durante la prima settimana, che diventarono 25 milioni nel 1994. La videocassetta uscì di catalogo il 30 Aprile del 1994 e rimase in circolazione fino ad esaurimento scorte.

Molti di voi diranno: “Hey, ma anche la mia VHS Italiana ha il logo Black Diamond”. La videocassetta italiana di “Aladdin” non ha il famoso logo col rombo nero in copertina. Se la vostra copia lo avesse è perché si tratta di una videocassetta pirata, realizzata usando la fascetta americana. Operazioni analoghe vennero messe in atto per altri film, come “La carica dei 101“.

Occhio…alla ristampa!

Ci sono due diversi varianti della videocassetta. Quello che cambia è il trailer iniziale per “The Lion King“. Nelle prime copie prodotte è preceduto dal cartello “Coming to theatres from Walt Disney Pictures” e alcune delle animazioni del film vengono mostrate incomplete.

Nella seconda versione, invece, non c’è più quel cartello e il trailer mostra tutte le animazioni completate. Su You Tube potete visionare le due diverse sequenze pubblicitarie:

Vi elenchiamo alcune date di stampa della VHS. La seconda versione potete trovarla nelle copie stampate a partire dalla metà di Luglio. Copie che contengono la seconda variante potrebbero essere state prodotte qualche giorno prima ma non le abbiamo ancora identificate. La data di stampa della videocassetta la potete trovare impressa sul suo lato lungo, opposto allo sportellino.

  • 20 Giugno 1993
  • 24 Giugno 1993
  • 3 Luglio 1993
  • 15 Luglio 1993
  • 17 Luglio 1993
  • 22 Luglio 1993
  • 25 Luglio 1993
  • 4 Agosto 1993
  • 13 Settembre 1993

  Oltre alla videocassetta, venne rilasciata una versione in Laserdisc il 21 Settembre 1994, ovvero quasi cinque mesi dopo l’uscita di catalogo della videocassetta.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


PINOCCHIO – VHS 1993 (U.S.A.)


“Pinocchio”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 239
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “The nightmare before Christmas”, “Aladdin”
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: 1993
Versione: Videocassetta Demo a scopo promozionale
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

Descrizione Nastro:

La videocassetta Americana del 1993 di “Pinocchio” comincia con i messaggi antipirateria (sfondo verde), seguiti da una sequenza pubblicitaria che include “The Nightmare before Christmas” e “Aladdin“.

Il master video del film era esattamente lo stesso che abbiamo analizzato nella versione Demo della VHS. Si tratta di un restauro realizzato nel 1992. Caratteristica di questa versione è di una leggera dominante marroncina/rossastra, che nel complesso scurisce l’opera rispetto alla versione d’origine. A quei tempi, per svecchiare i film, si utilizzavano spesso tali tonalità nei restauri.

Come nella videocassetta DEMO, all’inizio del lungometraggio l’originale logo della RKO Radio Pictures viene sostituito da quello della Buena Vista.

Questa videocassetta è dotata di dispositivo anticopia Macrovision ed è informato NTSC: per quest’ultimo motivo potrebbe non essere supportata da molti videoregistratori Italiani.

Storia della VHS

 La Walt Disney restaurò “Pinocchio” nel 1992, in occasione di un suo ritorno nelle sale Americane. Dopo il ritorno delle sale, la Disney distribuì la versione restaurata in VHS il 26 Marzo 1993. Nello stesso periodo “Pinocchio” tornò in videocassetta anche in Italia ed in altri Paesi del mondo. Nonostante non ne compaia il logo sulla fascetta, questa videocassetta è considerata parte della collana “The Classics“, nota come “Black Diamond“.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



LA SPADA NELLA ROCCIA – VHS OTTOBRE 1986 (BLACK DIAMOND)

“La Spada nella Roccia”
(The Sword in the Stone)  

VHS Black Diamond OTTOBRE 1986

VI SEGNALIAMO CHE CIRCOLANO MOLTE FAKE NEWS SUL VALORE DI QUESTA VHS. PURTROPPO IL SUO VALORE, OGGI, È MOLTO BASSO. 

Codice VHS: VI 4158
BOX: Bianco in plastica morbida (logo Walt Disney Home Video)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Creazioni Walt Disney – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Presente (Versione CWD)
Pubblicità iniziali: Assenti
Pubblicità finali: “Le Pietre Preziose”, Fumetti Disney
Intro:
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Edizione: Ottobre 1986
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Ricorderete molto bene questa videocassetta de “La Spada nella Roccia“: il suo master video verrà utilizzato per qualsiasi videocassetta italiana. La stessa Rai trasmise questa versione per anni! Il master vanta cartelli cinematografici Italiani del film ed un aspect ratio fedele a quello originale. L’unica nota dolente è che la videocassetta presenta un errore che, purtroppo, si trascinano ancora oggi tutte le edizioni Home Video di questo Classico. Chi si occupò della colonna sonora italiana di questa VHS la “spense” subito dopo l’ultima battuta di Mago Merlino tagliando così la versione nostrana del coro finale.

Possiamo comunque farvelo ascoltare, direttamente da un vecchio Telecinema (ovvero un riversamento del master cinematografico) di proprietà di Matteo G.,che ringraziamo tantissimo. Eccolo qua!

Dopo i titoli iniziali, e per tutto il film, è impresso sul film il logo CWD, che si sposta ciclicamente ai quattro angoli dello schermo.

Non ci siamo dimenticati del resto del nastro! All’inizio abbiamo i messaggi antipirateria con la testa di Topolino, seguiti poi dall’intro lunga della Walt Disney Home Video, con una versione “modernizzata” di “Casey Jr.” in sottofondo.

Dopo il film troviamo la pubblicità dei libri Disney “Le Pietre Preziose” e di vari albi a fumetti disponibili in edicola.

Storia della VHS:

L’edizione del 1986 de “La Spada nella Roccia” porta molti cambiamenti, per quanto riguarda le videocassette de “I Classici”:

  • Lancia in Italia la collana “Grandi Classici“, conosciuta come Black Diamond;
  • Si tratta della prima fascetta di un Classico Disney dove sulla costa appare il volto del protagonista, in questo caso all’interno di un quadrato;
  • La Spada nella Roccia” è il primo Classico Disney distribuito col codice anticipato dalla sigla “VI” anziché “Cod.”.

La videocassetta si poteva prenderla a noleggio nelle videoteche, oppure acquistarla per cifre elevate. Anche più di £. 100.000!

L’edizione in questione verrà ristampata diverse volte, apportando varie modifiche al packaging, e resterà in catalogo fino a Novembre 1988, quando la Walt Disney distribuì una nuova edizione del Classico esclusivamente per la vendita.

Vi ricordiamo che, per una decisione della Disney Italia, su tutte le edizioni del film ristampate fino al 1997 continua ad essere segnalata come data in copertina il 1986.

Pubblicità e Cataloghi

L’uscita in videocassetta de “La Spada nella Roccia” non passò di certo inosservata! L’immagine che vedete apparse su “Topolino” e venne anche utilizzata per una locandina pubblicitaria.

Sempre su “Topolino“, venne stampata anche questa variante.

Occhio…alla ristampa!

Le ristampe di questa videocassetta sono facilmente riconoscibili. La vostra copia è una ristampa se sul retro della copertina trovate la scritta “Edizione Ottobre 1986”. Alcune ristampe, le ultime prodotte, hanno un box in plastica morbida nera ed anche l’ologramma argentato con la cinepresa impresso sulla fascetta.

Occhio…alla Versioni da Vendita!

Potete facilmente distinguere l’edizione del 1986 con quelle successive (che mantengono in copertina la precedente data) concentrandovi sul logo della Walt Disney Home Video sulla fascetta: nella VHS del 1986 è grande e di colore verde, mentre nelle edizioni successive è rosso con dimensioni minori. Vi mostriamo qua sotto una delle edizioni successive, più precisamente quella del Settembre 1989.

Vi mostriamo un video con le varie edizioni anni ’80 e le loro ristampe a confronto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



THE SWORD IN THE STONE – VHS BLACK DIAMOND 1989 (U.S.A.)


“The Sword in the Stone”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 229
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: Nessuna
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: The Classics
Edizione: 1989
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

VI RICORDIAMO DI STARE ATTENTI ALLE FAKE NEWS CHE CIRCOLANO SULLE COSIDDETTEVHS BLACK DIAMOND“, CHE COME QUESTA SONO CARATTERIZZATE DA UN ROMBO NERO IN COPERTINA.
NON SI TRATTA DI VIDEOCASSETTE DI VALORE POICHÉ PRODOTTE IN MILIONI DI ESEMPLARI. SPESSO VENGONO MESSE IN VENDITA A CIFRE ALTE MA NON VENGONO MAI ACQUISTATE SE NON PER IMPORTI IRRISORI.

Descrizione Nastro:

Messaggi antipirateria a sfondo rosso e intro “The Classics” aprono la videocassetta del Classico Disney “The Sword in the Stone” (edizione del 1989).

La pellicola non è restaurata e il master utilizzato è lo stesso di tutte le vecchie videocassette italiane, con ovviamente tutte le scritte in lingua originale. Come nelle edizioni Italiane precedenti alla metà degli anni ’90, manca all’appello il cartello della Buena Vista, distributrice del film nel 1963. “The Sword in the Stone” comincia direttamente dal cartello “Walt Disney Presents“.

A proposito di cartelli, vi invitiamo a visionare qua quelli Italiani, diversissimi dalla versione americana.

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La VHS del film firmato Walt Disney “The Sword in the Stone” che vi abbiamo appena descritto uscì nel 1989. Non si tratta della prima edizione del titolo: una prima videocassetta fu distribuita tre anni prima, nel 1986. La copertina è la stessa che verrà poi utilizzata in Italia per il DVD della Warner Home Video e, con qualche modifica, per la VHS del 1997 e il DVD Buena Vista del 2001. Negli U.S.A., la fascetta verrà riutilizzata per l’edizione in VHS del 1991, dove sarà soltanto il contenuto del nastro a cambiare.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



CATALOGO VHS WALT DISNEY NOVEMBRE 1994

Il secondo catalogo del 1994 venne distribuito a Novembre. Sul fronte di copertina compare per la prima volta il logo Disney Video, un suo prototipo se vogliamo essere precisi. Infatti in Italia era stato pensato come Disney Videocassette ma verrà successivamente declinato in Disney Video. L’intro Disney Video inizierà ad essere utilizzata nel nastro delle VHS a partire da Febbraio 1995, mentre il suo logo verrà impresso nelle copertine soltanto dal mese di ottobre 1995. Nella quarta di copertina viene pubblicizzata la videocassetta de “Il ritorno di Jafar“, uscita proprio a Febbraio 1995.

La prima pagina del catalogo mostra alcune delle videocassette precedentemente rilasciate de I Classici Disney assieme a due novità: “Aladdin“, per la prima volta in videocassetta e abbinato al gioco “Jafar Contro Tutti” e “La Bella addormentata del bosco“, che viene riproposta in Home Video dopo quattro anni dall’ultima edizone. Rispetto ai titoli disponibili nel Catalogo della Primavera 1994, notiamo che non sono più disponibili le seguenti videocassette:

Altri titoli non compaiono in queste due pagine, titoli che però continuavano ad essere disponibili. Capirete poi perché. C’è poi un’aggiunta rispetto al catalogo precedente: “Biancaneve e i sette nani“! Non era menzionata nello scorso catalogo poiché questo era stato stampato a Febbraio, mentre la videocassetta uscì a Maggio.

Notare che dopo ben 10 anni il film “I racconti dello Zio Tom” continuava ad occupare le pagine dei cataloghi Disney. Vi ricordiamo ancora che, sebbene non sia mai uscito in DVD, si tratta di un film che non è raro da trovare in videocassetta!

Dopo un anno senza novità, tornano ad aumentare “I Miniclassici” con due nuovi titoli: “Il mio amico Ben” e “Bongo“. Cresce anche la collana “Cartoon Classics” con “Topolino apprendista scalatore” e “Paperino 60 anni in allegria“. Come dite? Ci chiedete se “Il drago riluttante” e “La leggenda della Valle Addormentata” fossero usciti di catalogo? Assolutamente no!

Vi segnaliamo che queste collane di videocassette sono state recensite dal sito VHSWD!

Nessuna novità per le collane “La Sirenetta – Le nuove avventure marine di Ariel“, “Darkwing Duck” e “Canta con noi“. A dire il vero per la serie di Ariel ci sono delle novità: venne fatto il restyling della prima copertina (la seconda venne modificata già nella scorsa stagione) per conformarle con lo stile della terza. Inoltre nelle copie di questa serie stampate proprio a partire dall’Inverno 1994 venne aggiornato l’indirizzo di distribuzione: i riferimenti alla Buena Vista Home Entertainment sostituirono quelli della Buena Vista Home Video.

Arrivano nuove serie ad episodi con copertine cartonate! La più costosa ( £. 14.900) è “Winny Puh“, con le avventure dell’orsetto ghiottone. Tornano in VHS anche i “Gummi’s“, a sole £. 9.900 a videocassetta. Si tratta delle VHS Disney più economiche in assoluto!

Una serie tutta nuova è “Dinosauri“, con le prime tre videocassette vendute allo stesso prezzo di quelle dei Gummi! Il 10 Novembre 1994 per la Jim Henson Home Video si aggiunse la videocassetta di “Festa di Natale in Casa Muppet“. Non c’era nessun gadget abbinato ad essa, al contrario con quanto accaduto per gli altri due titoli dei Muppet.

Nessuna novità per la “Collezione Famiglia“, che sembra aver subito la perdita de “Il Ragazzo rapito“. Che qualcuno lo abbia rapito davvero? Ma no, state tranquilli. Tra poco saprete tutta la verità. Le ultime novità del catalogo sono tre film live action disponibili dal 10 Novembre 1994, proprio come il film dei Muppet: “I tre moschettieri“, “Heidi” e “Hocus Pocus“.

Ed ecco finalmente svelato il mistero! Nelle ultime pagine del catalogo vengono riepilogati tutti i titoli disponibili, inclusi quelli che per questioni di spazio non sono stati mostrati nelle pagine. Quindi titoli come “Bambi“, “Il ragazzo rapito” o “Il Drago riluttante” erano ancora disponibili! Non li avete visti prima per una questione di impaginazione.




LA BELLA ADDORMENTATA NEL BOSCO – VHS OTTOBRE 1988

“La Bella addormentata nel bosco” 

(Sleeping Beauty) 

VHS Black Diamond Ottobre 1988 

 

 

Codice VHS: VI 4241
BOX: Nero Grande in Plastica morbida
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Nessuna
Pubblicità finali: Fumetti Disney
Intro:
Sticker VHS: Topolino Apprendista Stregone
Edizione: Ottobre 1988
Versione: Noleggio e Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

“La Bella addormentata nel Bosco” di Walt Disney è proposta nella VHS del 1988 con lo stesso master video utilizzato per la prima volta due anni prima in America. L’immagine subisce quindi dei tagli per adattare l’aspect ratio in 4:3. L’unica differenza rispetto all’edizione Americana è data dall’inserimento dei titoli di testa Italiani (ma manca il cartello cinematografico finale della versione italiana) e, ovviamente, del doppiaggio italiano. Riproponiamo un confronto che avevamo pubblicato in precedenza per l’edizione del 1990, che utilizza lo stesso master. Con esso potrete rendervi conto dei tagli (enormi!) apportati all’immagine.

Vogliamo farvi notare di come la tecnologia fece passi da gigante in soli 6 anni, con l’edizione del 1994. Vi riportiamo un brusco cambio di inquadratura  nella scena in cui la fata Serenella tinge il vestito di blu, prima che Aurora rientri a casa. In questo nastro l’inquadratura si sposta tutta sul vestito, lasciandola fuori.  Nelle successive VHS si ricorrerà a un’inquadratura dinamica, che ci permetterà di vedere un po’ di Serenella e un po’ il vestito, rendendo il passaggio meno brusco.

La traccia audio italiana è ben definita ed in ottima qualità, senza alcun buco che purtroppo caratterizza le ultime edizioni Home Video. Nella successiva videocassetta del 1994 verrà utilizzato un diverso master video per i titoli iniziali. Nel seguente video troverete un confronto dei titoli di testa delle due VHS.

Per tutta la durata del film, dopo i titoli iniziali, compare in sovrimpressione il logo WD, che cambia posizione passando da un angolo all’altro dello schermo. I messaggi antipirateria della videocassetta sono quelli con la testa di Topolino che scorre, seguiti dall’intro della Walt Disney Home Video con una versione rivisitata di Casey Jr. che potete trovare in questo video.

Al termine del Classico, invece, troviamo lo spot pubblicitario “Più Topolino”, inserito nelle videocassette distribuite nell’autunno-inverno del 1988.

Storia della VHS:

La Bella addormentata nel Bosco” uscì per la prima volta su videocassetta in Italia nell’Ottobre 1988. La si poteva noleggiare oppure acquistare per cifre che andavano dalle £. 99.000 a £. 120.000, ovvero circa il triplo del prezzo al quale verrà venduta la prima edizione solo per la vendita! Eccovi un’immagine d’epoca che ci ha mandato Francesco Finarolli.

Il box della videocassetta era in plastica morbida nera. Tuttavia, non escludiamo che alcune copie lo possano avere di colore bianco, oppure che esso sia nella variante rigida nera.

L’evento fu pubblicizzato tantissimo su Topolino! Gli articoli furono davvero tantissimi, pertanto ve ne riportiamo soltanto un paio!

Per le videoteche fu creata questa bellissima vetrofania, che vi mostriamo dalla collezione di Nunziante Valoroso.

Questa invece è una brochure pubblicitaria, condivisa dall’utente christian_bologna sul Disney Digital Forum!

Nel 1990 uscì una nuova edizione, questa volta destinata soltanto alla vendita. Il suo prezzo ammontava a £. 39.000, decisamente minore rispetto a quello della prima edizione! La copertina era quasi identica a quella della versione del 1988, per questo motivo spesso le si confonde!

Occhio…alla versione SOLO PER LA VENDITA!

 La versione SOLO PER LA VENDITA del 1990 è molto simile a quella dell’Ottobre del 1988. A trarre in inganno c’è anche la data riportata nel retro della fascetta, che rimane sempre quella del 1988. Vi spieghiamo dunque come riconoscere la variante per la vendita:

  • La spada di Filippo non invade la costa come nella precedente versione, dove ora è presente l’ologramma argentato;
  • Il codice numerico della videocassetta è preceduto dalla sigla “VS” e non dalla sigla “VI” come nella versione recensita;
  • Non c’è il timbro SIAE sulla fascetta;
  • Le fate sono state ridisegnate;
  • Il titolo del film in Inglese è sotto il logo Italiano nel retro della copertina, spostato in un punto diverso;
  • L’immagine del retro dell’edizione Noleggio è stata ritagliata nell’edizione da vendita, circondata da uno sfondo blu;
  • Vi è un riquadro azzurro col codice a barre e altre informazioni tecnico-legali.

Vi ricordiamo che le numerose voci sull’elevato valore di questa videocassetta (e di tutte le altre “Black Diamond”) sono del tutto infondate. Sebbene questa videocassetta sia un gioiello che ogni collezionista dovrebbe avere, il suo valore è molto basso poiché come per ogni VHS dei Classici Disney ne furono prodotte molte copie.  Al giorno d’oggi queste videocassette sono facilmente reperibili usate.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



LA BELLE AU BOIS DORMANT – VHS BLACK DIAMOND 1986 (CANADA)


“La Belle au bois dormant”

EDIZIONE CANADA (LINGUA FRANCESE) 

Codice VHS:  476V/22
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Les Classiques” (Black Diamond)
Distributore: Walt Disney Telecommunications and Non-Theatrical Company, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: No
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: The Classics
Edizione: Ottobre 1986
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

Descrizione Nastro:

La VHS Canadese in lingua francese de “La Belle au bois dormant” si apre con i messaggi antipirateria su sfondo rosso, ai quale segue l’intro Disney Les Classiques, ovvero la variante in francese di The Classics (meglio nota come Black Diamond).

L’intero master di questa videocassetta è lo stesso della contemporanea videocassetta U.S.A. e verrà anche inserito nelle versioni italiane del 1988 e 1990. Purtroppo l’immagine del Classico, come spiegato nelle schede Italiane, è stata tagliata per adattarla al formato 4:3. Eccovi un confronto tra il Laserdisc dell’edizione U.S.A. del 1997 e il master della videocassetta. Notiamo, tuttavia, che la VHS ha una porzione d’immagine in più sul fondo dello schermo.

Quando il film uscì nei cinema della Francia fu creata una versione con scritte in francese dei titoli di testa e coda, che però rimangono in inglese in questa edizione. Inoltre, è proposto il secondo doppiaggio francofono nel nastro, eseguito nel 1981. La prima versione del 1959 non è mai stata rilasciata in home video ufficialmente e ad oggi è irreperibile nella sua interezza.

La VHS è in formato NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

Nell’Ottobre del 1986 la Walt Disney distribuì negli Stati Uniti e nel Canada  “Sleeping Beauty” su videocassetta e Laserdisc. Nel Canada uscì anche una versione col doppiaggio francese, ovvero “La Belle au bois dormant” che è quella che abbiamo recensito. Lingua a parte, il master video della VHS era uguale a quello della versione doppiata in Inglese. Rimase in catalogo fino al 31 Marzo 1988 e si dovranno aspettare ben 9 anni per godere di una nuova versione Home Video del film nel mercato Canadese.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



ALICE AU PAYS DES MERVEILLES – VHS BLACK DIAMOND 1986 (CANADA)


“Alice au Pays des Merveilles”

EDIZIONE CANADA (LINGUA FRANCESE) 

Codice VHS: 36 V/22
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Les Classiques” (Black Diamond)
Distributore: Walt Disney Telecommunications and Non-Theatrical Company, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: No
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: The Classics
Edizione: Ottobre 1986
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

Descrizione Nastro:

Di che colore è lo sfondo dei messaggi antipirateria di questa videocassetta Canadese di “Alice au Pays des Merveilles“? Naturalmente rossi! Non sia mai che la terribile Regina di Cuori si possa infuriare!

Prima che il film cominci, non manca l’introduzione Walt Disney The Classics, presentata nella sua prima versione creata nel lontano 1984. La stessa veniva utilizzata nelle videocassette Statunitensi.

Ed è dunque doveroso specificare che l’intero master di questa videocassetta è esattamente identico a quello delle prime stampe della videocassetta U.S.A. del 1986. Le uniche cose che cambiano sono i messaggi antipirateria iniziali e il doppiaggio del film, ovviamente in lingua Francese. La Francia commissionò due doppiaggi del Classico: uno nel 1951 e uno nel 1974. Quale edizione conterrà questa videocassetta?

La risposta più corretta che possiamo darvi è questa: la videocassetta contiene parzialmente il secondo doppiaggio Francese. Perché parzialmente? Perché la canzone “Painting the roses red” è curiosamente inserita col primo doppiaggio francofono del 1951, e lo stesso vale per la canzone che le carte cantano mentre i tre giardinieri vengono condotti al patibolo.

Il film ha tutte le scritte in lingua inglese: la videocassetta non propone dunque i cartelli cinematografici francesi, inseriti invece nelle edizioni successive. La ripresa di “Alice in Wonderland” nei titoli di coda rimane in inglese. Questo perché i titoli di coda contengono solamente i nomi dei doppiatori americani, e dunque sono sempre stati tagliati nelle varie edizioni cinematografiche estere. La prima videocassetta italiana condivide con questa edizione lo stesso master del film e la stessa scelta per quanto riguarda i titoli di coda.

La VHS è in formato NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

Nel 1986 la Walt Disney distribuì negli Stati Uniti (il 28 Maggio) e nel Canada (ad Ottobre) una nuova edizione VHS di “Alice in Wonderland“. Venne creata per i cittadini Canadesi un’edizione contenente il doppiaggio francese, che è quella che abbiamo descritto nella nostra scheda. Lingua a parte, nel nastro, su sticker e sulla fascetta, le due edizioni erano esattamente identiche. Entrambe sono parte della collana Black Diamond, chiamata “The Classics” negli U.S.A. e “Les Classiques” in Canada. L’immagine utilizzata per la fascetta approderà anche in Italia con l’edizione in VHS del Settembre 1990, che abbiamo recensito qua.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



THE JUNGLE BOOK – VHS EDIZIONE BLACK DIAMOND 1991 (U.S.A.)


“The Jungle Book”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 1122
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Beauty and the Beast“, “The Rescuers Downunder
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: 1991
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

VI RICORDIAMO DI STARE ATTENTI ALLE FAKE NEWS CHE CIRCOLANO SULLE COSIDDETTEVHS BLACK DIAMOND“, CHE COME QUESTA SONO CARATTERIZZATE DA UN ROMBO NERO IN COPERTINA.
NON SI TRATTA DI VIDEOCASSETTE DI VALORE POICHÉ PRODOTTE IN MILIONI DI ESEMPLARI. SPESSO VENGONO MESSE IN VENDITA A CIFRE ALTE MA NON VENGONO MAI ACQUISTATE SE NON PER IMPORTI IRRISORI.

Descrizione Nastro:

La VHS del Classico “The Jungle Book” si apre coi messaggi antipirateria a sfondo rosso, ai quali segue una sequenza pubblicitaria che include “Beauty and the Beast” (di prossima uscita nelle sale) e “The Rescuers Down Under“. Dopo l’intro The Classics, il film comincia. Notiamo la rimozione dello storico cartello cinematografico della Buena Vista: il Classico parte direttamente dal cartello “Walt Disney Presents“.

L’aspect ratio è fedele a quello originale, al contrario della versione proposta nelle recenti edizioni Home Video, nelle quali il film è adattato in 16:9, il che comporta dei tagli sopra e sotto ai fotogrammi.

Il master video è lo stesso che verrà utilizzato come base per la VHS italiana 1993, alla quale vengono soltanto aggiunti i titoli di testa italiani. Curiosamente, la precedente videocassetta Demo statunitense aveva un master diverso, con i colori molto più tenui.

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La videocassetta del film venne distribuita negli Stati Uniti nel 1991 e ottenne un ottimo successo presso il pubblico, risultando una delle videocassette più acquistate nel 1991 con 9,4 milioni di copie vendute, battuta soltanto dal Classico Disney “Fantasia” e dal film “Home Alone“. Il film arriverà in Home Video fuori dall’America nel 1993 e tra i paesi che lo rilasciarono c’è anche l’Italia, oltre al Regno Unito, la Francia e altri. Alla fine del 1994, le copie vendute a livello mondiale del film ammontarono a ben 24,5 milioni!  L’America dovrà aspettare il 1997 per avere una nuova edizione restaurata di “The Jungle Book“. Questo restauro arriverà in Italia con la VHS del 2000.

Occhio…alla ristampa!

Sui gusci delle VHS Americane era quasi sempre impressa la data di stampa. Noi per ora abbiamo individuato queste print date dell’edizione del 1991 di “The Jungle Book“:

  • 11 Febbraio 1991
  • 12 Febbraio 1991
  • 19 Febbraio 1991
  • 20 Febbraio 1991
  • 14 Marzo 1991
  • 18 Marzo 1991
  • 20 Marzo 1991
  • 27 Marzo 1991
  • 3 Aprile 1991
  • 29 Maggio 1991

Per quanto riguarda la fascetta e il contenuto del nastro, non cambia assolutamente nulla tra le varie copie.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



CINDERELLA – VHS BLACK DIAMOND 1988 (U.S.A.)


“Cinderella”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 410
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Cinepresa
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Oliver & Company
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: 1992
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

VI RICORDIAMO DI STARE ATTENTI ALLE FAKE NEWS CHE CIRCOLANO SULLE COSIDDETTEVHS BLACK DIAMOND“, CHE COME QUESTA SONO CARATTERIZZATE DA UN ROMBO NERO IN COPERTINA.
NON SI TRATTA DI VIDEOCASSETTE DI VALORE POICHÉ PRODOTTE IN MILIONI DI ESEMPLARI. SPESSO VENGONO MESSE IN VENDITA A CIFRE ALTE MA NON VENGONO MAI ACQUISTATE SE NON PER IMPORTI IRRISORI.

Descrizione Nastro:

La VHS del 1988 di “Cinderella” presenta i classici messaggi antipirateria all’inizio del nastro. La variante presentata è quella rossa.

L’unico trailer pubblicitario della videocassetta è quello relativo alla distribuzione cinematografica di “Oliver & Company“, preceduto da un cartello su sfondo verde che lo classifica come “Film per tutti”. O meglio, è The motion picture association of America ad averlo fatto!

L’intro Walt Disney Classics con Topolino-Apprendista Stregone ci avverte che il film sta per cominciare. Spendiamo ora qualche parola sul master del film. Il cartello della RKO Radio Pictures, distributrice cinematografica del film nel 1950, è completamente assente. Al suo posto è stato inserita la video-introduzione col castello della Walt Disney Pictures. In origine i titoli di testa avevano un riquadro nero, che è stato mantenuto in questa edizione con l’aggiunta di una sfumatura tra il nero e l’immagine. Ciò ha comportato ad una perdita del disegno originale. Quanto detto vale solo per i titoli di apertura. Eccovi un confronto di un fotogramma dei titoli, tra la versione di questa videocassetta e quella del DVD del 2005.

Il film non è stato restaurato, lo testimonia il collo di Cinderella, rimasto – come in origine – senza colore mentre la fanciulla si affaccia alla trappola per topi.

Tuttavia, un rimaneggiamento c’è stato, oltre a quello dei titoli di testa. Dopo la canzone Sing Sweet Nightngale, nella versione originale Cinderella brandiva una scolpa minacciando di punire il gatto Lucifer per l’ultima delle sue malefatte. Il moralismo dell’epoca ha portato a censurare questa scena, sostituendo i fotogrammi con altri che sarebbero apparsi poco dopo. È stata ripetuta questa sequenza, per intenderci:

Nonostante ciò, in favore di questa VHS possiamo dire che la colorazione del film è decisamente più fedele all’originale rispetto a quella utilizzata nelle edizioni Home Video distribuite durante il 1992 in diversi paesi del Mondo. Tra questi rientra anche l’Italia.

Oltre agli Stati Uniti, gli unici paesi ad utilizzare il master video di questa videocassetta furono il Canada, sempre nel 1988, e la Francia nel 1991.

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La VHS di “Cinderella” venne lanciata negli U.S.A. il 4 Ottobre 1988 come parte della linea di videocassette “Walt Disney The Classics” (Black Diamond) e rimase in catalogo fino al 30 Aprile 1989. Il prezzo di lancio fu $ 26,99 ed aumentò a $ 29,95 a partire dal 1 Dicembre 1988. Le vendite della videocassetta superarono ogni aspettative dell’epoca: ne furono inizialmente prodotte circa 4,3 milioni di copie ma, a causa  delle numerosissime richieste, la Walt Disney finì col distribuirne oltre 7 milioni. “Cinderella” divenne il Classico Disney con più copie in VHS vendute, nel 1988. Un tale successo fu anche dovuto all’ottimo marketing della Disney! Eccovi due degli spot pubblicitari della VHS trasmessi sulle reti Americane.

Sugli esemplari della videocassetta non è impressa alcuna data di stampa. Non siamo dunque in grado di distinguere una copia dall’altra, poiché non vi è alcuna differenza nel nastro o in copertina.

  Oltre alla videocassetta, venne rilasciata in contemporanea anche una versione in Laserdisc. Il disegno della fascetta che accompagnava il nastro verrà poi utilizzato per qualsiasi edizione Home Video del film prodotta nel mondo fino al 1993. La stessa si poteva trovare su poster e altro materiale cartaceo, come libri.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.