Tag Archives: 1964

LA SPADA NELLA ROCCIA – VHS SETTEMBRE 2002


“La Spada nella Roccia” 
(The Sword in the Stone)  

VHS SETTEMBRE 2002

Codice VHS: VS 4158
BOX: Blu
Collana: (2001-2006)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Castello (2000-2004)
Sticker VHS: Walt Disney Home Entertainment
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: Assenti
“É un vero Walt Disney”: Assente
Intro:
Edizione: Settembre 2002
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Siamo di fronte ad un altro repack: l’edizione del 2002 del Classico Walt Disney “La Spada nella Roccia” è una copia esatta della precedente edizione dell’Agosto 1997. Tutto ciò implica intro Disney Video prima del film, cartello Buena Vista e una battuta censurata di Maga Magò. Per saperne di più leggete la nostra scheda inerente alla VHS del 1997.

Storia della VHS:

Nell’autunno 2002 le videocassette col box blu si erano ormai affermate sul mercato italiano, anche se ciò non implicò la totale scomparsa delle precedenti edizioni col box nero, anzi: nei negozi più forniti si potevano trovare ancora copie delle edizioni VHS caratterizzate da un box più grande. Tra le nuove videocassette col box blu arrivate a Settembre 2002 c’era “La Spada nella Roccia“, in contemporanea ad un’edizione DVD. Se il DVD aveva un master tutto nuovo, rispetto alla prima edizione Buena Vista e all’edizione Warner, lo stesso non si può dire della videocassetta: il master della VHS era, come già spiegato, esattamente identico a quello dell’edizione risalente all’Agosto 1997. Nel 2004 la VHS del 2002 venne ristampata sostituendo l’ologramma tondo con l’ologramma rettangolare e, a partire dal 2005, la videocassetta venne proposta con l’aggiunta nel retro della data Febbraio 2005. Prima di allora non vi era l’indicazione di alcuna data. Il titolo rimase in catalogo fino al 2006, quando la Disney smise di produrre videocassette.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright. La fascetta è stata scansionata da Giuseppe C. .


LA SPADA NELLA ROCCIA – VHS OTTOBRE 1986 (BLACK DIAMOND)

“La Spada nella Roccia”
(The Sword in the Stone)  

VHS Black Diamond OTTOBRE 1986

VI SEGNALIAMO CHE CIRCOLANO MOLTE FAKE NEWS SUL VALORE DI QUESTA VHS. PURTROPPO IL SUO VALORE, OGGI, È MOLTO BASSO. 

Codice VHS: VI 4158
BOX: Bianco in plastica morbida (logo Walt Disney Home Video)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Creazioni Walt Disney – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Presente (Versione CWD)
Pubblicità iniziali: Assenti
Pubblicità finali: “Le Pietre Preziose”, Fumetti Disney
Intro:
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Edizione: Ottobre 1986
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Ricorderete molto bene questa videocassetta de “La Spada nella Roccia“: il suo master video verrà utilizzato per qualsiasi videocassetta italiana. La stessa Rai trasmise questa versione per anni! Il master vanta cartelli cinematografici Italiani del film ed un aspect ratio fedele a quello originale. L’unica nota dolente è che la videocassetta presenta un errore che, purtroppo, si trascinano ancora oggi tutte le edizioni Home Video di questo Classico. Chi si occupò della colonna sonora italiana di questa VHS la “spense” subito dopo l’ultima battuta di Mago Merlino tagliando così la versione nostrana del coro finale.

Possiamo comunque farvelo ascoltare, direttamente da un vecchio Telecinema (ovvero un riversamento del master cinematografico) di proprietà di Matteo G.,che ringraziamo tantissimo. Eccolo qua!

Dopo i titoli iniziali, e per tutto il film, è impresso sul film il logo CWD, che si sposta ciclicamente ai quattro angoli dello schermo.

Non ci siamo dimenticati del resto del nastro! All’inizio abbiamo i messaggi antipirateria con la testa di Topolino, seguiti poi dall’intro lunga della Walt Disney Home Video, con una versione “modernizzata” di “Casey Jr.” in sottofondo.

Dopo il film troviamo la pubblicità dei libri Disney “Le Pietre Preziose” e di vari albi a fumetti disponibili in edicola.

Storia della VHS:

L’edizione del 1986 de “La Spada nella Roccia” porta molti cambiamenti, per quanto riguarda le videocassette de “I Classici”:

  • Lancia in Italia la collana “Grandi Classici“, conosciuta come Black Diamond;
  • Si tratta della prima fascetta di un Classico Disney dove sulla costa appare il volto del protagonista, in questo caso all’interno di un quadrato;
  • La Spada nella Roccia” è il primo Classico Disney distribuito col codice anticipato dalla sigla “VI” anziché “Cod.”.

La videocassetta si poteva prenderla a noleggio nelle videoteche, oppure acquistarla per cifre elevate. Anche più di £. 100.000!

L’edizione in questione verrà ristampata diverse volte, apportando varie modifiche al packaging, e resterà in catalogo fino a Novembre 1988, quando la Walt Disney distribuì una nuova edizione del Classico esclusivamente per la vendita.

Vi ricordiamo che, per una decisione della Disney Italia, su tutte le edizioni del film ristampate fino al 1997 continua ad essere segnalata come data in copertina il 1986.

Pubblicità e Cataloghi

L’uscita in videocassetta de “La Spada nella Roccia” non passò di certo inosservata! L’immagine che vedete apparse su “Topolino” e venne anche utilizzata per una locandina pubblicitaria.

Sempre su “Topolino“, venne stampata anche questa variante.

Occhio…alla ristampa!

Le ristampe di questa videocassetta sono facilmente riconoscibili. La vostra copia è una ristampa se sul retro della copertina trovate la scritta “Edizione Ottobre 1986”. Alcune ristampe, le ultime prodotte, hanno un box in plastica morbida nera ed anche l’ologramma argentato con la cinepresa impresso sulla fascetta.

Occhio…alla Versioni da Vendita!

Potete facilmente distinguere l’edizione del 1986 con quelle successive (che mantengono in copertina la precedente data) concentrandovi sul logo della Walt Disney Home Video sulla fascetta: nella VHS del 1986 è grande e di colore verde, mentre nelle edizioni successive è rosso con dimensioni minori. Vi mostriamo qua sotto una delle edizioni successive, più precisamente quella del Settembre 1989.

Vi mostriamo un video con le varie edizioni anni ’80 e le loro ristampe a confronto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



CARTELLI ITALIANI DE “LA SPADA NELLA ROCCIA”

La Spada nella Roccia” arrivò nei cinema italiani nel Dicembre 1964, un anno dopo rispetto alla distribuzione Americana. In Italia il film venne distribuito dalla Rank Film, casa che in quegli anni si occupò della distribuzione di vari lungometraggi Disney, come “La Carica dei Cento e Uno“, “Cenerentola“. Negli Stati Uniti, invece, la distribuzione del Classico venne affidata alla Buena Vista, che altri non era che un ramo della Walt Disney stessa. Il Cartello della Buena Vista è stato inserito a partire dalle ultime ristampe dell’edizione in VHS del 1989.

Nelle precedenti copie il film cominciava direttamente dal cartello con scritto “Walt Disney Presenta”, eliminando quindi qualsiasi riferimento a distributori cinematografici. Qua di seguito troverete tutti i fotogrammi dei titoli di testa de “La Spada nella Roccia“, acquisiti ed editati per noi da Alessandro Fabbri. E continuate a scorrere, perché la scheda non è ancora finita!

Nella sequenza iniziale ci viene mostrato il libro della storia che da il titolo alla pellicola. Come accaduto cinque anni prima con “La Bella addormentata nel bosco“, la Disney non ne realizzò una versione italiana ed anche l’incisione della profezia sulla prodigiosa spada restò in inglese. Oltre ai titoli di testa venne tradotto soltanto il cartello “Fine”. Personalmente ipotizziamo che tale decisione fosse stata presa per risparmiare sul budget del film.

Le emittenti Rai trasmisero per oltre vent’anni il film con le scritte cinematografiche italiane. Tuttavia, come spesso capitava, il master Rai aveva dei colori molto più saturi rispetto a quelli delle videocassette italiani. Forse troppo saturi! Delle trasmissioni Rai ne abbiamo parlato dettagliatamente qua.

I cartelli americani sono diversissimi da quelli italiani! Nel master statunitense il colore dominante è il blu, specialmente nei cartelli principali. A nostro avviso, questa volta, gli originali battono di gran lunga la versione italiana. Vi lasciamo con questo video confronto tra i due.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


MARY POPPINS – VHS GENNAIO 1985

“Mary Poppins” 

(Mary Poppins) 

VHS GENNAIO 1985

“Mary Poppins” è un lungometraggio in tecnica mista prodotto dalla Walt Disney nel 1964, diretto da Robert Stevenson e liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Pamela Lyndon Travers. Il cast vede tra i protagonisti Julie Andrews (Mary Poppins), Dick Van Dyke (Bert) e David Tomlinson (Mr Banks).

Codice VHS: Cod. 4056
BOX: Bianco (Plastica Morbida)
Collana: Walt Disney Home Video
Distributore: Creazioni Walt Disney – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Assente
Sticker VHS: Topolino (1984-1986)
Logo WD: Presente (Versione CWD)
Pubblicità iniziali: Assenti
Pubblicità finali: “Le pietre preziose“; Vari fumetti Disney.
Intro:
Edizione: Gennaio 1985
Versione: Noleggio
Macrovision

Descrizione Nastro:

La videocassetta si apre coi messaggi antipirateria, con la testa di Topolino che si muove come una macchina da scrivere (versione senza audio), e con l’intro della Walt Disney Home Video.

Mary Poppins non ha avuto una traduzione integrale dei suoi cartelli: i titoli di testa rimasero in Inglese anche al cinema. Questa videocassetta non utilizzava purtroppo il master Italiano: tutte le scritte sono lasciate in Inglese. La Rai per le trasmissioni di questo Musical utilizzava invece un master con le scritte Italiane. O almeno, quelle che erano state create per il cinema.

Molti di voi crederanno che il master di questa videocassetta sia identico a quello della riedizione successiva del 1989, ristampata fino alla fine degli anni ’90. E invece no. Il master di questa videocassetta è più zoomato ed ha proporzioni leggermente diverse rispetto a quello della seconda videocassetta Italiana. La qualità, a nostro avviso, è leggermente inferiore a quello della successiva edizione. Manca all’appello anche il logo della Buena Vista che originariamente apriva il film. Eccovi un confronto tra le due edizioni.

Ricordiamo che in entrambi i casi il film era stato fortemente zoomato per adattare l’immagine al formato 4:3. A farne le spese furono i lati destro e sinistro del film.

Il logo CWD (Creazioni Walt Disney) appare per tutta la durata del film, spostandosi da un angolo all’altro dell’immagine. L’unico momento in cui non è presente è durante i titoli di apertura e chiusura.

Al termine del film abbiamo due pubblicità Disneyane: quella della collana di libri “Le pietre preziose” e quella dei fumetti Disney all’epoca in vendita nelle edicole.

Storia della VHS:

Dopo tre anni dall’inizio della distribuzione di VHS Disney anche “Mary Poppins” si aggiunse a questa fantastica collezione di videocassette. Non uscì con copertina bianca, poiché la collana “Neon Mickey” era ormai terminata da oltre un anno. Eccovi un poster pubblicitario, la cui immagine apparse anche su  “Topolino”, dove viene segnalata l’uscita della VHS.

Come vedete ci viene mostrata la VHS con un box nero. In realtà questa videocassetta, come tutte le altre del poster (eccetto “Cartoni e Musica – Juke Box Rock” e “Baby – Il segreto della leggenda perduta“) venne inizialmente rilasciata soltanto con un box in plastica morbida di colore bianco.  Il box tinto di nero verrà utilizzato solo per le ristampe di fine anni ’80.  La videocassetta poteva essere noleggiata o acquistata (per cifre elevate) presso numerose videoteche. Nel 1989 andò fuori produzione, sostituita da una nuova edizione dello stesso titolo.

Occhio…alla ristampa!

Verso la fine del 1988 la Walt Disney apportò delle variazioni nelle ristampe di questo titolo. Il box in plastica morbida bianca venne sostituito da un box in plastica morbida nera. Fece la sua apparizione in copertina anche l’ologramma argentato, contenente l’immagine di una cinepresa. Inoltre segnaliamo la presenza della dicitura “Nullaosta censura n. 45252 del 05.06.65 – Edizione del Gennaio 1985”, apparsa in fondo al retro della copertina a partire dalle ristampe del 1987.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.