Tag Archives: 1988

TUTTO QUELLA NOTTE – VHS TOUCHSTONE NOVEMBRE 1988

“Tutto quella notte” 

(A night on the town)

 

Codice VHS: VI 4250
BOX: Nero in plastica morbida
Collana: Touchstone Home Video
Distributore: Creazioni Home Video – Via Agnello 18, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino Apprendista stregone (1986-1988)
Logo CHV: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Pubblicità finali: Assenti
Intro: Creazioni Home Video
Edizione: Novembre 1988
Versione: Noleggio
Macrovision

 

Descrizione Nastro:

“Tutto quella notte” è una commedia per ragazzi prodotta dalla Touchstone Pictures in  associazione con Silver Screen Partners III nel 1987. I protagonisti principali della pellicola sono interpretati da:

  • Elisabeth Shue (Chris Parker), doppiata da Laura Boccanera;
  • Keith Coogan (Brad Anderson), doppiato da Fabrizio Manfredi;
  • Maia Brewton (Sara Anderson), doppiata da Federica De Bortoli;
  • Anthony Rapp (Daryl Coopersmith), doppiato da Massimo Corizza.

Il film è conosciuto in lingua inglese con due titoli: “Adventures in Babysitting” negli Stati Uniti, mentre nei cinema del Regno Unito fu distribuito col titolo “A night on the Town” ed è proprio questa versione che è arrivata da noi.

Il lungometraggio ha alcune battute che risultano controverse. La prima è all’inizio del film, quando Brad Anderson dice alla sorellina Sara che “Thor è un omosessuale” (Thor’s a homo). Nella versione televisiva in lingua inglese questa battuta venne modificata, sostituendola con “Thor’s is a weirdo” (Thor è uno strambo). In Italia non esiste una versione modificata della scena. Che sia questo il motivo che ha portato all’esclusione del doppiaggio italiano del film su Disney Plus? Non possiamo saperlo, ma questa idea ce l’ha suggerita Angelo Serfilippi, che iniziò ad indagare sulla questione appena caricato il film sulla nota piattaforma.

Noi siamo andati avanti con le ricerche e abbiamo scoperto che ci sono altre scene controverse. Ad un certo punto Chris, mentre cerca di far cessare una lite sul treno, viene chiamata putt*na (Sit down, b*tch) da dei teppisti. Nella versione modificata in lingua inglese b*tch diventa witch (strega). Ma non è finita qui. Poco dopo si ascoltano le battute “Don’t f*ck with the Lords of the Hell” e “Don’t f*ck with the babysitter”. Nella versione televisiva inglese f*ck viene rimpiazzato da fool. Nell’edizione italiana la traduzione di f*ck (f*tte) è presente solo nella prima delle due battute.

Forse, l’ipotesi mossa da Angelo Serfilippi in merito all’assenza della traccia audio italiana potrebbe essere fondata: in mancanza di una versione italiana “per tutti”, gli addetti di Disney Plus potrebbero aver deciso di non inserire il doppiaggio nostrano.

Focalizziamoci ora su altri aspetti del master video. Come già detto, esso si basa sulla versione inglese integrale. Lo specifichiamo perché non solo esiste una versione inglese modificata nei dialoghi, ma quando “A night on the town” arrivò nei cinema del Regno Unito fu distribuito con un taglio di 8 secondi proprio nella scena della lite. Quest’ultima venne reintegrata a partire dall’uscita in VHS, ma ciò costò al film il marchio di “Vietato ai minori di 15 anni”. Sulla fascetta della videocassetta italiana non vi è segnalata alcuna restrizione di pubblico. Il film è presentato con uno zoom per evitare la comparsa di bande nere sopra e sotto lo schermo delle tv a tubo catodico (pensate per trasmissioni in 4:3), qualora fosse rimasto nel suo aspect ratio nativo. Sono state giuntate  al master video tutte le didascalie cinematografiche italiane, ovvero il titolo e delle schede sull’edizione italiana dopo i titoli di coda.

Dopo la comparsa del titolo sullo schermo spunta il logo CHV (Creazioni Home Video) e ci resterà fino all’ultima scena prima dei titoli di coda. Non vi è alcuna sequenza pubblicitaria nel nastro: il film comincia subito dopo i messaggi antipirateria (accompagnati dal rumore tipico di una macchina da scrivere) e l’intro della Creazioni Home Video.

Segnaliamo infine che il nastro è privo di dispositivo antiduplicazione.

Storia della VHS:

La videocassetta uscì a Novembre 1988 esclusivamente per il noleggio e ad oggi non esistono successive edizioni in videocassetta, né in DVD o Blu-Ray. Come abbiamo già detto, il film è contenuto nella sua versione cinematografica integrale, senza alcuna censura. L’edizione italiana venne pubblicata con un box nero in plastica morbida, marchiato Creazioni Home Video. Il logo della CHV appare anche sullo sticker della VHS. Non ci risulta l’esistenza di ristampe con eventuali differenze.

Fascetta e videocassetta acquisite in digitale dal nostro collaboratore Roberto Greco.

Fonti informazioni edizione inglese: www.imdb.com

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.





GLI OCCHI DEL PARCO – VHS DISNEY 1988

“Gli occhi del parco” 

(The Watcher in the Woods)

Codice VHS: VI 4232
BOX: Nero in plastica morbida
Collana: Walt Disney Home Video
Distributore: Creazioni Home Video – Via Agnello 18, Milano
Ologramma argentato: Assente
Sticker VHS: Creazioni Home Video
Logo WD: Presente (CHV)
Edizione: Giugno 1988
Versione: Noleggio
Macrovision

 

Descrizione Nastro:

“Gli occhi del parco” è una pellicola dell’orrore firmata Walt Disney, tratta dal romanzo “A watcher in the woods” di Florence Engel Randall. Prodotto nel 1980 da John Hough e Vincent McEveety, il cast vanta la presenza di Bette Davis, Carroll Baker, David McCallum, Lynn-Holly Johnson, Kyle Richards, Ian Bannen e Richard Pasco.

Come consuetudine ai tempi delle VHS, il film è stato zoomato per adattarlo al formato 4:3, comportando la perdita di dettaglio ai lati destro e sinistro dell’immagine. Per tutta la durata del film, titoli esclusi, compare il logo CHV che significa Creazioni Home Video, non c’è dunque il logo CWD. L’unica scritta italiana che compare durante il film è quella del titolo, che copre con un ritocco quello originale.

Come già detto, questa è una pellicola dell’orrore. Certo, forse per gli standard attuali potrebbe risultare un film tutt’altro che spaventoso – e nemmeno all’epoca la critica lo acclamò – ma bisogna ricordare che si tratta di un film del 1980. I problemi del lungometraggio, secondo noi, sono anche altri ma non siamo critici cinematografici pertanto lasciamo a loro l’espressione di giudizi in merito alla qualità de “Gli occhi del parco“. La pellicola ci presenta la vita di una spensierata famigliola americana, che viene stravolta da eventi paranormali subito dopo il suo trasferimento nella tetra villa della signora Alywood (Bette Davis). La figlia maggiore, Jan, dovrà cercare di risolvere il mistero che ruota attorno alla scomparsa figlia della cupa padrona di casa, prima che il suo passato possa distruggere il futuro dell’intera famiglia.

Esistono ben tre finali del lungometraggio. Il primo finale prevedeva l’utilizzo di complessi effetti speciali che non sarebbero stati pronti in tempo: la Walt Disney voleva far uscire il film per celebrare i 50 anni di carriera di Bette Davis. Per questo tale finale non fu mai concretamente realizzato. Il secondo finale riprendeva solo alcuni elementi del primo, tralasciandone altri e risultò incomprensibile quando venne mostrato in anteprima al pubblico. Si decise dunque di girare un nuovo finale per la distribuzione cinematografica del 1981, che è esattamente lo stesso arrivato in Italia e che ritroviamo nella videocassetta.

Personalmente consigliamo questo film a chi è desideroso di conoscere l’intera filmografia Disneyana e agli amanti dell’horror che potrebbero essere interessati ad approcciarsi a questo esperimento, forse non del tutto riuscito, da parte della Walt Disney di produrre una pellicola del brivido in live action. Visti i tempi, se non sapete cosa fare in casa la notte di Halloween e se cercate da vedere un film horror soft – molto soft –  “Gli occhi del parco” è quello che fa per voi!

Storia della VHS:

La videocassetta uscì a Giugno del 1988 esclusivamente per il noleggio. Non vennero mai rilasciate edizioni per la vendita nel nostro paese. Venne consigliata, come riportato sulla fascetta, la visione del film ad un pubblico maggiore di 12 anni, lasciando alla discrezione dei genitori la scelta di proporre questo film a figli di età inferiore. Data la componente horror della pellicola, la Disney probabilmente era indecisa se distribuire questo film in Home Video “a nome suo” o se farlo uscire come parte delle VHS marchiate Creazioni Home Video. Questa titubanza la si percepisce osservando il packaging: sul fronte della cover non compare il logo Walt Disney Home Video, proprio per non richiamare l’attenzione dei più piccini. Il logo Disney compare soltanto sulla costa e nel retro, scritto con un font differente in quest’ultimo caso. Non sono pervenuti ologrammi argentati in copertina ma soltanto uno sul guscio della VHS contenente il marchio SIAE. Il box ha impresso al suo interno il logo Creazioni Home Video, che compare anche sullo sticker della VHS e persino durante il film vengono proiettate le sue iniziali. Da qui si capisce che la Walt Disney decise all’ultimo di utilizzare il suo nome per l’edizione home video di questo titolo. Il film venne sponsorizzato anche in diversi cataloghi Disney. L’immagine che segue proviene da un catalogo del 1989.

A partire dai primi anni ’90 la Walt Disney non distribuì mai più “Gli occhi del parco” in Home Video sul territorio italiano.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright. Le immagini dal film verranno presto sostituite da una acquisizione della nostra VHS.

 




LA BELLA ADDORMENTATA NEL BOSCO – VHS OTTOBRE 1988

“La Bella addormentata nel bosco” 

(Sleeping Beauty) 

VHS Black Diamond Ottobre 1988 

 

 

Codice VHS: VI 4241
BOX: Nero Grande in Plastica morbida
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Nessuna
Pubblicità finali: Fumetti Disney
Intro:
Sticker VHS: Topolino Apprendista Stregone
Edizione: Ottobre 1988
Versione: Noleggio e Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

“La Bella addormentata nel Bosco” di Walt Disney è proposta nella VHS del 1988 con lo stesso master video utilizzato per la prima volta due anni prima in America. L’immagine subisce quindi dei tagli per adattare l’aspect ratio in 4:3. L’unica differenza rispetto all’edizione Americana è data dall’inserimento dei titoli di testa Italiani (ma manca il cartello cinematografico finale della versione italiana) e, ovviamente, del doppiaggio italiano. Riproponiamo un confronto che avevamo pubblicato in precedenza per l’edizione del 1990, che utilizza lo stesso master. Con esso potrete rendervi conto dei tagli (enormi!) apportati all’immagine.

Vogliamo farvi notare di come la tecnologia fece passi da gigante in soli 6 anni, con l’edizione del 1994. Vi riportiamo un brusco cambio di inquadratura  nella scena in cui la fata Serenella tinge il vestito di blu, prima che Aurora rientri a casa. In questo nastro l’inquadratura si sposta tutta sul vestito, lasciandola fuori.  Nelle successive VHS si ricorrerà a un’inquadratura dinamica, che ci permetterà di vedere un po’ di Serenella e un po’ il vestito, rendendo il passaggio meno brusco.

La traccia audio italiana è ben definita ed in ottima qualità, senza alcun buco che purtroppo caratterizza le ultime edizioni Home Video. Nella successiva videocassetta del 1994 verrà utilizzato un diverso master video per i titoli iniziali. Nel seguente video troverete un confronto dei titoli di testa delle due VHS.

Per tutta la durata del film, dopo i titoli iniziali, compare in sovrimpressione il logo WD, che cambia posizione passando da un angolo all’altro dello schermo. I messaggi antipirateria della videocassetta sono quelli con la testa di Topolino che scorre, seguiti dall’intro della Walt Disney Home Video con una versione rivisitata di Casey Jr. che potete trovare in questo video.

Al termine del Classico, invece, troviamo lo spot pubblicitario “Più Topolino”, inserito nelle videocassette distribuite nell’autunno-inverno del 1988.

Storia della VHS:

La Bella addormentata nel Bosco” uscì per la prima volta su videocassetta in Italia nell’Ottobre 1988. La si poteva noleggiare oppure acquistare per cifre che andavano dalle £. 99.000 a £. 120.000, ovvero circa il triplo del prezzo al quale verrà venduta la prima edizione solo per la vendita! Eccovi un’immagine d’epoca che ci ha mandato Francesco Finarolli.

Il box della videocassetta era in plastica morbida nera. Tuttavia, non escludiamo che alcune copie lo possano avere di colore bianco, oppure che esso sia nella variante rigida nera.

L’evento fu pubblicizzato tantissimo su Topolino! Gli articoli furono davvero tantissimi, pertanto ve ne riportiamo soltanto un paio!

Per le videoteche fu creata questa bellissima vetrofania, che vi mostriamo dalla collezione di Nunziante Valoroso.

Questa invece è una brochure pubblicitaria, condivisa dall’utente christian_bologna sul Disney Digital Forum!

Nel 1990 uscì una nuova edizione, questa volta destinata soltanto alla vendita. Il suo prezzo ammontava a £. 39.000, decisamente minore rispetto a quello della prima edizione! La copertina era quasi identica a quella della versione del 1988, per questo motivo spesso le si confonde!

Occhio…alla versione SOLO PER LA VENDITA!

 La versione SOLO PER LA VENDITA del 1990 è molto simile a quella dell’Ottobre del 1988. A trarre in inganno c’è anche la data riportata nel retro della fascetta, che rimane sempre quella del 1988. Vi spieghiamo dunque come riconoscere la variante per la vendita:

  • La spada di Filippo non invade la costa come nella precedente versione, dove ora è presente l’ologramma argentato;
  • Il codice numerico della videocassetta è preceduto dalla sigla “VS” e non dalla sigla “VI” come nella versione recensita;
  • Non c’è il timbro SIAE sulla fascetta;
  • Le fate sono state ridisegnate;
  • Il titolo del film in Inglese è sotto il logo Italiano nel retro della copertina, spostato in un punto diverso;
  • L’immagine del retro dell’edizione Noleggio è stata ritagliata nell’edizione da vendita, circondata da uno sfondo blu;
  • Vi è un riquadro azzurro col codice a barre e altre informazioni tecnico-legali.

Vi ricordiamo che le numerose voci sull’elevato valore di questa videocassetta (e di tutte le altre “Black Diamond”) sono del tutto infondate. Sebbene questa videocassetta sia un gioiello che ogni collezionista dovrebbe avere, il suo valore è molto basso poiché come per ogni VHS dei Classici Disney ne furono prodotte molte copie.  Al giorno d’oggi queste videocassette sono facilmente reperibili usate.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



CINDERELLA – VHS BLACK DIAMOND 1988 (U.S.A.)


“Cinderella”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 410
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Cinepresa
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Oliver & Company
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: 1992
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

VI RICORDIAMO DI STARE ATTENTI ALLE FAKE NEWS CHE CIRCOLANO SULLE COSIDDETTEVHS BLACK DIAMOND“, CHE COME QUESTA SONO CARATTERIZZATE DA UN ROMBO NERO IN COPERTINA.
NON SI TRATTA DI VIDEOCASSETTE DI VALORE POICHÉ PRODOTTE IN MILIONI DI ESEMPLARI. SPESSO VENGONO MESSE IN VENDITA A CIFRE ALTE MA NON VENGONO MAI ACQUISTATE SE NON PER IMPORTI IRRISORI.

Descrizione Nastro:

La VHS del 1988 di “Cinderella” presenta i classici messaggi antipirateria all’inizio del nastro. La variante presentata è quella rossa.

L’unico trailer pubblicitario della videocassetta è quello relativo alla distribuzione cinematografica di “Oliver & Company“, preceduto da un cartello su sfondo verde che lo classifica come “Film per tutti”. O meglio, è The motion picture association of America ad averlo fatto!

L’intro Walt Disney Classics con Topolino-Apprendista Stregone ci avverte che il film sta per cominciare. Spendiamo ora qualche parola sul master del film. Il cartello della RKO Radio Pictures, distributrice cinematografica del film nel 1950, è completamente assente. Al suo posto è stato inserita la video-introduzione col castello della Walt Disney Pictures. In origine i titoli di testa avevano un riquadro nero, che è stato mantenuto in questa edizione con l’aggiunta di una sfumatura tra il nero e l’immagine. Ciò ha comportato ad una perdita del disegno originale. Quanto detto vale solo per i titoli di apertura. Eccovi un confronto di un fotogramma dei titoli, tra la versione di questa videocassetta e quella del DVD del 2005.

Il film non è stato restaurato, lo testimonia il collo di Cinderella, rimasto – come in origine – senza colore mentre la fanciulla si affaccia alla trappola per topi.

Tuttavia, un rimaneggiamento c’è stato, oltre a quello dei titoli di testa. Dopo la canzone Sing Sweet Nightngale, nella versione originale Cinderella brandiva una scolpa minacciando di punire il gatto Lucifer per l’ultima delle sue malefatte. Il moralismo dell’epoca ha portato a censurare questa scena, sostituendo i fotogrammi con altri che sarebbero apparsi poco dopo. È stata ripetuta questa sequenza, per intenderci:

Nonostante ciò, in favore di questa VHS possiamo dire che la colorazione del film è decisamente più fedele all’originale rispetto a quella utilizzata nelle edizioni Home Video distribuite durante il 1992 in diversi paesi del Mondo. Tra questi rientra anche l’Italia.

Oltre agli Stati Uniti, gli unici paesi ad utilizzare il master video di questa videocassetta furono il Canada, sempre nel 1988, e la Francia nel 1991.

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La VHS di “Cinderella” venne lanciata negli U.S.A. il 4 Ottobre 1988 come parte della linea di videocassette “Walt Disney The Classics” (Black Diamond) e rimase in catalogo fino al 30 Aprile 1989. Il prezzo di lancio fu $ 26,99 ed aumentò a $ 29,95 a partire dal 1 Dicembre 1988. Le vendite della videocassetta superarono ogni aspettative dell’epoca: ne furono inizialmente prodotte circa 4,3 milioni di copie ma, a causa  delle numerosissime richieste, la Walt Disney finì col distribuirne oltre 7 milioni. “Cinderella” divenne il Classico Disney con più copie in VHS vendute, nel 1988. Un tale successo fu anche dovuto all’ottimo marketing della Disney! Eccovi due degli spot pubblicitari della VHS trasmessi sulle reti Americane.

Sugli esemplari della videocassetta non è impressa alcuna data di stampa. Non siamo dunque in grado di distinguere una copia dall’altra, poiché non vi è alcuna differenza nel nastro o in copertina.

  Oltre alla videocassetta, venne rilasciata in contemporanea anche una versione in Laserdisc. Il disegno della fascetta che accompagnava il nastro verrà poi utilizzato per qualsiasi edizione Home Video del film prodotta nel mondo fino al 1993. La stessa si poteva trovare su poster e altro materiale cartaceo, come libri.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



QUALCOSA DI SINISTRO STA PER ACCADERE – VHS DISNEY 1988

“Qualcosa di sinistro sta per accadere” 

(Something wicked this way comes)

Codice VHS: VI 4244
BOX: Nero in plastica morbida
Collana: Walt Disney Home Video
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino Apprendista stregone (1986-1988)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Pubblicità finali: Fumetti Topolino
Intro:
Edizione: Ottobre 1988
Versione: Noleggio
Macrovision

 

Descrizione Nastro:

“Qualcosa di sinistro sta per accadere” è un vero e proprio horror Disneyano. Prodotto nel 1983 e diretto da Jack Clayton, il lungometraggio trae la sua storia dal romanzo “Something wicked this way comes” di Ray Bradbury, noto da noi come “Il popolo dell’autunno“.  Alla pellicola partecipano Vidal Peterson e Shawn Carson nei panni dei protagonisti Will e Jim. Il padre dei ragazzi è interpretato da Jason Robards, mentre Jonathan Pryce da il volto all’oscuro Mr. Dark.

La storia narrata è la seguente: un autunno di molti anni fa a Green Town cominciano ad accadere strani eventi in concomitanza con l’arrivo del  Pandemonium Carnival, la fiera del signor Dark, un uomo oscuro di nome e di fatto! Persone che scompaiono, altre che ringiovaniscono, un’ala di mistero copre la città. E quando Jim e Will, i due piccoli protagonisti, vedranno troppo, Mr. Dark farà di tutto per eliminarli.

Riteniamo che questa pellicola può essere un primo approccio al cinema d’orrore per i più piccoli. Si tratta di un film per ragazzi, anche se ci sentiamo di consigliare la visione con la presenza di un adulto poiché ci sono alcune scene che forse sono un po’ forti per un bambino, verso la fine del film.  E se soffrite di aracnofobia…beh… forse dovreste tapparvi gli occhi durante una scena!

Crediamo che questo film lo possano apprezzare anche tutti quelli che sono cresciuti con i film Disney degli anni ’80 e ’90.

Passiamo ora ad analizzare il nastro! Non vi sono pubblicità nella videocassetta, se non quella finale dedicata ai fumetti di Topolino. I messaggi antipirateria che precedono il film sono quelli con la testa di Topolino che scorre. L’immagine è stata modificata per adattarla agli schermi in 4:3: ne fanno le spese i lati destro e sinistro del film!

Il logo WD è onnipresente sullo schermo durante il lungometraggio e questa fu tra le prime VHS a sostituirlo al precedente logo CWD (Creazioni Walt Disney). I titoli di testa sono completamente in Inglese e viene aggiunto un fotogramma con la traduzione Italiana del titolo prima che il film cominci. Al suo termine comparono dei cartelli legati all’edizione Italiana. Gli stessi vennero usati anche per le trasmissioni Rai. Come potete leggere, l’edizione italiana venne curata nei dialoghi da Andrea De Leonardis, figlio del “Comandante” Roberto De Leonardis, storico adattatore dei Classici Disney.  La direzione del doppiaggio fu invece affidata a Germana Dominici, nota attrice e doppiatrice. Ricordate la Tata Bentina nella serie di “Ducktales- Avventure di Paperi” del 1987? È proprio Germana a doppiarla.

Nel cartello successivo sono riportati soltanto i doppiatori di Jim (Ilaria Stagni), Will (Giovanni Baldini) e di suo padre (Giuseppe Rinaldi). Notare come il cognome del padre di Will, “Halloway”, venga erroneamente scritto senza una “a”.

Come tutte le videocassette Disney degli anni ’80 distribuite in Italia, il nastro è sprovvisto di dispositivo antiduplicazione.

Storia della VHS:

La videocassetta uscì nell’Ottobre del 1988 esclusivamente per il noleggio ed è la prima ed unica edizione Home Video del film realizzata in Italia. Non fu mai distribuita un’edizione per la vendita nel nostro paese. Poteva comunque capitare che qualche negoziante, specie se operava da grossista, ne ordinasse più copie e quelle in eccesso le destinava alla vendita. Era una pratica diffusa ai tempi delle VHS. Il box utilizzato era nero in plastica morbida e ad oggi abbiamo reperito sempre e solo la VHS con questo box. Se la vedeste con un box rigido fate attenzione che sia il box originale! Sin dalle origini, l’ologramma argentato accompagnava la fascetta della videocassetta, che fu una delle ultime ad utilizzare la grafica introdotta nel 1984.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



 

LA SPADA NELLA ROCCIA – VHS BLACK DIAMOND (SECONDA VERSIONE)

“La Spada nella Roccia”
(The Sword in the Stone)  

VHS Black Diamond NOVEMBRE 1988

VI SEGNALIAMO CHE CIRCOLANO MOLTE FAKE NEWS SUL VALORE DI QUESTA VHS. PURTROPPO IL SUO VALORE, OGGI, È MOLTO BASSO. 

Codice VHS: VI 4158
BOX: Nero Grande (logo Walt Disney Home Video)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Pubblicità finali: Fumetti Disney
Intro:
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Edizione: Novembre 1988
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Questa videocassetta de “La Spada nella Roccia” ha lo stesso master video delle precedente edizione per il Noleggio del 1986. Ritroviamo quindi i cartelli cinematografici Italiani del film, che conserva un aspect ratio fedele a quello originale. Purtroppo, come nella prima edizione, manca il coro finale del film in Italiano. Originariamente si poteva ascoltare, negli ultimi secondi del film, un coro che esultava “Ora e sempre viva Re Artù”. Nelle edizioni Home Video nostrane il coro è rimasto in Inglese: “Hail King Arthur! Long live the King!”

Possiamo comunque farvelo ascoltare, direttamente da un vecchio Telecinema (ovvero un riversamento del master cinematografico) di proprietà di Matteo G.,che ringraziamo tantissimo. Eccolo qua!

Il coro Italiano è escluso anche dalle trasmissioni Rai, delle quali abbiamo parlato qua.

Per tutta la durata del film, esclusi i titoli di testa e coda, appare sullo schermo il logo WD, che si sposta a intervallo da un angolo all’altro. Era stato appena abbandonato il logo CWD, presente anche nella prima edizione de “La Spada nella Roccia”.

Prima che il film cominci abbiamo i consueti messaggi antipirateria con la testa di Topolino che scorre, seguiti dall’intro della Walt Disney Home Video con una versione “modernizzata” di “Casey Jr.” in sottofondo.

E a fine nastro, come le contemporanee edizioni di “Pomi d’ottone e manici di scopa” e “Nel Fantastico Mondo di Oz“, Topolino ci ricorda che da allora sarà “Più Topolino che mai!“.

Storia della VHS:

L’edizione del 1988 de “La Spada nella Roccia” rientra nel gruppo delle primissime videocassette Disney distribuite in edizioni SOLO PER LA VENDITA. Vennero lanciate al prezzo di £ 39.000. Mai prima un Classico Disney era venuto a costare così poco! Il minimo fino ad allora era stato di £ 49.900 durante una distribuzione limitata dell’edizione del 1985 di “Dumbo” (assieme ad altre VHS).  L’evento promozionale veniva segnalato anche dall’adesivo col prezzo appiccicato sul cellophane che sigillava la VHS. Vi mostriamo una foto che abbiamo trovato tempo fa su eBay.

Per via dell’abitudine della Disney Italia di non aggiornare mai le date in copertina (abitudine tenuta fino al 1992), sulla cover troviamo indicata come data “Ottobre 1986”, ovvero la data di distribuzione della prima edizione. Ricordiamo quindi che questa VHS è in realtà di Novembre 1988. Resterà in catalogo fino ai primi mesi del 1989, per poi essere rimpiazzata da una nuova edizione al termine dell’estate dello stesso anno.

Pubblicità e Cataloghi

Questo evento speciale veniva segnalato anche tra le pagine del settimanale “Topolino“.


All’interno della custodia della VHS troviamo un inserto da spedire per vincere dei premi. Su di esso, come potete vedere, appare il logo della promozione. Ringraziamo Fabrizio Damiano per la foto!

Occhio…alla ristampa!

Nei primissimi esemplari prodotti di questa VHS lo sticker con scritto il titolo appiccicato su di essa era quello con “Topolino apprendista stregone”, ovviamente la versione utilizzata fino al 1988. Nelle copie prodotte poco dopo tale sticker venne sostituito da quello con Topolino in pantaloncini. Quest’ultima tipologia di sticker venne utilizzata anche per le prime stampe dell’edizione del 1989. Come dunque distinguere le due edizioni, basandosi solo sullo sticker della VHS? Nell’edizione del 1988 il codice della VHS, impresso anche sullo sticker, è preceduto dalla sigla “VI”. Sullo sticker della VHS del 1989 il codice della VHS è anticipato dalla sigla “VS”.

Occhio…alla Versione Noleggio!

La prima edizione per il Noleggio del 1986 ha la seguente copertina. Per distinguerla da quella della VHS recensita basta notare due elementi: il logo della “Walt Disney Home Video”, di colore verde, e la presenza di riquadri rossi su tutti i lati della copertina.

Occhio…alla Prima Edizione da Vendita!

La seconda Edizione da vendita del 1989 va a modificare ulteriormente la copertina de “La Spada nella Roccia“. Vi elenchiamo i punti fondamentali per distinguerla dall’edizione del 1988.

  • Il colore di costa e retro copertina va dal blu chiaro al blu scuro, sfumandosi gradualmente;
  • Il riquadro del dorso con il volto di Semola ha gli angoli smussati;
  • Appaiono due bande bianche ai lati della costa;
  • Del retro della vecchia cover rimane soltanto il fotogramma con Semola e viene aggiunta un immagine di Maga Magò trasformata in drago;
  • Viene cambiata la formattazione del retro e il logo ufficiale della Walt Disney Home Video sostituisce la sua versione scritta a macchina;
  • Il codice della VHS è ora preceduto dalla sigla “VS” e non più da “VI”;
  • I colori della copertina risultano meno freddi rispetto a quelli dell’edizione del 1988;
  • Sul dorsetto appare l’ologramma argentato.

Ecco un video-confronto tra tutte le edizioni e ristampe di questa versione de “La Spada nella Roccia“.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


ROBIN HOOD – VHS NOVEMBRE 1988 (NOLEGGIO)

“Robin Hood”
(Robin Hood)

VHS NOVEMBRE 1988

Codice VHS: VI 4088
BOX: Nero Grande (logo Walt Disney Home Video)/Plastica morbida nera
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Creazioni Walt Disney S.p.a. – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Intro:
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Edizione: Novembre 1985
Versione: Noleggio
Macrovision

Descrizione Nastro:

L’edizione VHS di “Robin Hood” distribuita nel Novembre 1988 ha il nastro esattamente identico a quello della prima edizione Home Video del Novembre 1985, dai messaggi antipirateria fino alla fine. L’unica differenza consiste nel fatto che le copie di questa riedizione hanno l’audio in HI-FI, quelle della prima stampa no. Vi indirizziamo quindi, per una descrizione dettagliata del contenuto, alla scheda dell’Edizione di Novembre 1985 di “Robin Hood.

Storia della VHS:

Robin Hood” uscì in VHS  per la prima volta nell’autunno 1985. Nell’autunno 1988 la Disney, anziché distribuire una semplice ristampa del titolo, decise di rilasciare una nuova edizione del film. Il nastro, come detto sopra, era esattamente identico a quello della prima VHS. La copertina fu così modificata:

  • Sostituito il logo “Walt Disney Home Video” blu con uno di dimensioni più piccole rosso e nero (la scritta home video). La stessa scritta, nella parte bassa del retro della cover, divenne completamente rossa;
  • Apparve sulla costa un rombo dai bordi rossi con dentro il volto di Robin Hood;
  • Sempre sulla costa apparve il logo “Grandi Classici” (Black Diamond), il famigerato rombo nero;
  • La trama del film venne inserita nel disegno di una pergamena. I dettagli tecnici vennero riposizionati ed evidenziati di verde;
  • Sparirono i riquadri rossi;
  • La prima parte del codice (Cod.) della VHS fu sostituita dalla sigla “VI” e nel retro apparvero ulteriori dati sull’edizione.

La videocassetta venne distribuita col box rigido nero marchiato Walt Disney Home Video. Tuttavia, alcune copie potrebbero essere state rilasciate con un box nero in plastica morbida.

Lo sticker della VHS era il neonato col disegno “Classico” di Topolino.

La nuova copertina apparve su varie riviste. Eccola qua, presa da un catalogo relativo alla stagione 1988-1989.

Ricordiamo che pochi mesi prima del rilascio di questa VHS “Robin Hood” venne trasmesso sulla. Clicca qua per saperne di più sulla sua trasmissione TV.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.

Come sempre vi ricordiamo che queste videocassette NON VALGONO MIGLIAIA DI EURO. Gli articoli che riportano queste valutazioni sono in realtà delle fake news.


POMI D’OTTONE E MANICI DI SCOPA – VHS 1988 (1983)

“Pomi d’ottone e manici di scopa” 

(Bedknobs and broomsticks)

VHS NOVEMBRE 1988

“Pomi d’ottone e manici di scopa” è un lungometraggio in tecnica mista prodotto dalla Walt Disney nel 1971, diretto da Robert Stevenson e liberamente tratto dal romanzo “Pomi d’ottone e manici di scopa” (Bedknobs and broomsticks) di Mary Norton. La pellicola vede Angela Lansbury (oggi nota specialmente per il ruolo di Jessica Fletcher ne “La signora in giallo“) nei panni della protagonista Miss Price, un’apprendista strega. David Tomlinson, che aveva interpretato nel 1963 Mr Banks in “Mary Poppins“, in questa pellicola riveste il ruolo del “Professor” Emelius Browne. I tre bambini, Charlie, Carrie e Paul sono rispettivamente interpretati da Ian Weighill, Cindy O’Callaghan e Roy Snart.

Codice VHS: VI 4035
BOX: Nero Grande (logo W.D.H.V.)
Collana: Walt Disney Home Video
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Pubblicità finali: Fumetti Disney.
Intro:
Edizione: Novembre 1988 (Giugno 1983 in copertina)
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Dopo i messaggi antipirateria, con la testa di Topolino che si muove come una macchina da scrivere, e l’intro della Walt Disney Home Video, il film ha inizio.

La versione del film proposta è totalmente priva dei cartelli cinematografici italiani dei titoli. Essi furono utilizzati dalla Rai per le sue trasmissioni, dagli anni ’80 fino ai primi anni 2000. Clicca qui per la scheda sulle trasmissioni Rai di “Pomi d’ottone e manici di scopa“.

La versione proposta del film è, come nelle precedenti edizioni per il noleggio, notevolmente tagliata. Dura solamente 93 minuti (non 98, come segnalato erroneamente in copertina), rispetto ai 112 minuti dell’edizione cinematografica del 1971. La versione ridotta arrivò per la prima volta nei cinema Italiani nel 1981 e fu utilizzata per ogni VHS e per le trasmissioni televisive (eccetto quelle sul canale Rai Movie).

Vorreste sapere quali sono i tagli fatti al film? Vi accontenteremo subito! Elenchiamo di seguito le principali sequenze rimosse dalla pellicola:

    • Sono state rimosse le canzoni “L’età del non mi cucchi” (The age of not believing), “Eglantine“, “The old home guard” (di quest’ultima c’è solo la ripresa finale);
    • Le sequenze di “Portobello Road“, della partita di calcio e “Supercallimagic-extramotus” sono accorciate;
    • È eliminata la scena dove sparisce la stella di Astoroth, quando i protagonisti ritornano dall’isola di Naboombu;
    • Vengono tagliate le scene finali nelle quali si vede il professor Emelius Browne arruolarsi nell’esercito.

Completamente assente l’elenco del cast del film al suo termine. Dall’ultima sequenza si passa direttamente al cartello “The end“.

Il master video del film è uguale a quello delle precedenti edizioni per il noleggio. Si tratta di un master video decisamente zoomato, leggermente sporco (è presente qualche riga qua e là, tipica delle vecchie pellicole) e con la saturazione aumentata, rispetto alla versione originale. La versione proposta è stata ricavata prendendo il video della riedizione cinematografica del 1979 (arrivata in Italia nel 1981) e tagliando appositamente l’audio italiano integrale del 1972 per adattarlo al video. Infatti questa riedizione riduceva il lungometraggio a poco più di 90 minuti, contro i 112 originali. Questa è l’ultima volta in cui tale master verrà utilizzato. Verrà adottato un nuovo master video a partire dall’edizione in VHS del Febbraio 1991. Qui di seguito abbiamo un confronto tra i due master video. La versione del 1991 è meno zoomata, con una colorazione più fedele a quella originale.

Il doppiaggio integrale del film riapparve soltanto con l’edizione in DVD del 2004, quando la Disney lo ripropose grazie al contributo di Nunziante Valoroso.

 Al termine della VHS abbiamo una pubblicità sui fumetti Disney reperibili nelle edicole del 1988, con protagonista “Topolino“.

Cercando su eBay,  abbiamo reperito la foto della copertina del volume mostrato nello spot. Eccola qua:

Questo era l’album di figurine allegato al fumetto.

Vi segnaliamo che il film, in questa VHS, dura circa 93 minuti al contrario di quanto indicato in copertina (98 minuti).

INSERTI

Nelle prime stampe della VHS vi era un inserto per la prova d’acquisto, con un disegno del castello Disney ben in vista. Ringraziamo Fabrizio Damiano per l’immagine!
Il logo col castello era impresso su un adesivo appicxicato sopra il cellophane della videocassetta, quando era ancora nuova e imballata. All’interno della nuvoletta, al posto di “favoloso”, era inserito il prezzo della VHS (£ 39.000).

Storia della VHS:

LA DISTRIBUZIONE

Dopo due edizioni per il noleggio, “Pomi d’ottone e manici di scopa” ritornò in VHS nel Novembre 1988  disponibile per la prima volta in un’edizione “SOLO PER LA VENDITA”. In quell’occasione questa e poche altre videocassette vennero rilasciate per la vendita al prezzo di £ 39.000. Cifra bassissima, se considerate che un mese prima la VHS de “La Bella addormentata nel bosco” era in vendita a prezzo di £ 99.000. La VHS rimase in catalogo dal 1° Novembre 1988 al 28 Febbraio 1989. Fu possibile, comunque, trovarla nei negozi per più tempo, poiché la Disney come di consueto ne produsse un buon numero di copie. Siamo comunque molto lontani dal volume di esemplari che avrebbe prodotto per ogni titolo a partire dagli anni ’90. Diciamo che questo fu una sorta di “esperimento” per la Disney Italia.

Parte delle informazioni le abbiamo ricavate dalla seguente pagina della rivista “Topolino“, che ci ha inviato @disney.dream83 . Se l’autore della scansione originale la riconoscesse può contattarci tramite i nostri social, indicati nella sezione “Contatti“. Lo accrediteremo con piacere!

LE NOVITÀ

Questa videocassetta, assieme alle altre distribuite in contemporanea, apportò alcune novità:

  • Il logo “WD” al posto del logo “CWD”;
  • È una delle prime VHS distribuite SOLO PER LA VENDITA;
  • È uno dei primissmi titoli ad utilizzare un box di plastica rigida;
  • L’ologramma argentato appare in copertina. Se avete in collezione edizioni precedenti alla metà del 1988 con l’ologramma in copertina, vuol dire che sono delle ristampe;
  • Il prezzo di  £ 39.000 (le precedenti VHS di film erano molto più costose).

Occhio…alla ristampa!

Esistono tre diverse stampe della VHS. Le primissime avevano l’etichetta impressa sulla VHS con lo sticker di “Topolino apprendista stregone” (Versione 1987) e lo sportello della videocassetta era grigio. Sul suo guscio era impresso il logo BASF.

Foto presa da eBay.

Poco dopo l’etichetta venne aggiornata e sostituita con quella con il disegno “classico” di Topolino. Nelle ultimissime stampe prodotte lo sportello sopra la VHS divenne nero e il logo BASF svanì.

 Nel retro della copertina la data  riportata è Giugno 1983. La Walt Disney, infatti, quando rilasciava una nuova edizione di un titolo già distribuito in VHS manteneva sempre in copertina la data della sua prima edizione in assoluto. Questa abitudine cessò nel 1992. Tuttavia, nelle ristampe dei titoli rilasciati prima del 1992 la data non veniva comunque mai aggiornata.

Il box della VHS era completamente rigido ma in alcune delle prime stampe la costa era leggermente tondeggiante.

Occhio…all’edizione noleggio!

Esiste un’edizione per il noleggio del 1985 con la stessa immagine usata per la copertina.

Vi lasciamo con questo video, in cui potete ammirare la collezione di “Pomi d’ottone e manici di scopa” appartenente all’esperto di doppiaggi d’epoca Marco Zaffuto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.