Tag Archives: 1950

CENERENTOLA – DVD EDIZIONE SPECIALE NOVEMBRE 2005

“Cenerentola”
(Cinderella)  

DVD PLATINUM EDITION

EDIZIONE BUENA VISTA NOVEMBRE 2005

 

Codice Slipcase: BIA 0010602SC3A 
Codice Amaray
: BIA 0010602Z3A 
BOX: Blu 
Collana: (Versione DVD, 2001- / ) 
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano 
Ologramma argentato: Rettangolare (2004-2008) 
Lingue Audio: DEHT (Disney Enhanced Home Theater): Italiano, Inglese: Dolby Digital 5.1: Italiano, Inglese, Croato 
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Inglese per non udenti, Croato, Sloveno 
Numero di dischi: 1 
Aspect ratio: 1.33:1 (4:3) 
Contenuti Speciali: Si 
Edizione: 16 Novembre 2005 
Versione: Vendita 
Slipcover: Si 
Macrovision 

Descrizione Contenuto:

IL RESTAURO VIDEO

Cenerentola” tornò con questa edizione speciale, parte della linea Platinum Edition, più restaurata che mai. Non si tratta del primo restauro che coinvolse questo Classico. Ne esiste un altro, infatti, risalente al 1997 (arrivato da noi nel 1998) distribuito in diversi paesi del mondo Italia inclusa. Cosa cambia rispetto al precedente restauro, per quanto concerne il comparto visivo? Il restauro del 1997  era noto per essere la versione home video più fedele all’originale distribuita fino agli anni ’90. I suoi colori sono per certi aspetti molto simili a quelli del DVD, che a sua volta richiama quelli originali. Rispetto alle prime versioni su nastro si era fatto un grande passo avanti. Ciò non toglie che vi siano dei problemi nell’ultimo restauro. Per esempio, per un errore le ciocche della perfida matrigna, Madame Tremaine, diventano dello stesso colore del suo scialle in alcuni fotogrammi dell’edizione Platinum.

Una scelta del restauro destò ancora più scalpore e lamentele tra gli appassionati più puristi dei film Walt Disney. Negli anni che precedettero il restauro del 2005 il vestito da ballo di Cenerentola veniva spesso rappresentato con una tinta blu nel vario merchandising Disneyano. Probabilmente, al fine di uniformare la tinta del merchandising con quella del film, chi si occupò del restauro scelse di sostituire in alcune scene l’originale color bianco e argento dell’abito della principessa con tinte azzurre. Il tutto accompagnato anche da un eccessivo impiego di DNR, che ha portato ad una rilevante perdita dei lineamenti del disegno.

Qualcuno ha forse contattato un’estetista per occuparsi delle sopracciglia di Smemorina? 

Viene confermata la correzione fatta nel 1997 durante l’incontro della protagonista con Gas Gas: in origine, quando la fanciulla si affacciava alla trappola, il suo collo era privo di colore. A partire dal 1997, e dunque anche nella Platinum Edition, il collo di Cenerentola venne colorato digitalmente nella sequenza incompleta. Segue un confronto tra la versione DVD ed il Laserdisc americano del 1995.

Purtroppo, anche in questo caso la Disney scelse di non restaurare i cartelli esteri del film. Quindi non troviamo inclusi nemmeno i fondini italiani, diversissimi da quelli originali per quanto concerne le tinte. 

Dopo il film vengono inseriti dei fotogrammi, con gli stessi fondini dei titoli di testa, che riportano i dati del restauro e un approfondimento sui doppiatori americani, il tutto sulle note di “So this is love“.

IL RESTAURO DELL’AUDIO

Passiamo al comparto audio. Neanche qua le notizie sono completamente rosee. L’edizione italiana utilizza il secondo doppiaggio dell’opera, realizzato in occasione della redistribuzione cinematografica del 1967. Lo stesso di tutte le precedenti videocassette, per intenderci. Quando si restaura un audio di solito viene lasciata come sottofondo la colonna sonora internazionale aprendo quella estera soltanto quando sono presenti dialoghi e canzoni. Nel caso di “Cenerentola”  la colonna sonora italiana è stata aperta talvolta troppo tardi, talvolta è stata chiusa troppo presto ed altre volte non è stata aperta affatto, facendo così perdere pezzi del doppiaggio italiano. Le mancanze purtroppo sono parecchie e ve le elenchiamo in questa lista.

  • La risate e le grida spesso rimangono in lingua originale: è il caso della risata di Cenerentola al momento del risveglio, di Gas Gas mentre cerca di sfuggire da Lucifero, del grido dell’aiutante di Monocolao quando viene fatto inciampare dalla matrigna, dei topolini che esultano in coro durante il riscatto finale della protagonista. Manca completamente l’urlo della Tremaine quando Cenerentola fa cadere il vassoio della colazione;
  • Durante la ripresa de “I sogni son desideri” cantata dai topolini è stata troncata la “I” d’apertura e manca completamente l’audio italiano nel punto in cui gli uccellini legano il fiocco all’abito;
  • La fata Smemorina non dice più “E divertiti alla festa”, bensì “…titi alla festa!”.
MENU & EXTRA

Come in tutti i DVD, non mancano tante schermate menu che potete visionare qua di seguito.

Questa edizione, se si considera l’importanza del titolo, non è ricchissima di contenuti speciali. Tuttavia il materiale inserito risulta interessante. Ciò che è contenuto tra gli extra ve lo abbiamo già mostrato attraverso le schermate menu, tuttavia abbiamo deciso comunque di riepilogarvelo:
  • Musica & altro: A dream is a wish your heart makes eseguito dal Circle of Stars;
  • Scene eliminate: “Introduzione”, “The Cinderella work song”, “Dancing on a cloud”;
  • Giochi & attività: “Casa dei reali”, “La vita dei reali”;
  • Dietro le quinte Disney: “Dalla miseria alla ricchezza: la realizzazione di Cenerentola”, “Come è nata Cenerentola”, “Le gallerie di Cenerentola”.

Come già detto, il DVD è abbastanza scarno di extra. Consideriamo però l’epoca in cui uscì: noi italiani non avevamo mai visto tanto materiale su “Cenerentola“. Siamo lontani dall’edizione De Luxe di “Biancaneve e i sette nani”, in ogni caso tutto quello incluso in questa Platinum Edition era per noi una grandissima novità. Specialmente per chi come me era un bambino all’epoca e non aveva mai visto nulla di simile.

GLI INSERTI

Possiamo trovare all’interno del box un foglietto che riporta tutti i capitoli in cui è stato suddiviso il film, non senza errori. Il capitolo che precede l’arrivo della fata Smemorina viene intitolato “è tempo di lasciare il ballo”. Cenerentola dunque lascerebbe il ballo prima ancora di esserci arrivata?

 

Non mancava inserita nell’amaray una busta con parecchio materiale promozionale!

Storia del DVD

Già nei primi mesi del 2005 si parlava dell’imminente uscita Home Video di “Cenerentola“, nuovamente restaurato. L’ultima edizione italiana, ovviamente su videocassetta, risaliva all’Aprile del 1998 e non era più nei cataloghi Disney da almeno 6 anni. L’edizione Platinum era dunque attesa con molta impazienza e curiosità, essendo questo uno dei Classici Disney più amati. Le premesse erano ottime perché non solo venne annunciata un’edizione restaurata del film, ma era anche prevista oltre all’edizione standard una preziosa edizione digipack, distribuita in alcuni paesi esteri, che purtroppo non vide mai luce in Italia. Il giorno del debutto era inizialmente fissato per il 4 Ottobre  per poi essere posticipato il 16 Novembre 2005. Quello stesso giorno, il DVD uscì anche in una confezione abbinato ad un’edizione speciale del sequel “Cenerentola II – Quando i sogni diventano realtà“, anch’esso rilasciato anche singolarmente. Il materiale promozionale non mancava di certo ai negozi, vista l’importanza dell’evento! Ovviamente, anche questa volta, noi di Disney: Tapes & More apriamo le porte delle nostre collezioni mostrandovi alcuni cimeli!

 

Non arrivò in tutti i negozi, ma venne stampata anche un’edizione speciale su VHS con lo stesso identico restauro. Il valore aggiunto della videocassetta era quello di conservare, almeno parzialmente, i cartelli italiani del lungometraggio. Potete trovare la nostra scheda di tale videocassetta cliccando qua. L’edizione che debuttò il 16 Novembre 2005 era un’edizione con un solo disco e la stessa era disponibile anche in una variante per il noleggio.

Seguì un’edizione a due dischi il 18 Gennaio del 2006, con l’aggiunta di un DVD ricco di contenuti speciali. Questa seconda versione, al contrario di quella ad un disco, non era provvista di slipcase.

Entrambi i dischi vennero riproposti il 17 Ottobre 2007 all’interno di una steelbook Collectors Edition che conteneva anche i DVD de “La Sirenetta“.

 

Il solo DVD del film tornò, lo stesso giorno, in una steelbook abbinato al sequel “Cenerentola – Il gioco del destino“.

Occhio…alla ristampa!

Esistono delle ristampe con differenze, meramente estetiche, di questo DVD. Nelle ristampe è assente la slipcase e quelle rilasciate dopo il 2007 perdono l’effetto “a specchio” che caratterizzava il disco delle prime copie e l’ologramma attorno al suo foro. L’immagine di Cenerentola giaceva così su uno sfondo bianco. Le poche ristampe prodotte nel 2009 sono note per la perdita dell’ologramma argentato sulla fascetta dove viene modificato anche il codice del DVD, che passa da “BIA 0010602Z3A” a “BIB 0007202Z3A”. Un esempio di quest’ultima tipologia di ristampa, assieme alle altre, la potete trovare in questo video girato – molto “alla buona” – a casa dell’amico Marco Zaffuto.

Fonte dati uscita edizione italiana: Amazon.com; dvdweb.it .

Si ringraziano infinitamente Tommaso Moro e @disney.dream83 per aver provveduto all’acquisizione di quasi tutte le immagini mostrate nell’articolo. Le immagini tratte dalla videocassetta italiana del 1998 sono state acquisite da WILLDUBGURU.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.

CENERENTOLA – VHS NOVEMBRE 2005


“Cenerentola” 
(Cinderella)  

VHS EDIZIONE SPECIALE NOVEMBRE 2005

Codice VHS: BIC 0005702
BOX: Blu
Collana: (2001-2006)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Rettangolare (2004-2008)
Sticker VHS: Walt Disney Home Entertainment
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Chicken Little“, “Lilo e Stitch 2“, “Herbie il Supermaggiolino“, “Le follie di Kronk
“É un vero Walt Disney”: Assente
Intro: Walt Disney Home Entertainment
Edizione: Novembre 2005
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Cos’ha di speciale questa edizione in VHS del Classico Disney “Cenerentola“? Si tratta del restauro del film, lo stesso del DVD rilasciato in contemporanea. Ma la VHS ha un di più: i cartelli Italiani di apertura e chiusura. Questi sono esattamente nella stessa versione della VHS dell’Aprile 1998. Si segnala, invece, la mancanza del cartello Italiano con il Proclama Reale, presente nella precedente videocassetta.

Il collo di Cenerentola, nella scena in cui si affaccia alla trappola per topi, è colorato, proprio come nel restauro dell’edizione del 1998.

Purtroppo questa VHS ha gli stessi buchi audio della contemporanea edizione in DVD: risate e grida lasciate in Inglese, pezzi di canzoni e frasi mancanti.

Questa è l’unica videocassetta di “Cenerentola” con l’abito da ballo ricolorato nella scena della fuga dal Palazzo Reale, esattamente come nel DVD. Il vestito, da bianco-argentato, è diventato di colore azzurro. Tali modifiche, abbinate forse anche ad un’eccessiva pulizia video, hanno comportato anche la perdita di molti lineamenti dell’abito e della protagonista stessa, in questa scena.

Non sono inclusi i titoli di coda con le informazioni inerenti al restauro, presenti nell’edizione DVD. Il nastro termina esattamente col cartello “Fine”, seguito da una versione accorciata dell’intro (senza audio) della Walt Disney Pictures. Proprio come nella VHS del 1998. Tornando indietro nel nastro, vi segnaliamo la presenza di alcuni trailer pubblicitari. L’intro antipirateria è sempre quella col castello, marchiato Buena Vista Home Entertaiment.

Il nastro è dotato di sistema antiduplicazione Macrovsion e abbiamo notato che la sua potenza è maggiore in queste ultime VHS Disney rispetto a quella delle videocassette precedenti.

Storia della Videocassetta:

La videocassetta venne rilasciata nel mese di Novembre 2005 – esattamente 13 anni dopo la prima edizione del 1992 – in contemporanea con la prima edizione in DVD, la cosiddetta “Platinum Edition“. Si tratta di uno degli ultimi Classici Disney (ri)distribruito in VHS poiché, nel giro di pochi mesi, la Walt Disney Italia avrebbe smesso di produrre edizioni in videocassetta dei suoi film. Notiamo che il codice della Videocassetta non è più preceduto dalla sigla “VS”, bensì dalla sigla “BIC” che accompagnerà da quel momento, fino alla fine, le VHS Disney. Vi domanderete se, come nel caso della VHS del 1998, esista una versione per il noleggio del film? La risposta è affermativa. Esiste la versione noleggio, contenuta in un box grande trasparente. In cima alla cover c’è una banda gialla contenente l’indicazione “Versione Noleggio”.

Non possiamo mostrarvelo in quanto lo abbiamo smarrito da ormai tanti anni, ma ricordiamo benissimo che questa VHS venne pubblicizzata su un catalogo d’epoca dei negozi Toys Center.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


CENERENTOLA – VHS NOVEMBRE 1992


“Cenerentola”
(Cinderella)  

VHS Novembre 1992

Codice VHS: VS 4380
BOX: Nero Grande (logo B.V.H.V.)
Collana: (1991-1996)
Distributore: Buena Vista Home Video – Via Agnello 18, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino apprendista stregone (1992-1995)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: “La Bella e la Bestia” (al cinema), “Bambi“, “Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri“, “Natale con Winny Puh“, “Canta con noi
Bonus dopo il film: Canta con noi di “Vola e va” (You can fly) da “Le avventure di Peter Pan
“É un vero Walt Disney”: “Cenerentola
Intro:
Edizione: Novembre 1992
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Il master video di questa prima videocassetta Italiana del Classico di Walt Disney “Cenerentola” è lo stesso utilizzato da tutte le altre videocassette del film rilasciate quell’anno nel mondo. Il video del film è stato scurito rispetto alla sua versione originale. Tuttavia, a nostro avviso, questa tonalità più scura si addice meglio a molte scene del film, come quelle con la Fata. Probabilmente fu una cosa voluta, ai tempi. Vi vogliamo far notare che in tutte le pubblicità di “Cenerentola” inserite nelle altre VHS Disney Italiane del 1992 non viene utilizzato il video di questa VHS, bensì quello della prima edizione Statunitense del 1988. Lo stesso master della videocassetta del 1992 venne visto per la prima volta in Italia con la riedizione Cinematografica dell’estate 1988. Da questa riedizione furono ricavate alcune VHS non ufficiali. Potete trovare le loro schede qua.

Prima del film abbiamo i messaggi antipirateria col castello marchiato Buena Vista Home Video, seguito da numerose pubblicità e dallo spot “È un vero Walt Disney” che ci mostra la videocassetta di “Cenerentola“.

Dedichiamoci ora al film. I cartelli del film provengono direttamente dalla riedizione cinematografica del 1967, come dimostra il cartello della “Rank Film” all’inizio del lungometraggio. Fu proprio la “Rank Film” a distribuire quell’anno “Cenerentola” nelle sale Italiane, dopo esserci già stata nel 1950, 1954 e 1958. In quell’occasione venne creato un nuovo doppiaggio del film, per sopperire ai difetti del primo doppiaggio Italiano. Questo secondo doppiaggio è quello che ascoltiamo in tutte le edizioni home video ufficiali del film.  Ovviamente il logo della “Walt Disney Pictures” che precede i titoli di testa è stato aggiunto soltanto dopo gli anni ’80.

Un solo cartello cinematografico in Italiano manca in questa videocassetta: quello col “Proclama Reale”. Fortunatamente lo troviamo nella successiva edizione in VHS di Aprile 1998.

I cartelli Italiani dell’edizione del 1992 hanno diverse differenze rispetto a quelli dell’edizione del 1998. Nella VHS del 1992:

  • È presente il logo della “Rank Film” e manca una parte del commento musicale iniziale (questa mancanza la abbiamo in quasi tutte le videocassette del film rilasciate nel mondo all’epoca);
  • Il cartello coi dati dell’edizione Italiana appare qualche secondo dopo e quindi dura più tempo;
  • Il libro si apre ad una velocità diversa rispetto a quello della successiva videocassetta;
  • Non vi è alcuna dissolvenza nel passaggio dalla “storia” all’ultima pagina del libro;
  • Le dissolvenze non sono presenti nemmeno al passaggio dal libro, chiuso, ai fotogrammi neri che precedono il cartello “Fine”.

Volete approfondire la questione dei cartelli Italiani di “Cenerentola“? Leggete l’articolo che trovate qua.

Il video di questa videocassetta non è stato restaurato. Di conseguenza il collo di Cenerentola è senza colore, come in origine, in una delle scene iniziali del film. Verrà colorato soltanto negli anni ’90 e questa versione la ritroviamo in tutte le edizioni Home Video successive al 1998.

Per circa un quarto d’ora dopo i titoli di testa è presente il logo “WD” (Walt Disney) nell’angolo in basso a sinistra dello schermo. Tale logo, solitamente, fa la sua comparsa nel momento in cui  viene inquadrata la piccola Cenerentola che piange sul letto di morte del padre. In alcuni esemplari appare qualche secondo dopo, quando viene inquadrata la matrigna. Inoltre può avere un font leggermente diverso, a seconda della stampa. Maggiori differenze le abbiamo riscontrate nel momento in cui scompare il logo WD. Vi elenchiamo qua di seguito tutte le versioni che abbiamo individuato:

  • Scomparsa del logo WD quando la scopa, spinta da Giac, sta cadendo addosso a lucifero;
  • Scomparsa del logo WD quando la scopa è già caduta addosso a Lucifero;
  • Scomparsa del logo WD quando Giac si rialza, dopo aver spinto la scopa;
  • Scomparsa del logo WD quando Lucifero, in cima alle scale, osserva Cenerentola entrare nella stanza di Genoveffa.

Al termine del film, come annunciato nelle pubblicità iniziali, è presente il Karaoke della canzone “Vola e va” (You can Fly)  direttamente dal Classico “Le avventure di Peter Pan“. Fu una mossa commerciale per far conoscere la serie di VHS “Canta con noi“, lanciata in contemporanea “Cenerentola“.

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

NELLA VHS

Dentro la videocassetta vi era una busta, contente una cartolina per la prova d’acquisto e il catalogo delle VHS disponibili nell’autunno 1992. Acquistando la prima stampa della videocassetta si poteva trovare all’interno una busta con cartolina e il catalogo delle novità in VHS della Primavera del 1992.

Tra le varie videocassette pubblicizzate nel catalogo c’è ovviamente “Cenerentola“. Potete trovare la scansione integrale del catalogo cliccando qua.

La videocassetta di “Cenerentola” la troviamo pubblicizzata anche in un catalogo della primavera 1993. Il catalogo era inserito in diverse VHS, come “Pinocchio” o “Le avventure di Peter Pan“.

In questo video ci sono tutte le sequenze pubblicitarie della videocassetta:

NELLE VIDEOTECHE

Alle videoteche e negozi specializzati la Walt Disney mandò  il seguente “Profit Planner” per promuovere la distribuzione della VHS di “Cenerentola“.

Sempre nelle videoteche, venne distribuito questo catalogo contente idee regalo in VHS per Natale. Lo abbiamo recensito qua!

I negozi che permettevano di prenotare la videocassetta esponevano questo poster sui vetri del negozio (o in un punto interno).

TOP VIDEO GUIDA

Tra i nostri volumi della rivista “Top Video Guida” abbiamo scovato questo articolo dedicato a “Cenerentola“.

I più attenti avranno subito notato una cosa importantissima: l’articolo è abbinato ad un’immagine della COPERTINA PROVVISORIA della VHS. Se osservate bene vedete che l’immagine principale è interamente nel fronte della cover (nella versione definitiva una parte finisce sulla costa). Inoltre, al posto della frase “Il Classico Originale Disney” troviamo “Un magico sogno per te!”. Non sappiamo cosa spinse la Disney a cambiare idea. Possiamo dire che una cosa molto simile successe con la VHS del 1991 de “La Sirenetta.

TOPOLINO

Su “Topolino” apparsero le seguenti pubblicità. Ringrazio @disney.dream83 per avermele mandate! Se l’autore delle scansioni le riconoscesse è pregato di avvisarmi, così lo accrediterò.

Su “Topolino” troviamo anche questi articoli a cura di Angelo Frigerio e Enzo Manes.

VARIE

Queste pagine sono tratte dal giornale “Disney Oggi”, dove si parla di “Cenerentola” e delle altre videocassette Disney in uscita in quel periodo. Ci viene segnalata l’esistenza di una videocassetta del film sottotitolata per non udenti e una confezione regalo della VHS abbinata ad una bambola Mattel di Cenerentola in abito da ballo.

SPOT TV

Grazie a Monica del sito Only Shojo siamo riusciti a recuperare questo grazioso spot pubblicitario trasmesso sulla Rai. La parte animata, con Gas Gas che lucida la VHS, era stata creata negli Stati Uniti nel 1988 in occasione dell’uscita Home Video Americana del film.

Storia della VHS

“Cenerentola” arrivò ufficialmente sul mercato Italiano a inizio Novembre 1992. Diciamo ufficialmente perché mesi prima vennero distribuite delle videocassette del film non autorizzate dalla Walt Disney, delle quali abbiamo accennato sopra.

La copertina riprendeva quella dell’edizione Americana del 1988, schiarendone i colori. Al contrario di quest’ultima, l’edizione Italiana non fa parte della serie “Grandi Classici – Black Diamond”.

L’edizione nostrana venne distribuita anche in una confezione regalo assieme a una bambola della “Mattel“. L’immagine l’abbiamo presa da una vecchia inserzione eBay.

Come segnalato su “Topolino” e “Disney Oggi“, la videocassetta era disponibile anche in una versione sottotitolata per non udenti.

La VHS superò il record di vendite dei tempi, con oltre un milione di copie vendute come riportato su questo Profit Planner del 1993.

Più precisamente, come recita un Profit Planner del 1998, soltanto nel 1992 vennero venduti 1.100.000 esemplari di “Cenerentola“.

Cenerentola” restò nel catalogo Disney fino all’autunno 1993. La videocassetta non fu più reperibile a partire da quella data? Non andò proprio così. Come fanno intuire anche tutte le differenze che ho elencato tra le varie stampe, vennero prodotte tantissimi esemplari della videocassetta. Per questo motivo la si poteva trovare  in diversi negozi anche anni dopo il suo debutto. Ci furono poi delle ristampe tra il 1995 e il 1996, non segnalate nei cataloghi.

Occhio…alla ristampa!

Parliamo delle ristampe di metà anni ’90. Queste ristampe si differenziavano dalle prime stampe della VHS per tre elementi:

  • L’ologramma argentato era con “Topolino apprendista stregone” anziché con la “Cinepresa”;
  • I colori della copertina sono più scuri rispetto alle prime stampe;
  • Su etichette e box (MA NON SULLA COPERTINA) i riferimenti alla “Buena Vista Home Video” sono sostituiti da quelli della “Buena Vista Home Entertainment“.

Eccovi un video di confronto tra le due stampe di questa VHS:

Concludiamo con un altro video, ovvero con la collezione di “Cenerentola” del nostro collaboratore esperto di doppiaggi Marco Zaffuto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


CENERENTOLA – VHS VIVAVIDEO (EDITORIALE)

Cenerentola
(Cinderella) 

VHS NON UFFICIALE DELLA VIVAVIDEO

SI RINGRAZIA GIUSEPPE C. PER I FOTOGRAMMI CHE VEDETE IN QUESTA SCHEDA.


Codice VHS: Nessuno
BOX: Nero Grande
Distributore: Viva Video
Edizione: 1992
Ologramma argentato: Assente
Pubblicità iniziali: Assenti
Tipologia: Vendita (Editoriale)

Descrizione Contenuto:

Questa videocassetta del Classico Disney “Cenerentola” contiene esattamente lo stesso master video di un’altra (e più “famosa”) vhs non ufficiale del film, che abbiamo recensito qua.  O almeno lo era in partenza: questa sembra una copia più scadente dello stesso master, con una grossa perdita di definizione e un aumento della luminosità. Il master di partenza non è altro che un riversamento della pellicola cinematografica della riedizione Italiana dell’estate 1988. Caratteristica di questa versione è la presenza di un mascherino che copre una parte delle immagini del film sopra e sotto. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l’altra scheda.

Al termine del film si vede il logo del distributore del 1988, ovvero la Warner Bros.

Storia della VHS:

La videocassetta venne rilasciata dei mesi prima dell’edizione ufficiale del Novembre 1992. È una delle tante VHS distribuite senza il consenso della Walt Disney, poiché si pensava che alcuni Classici fossero caduti nel dominio pubblico. Un riferimento alla presunta caduta del film nel pubblico dominio la troviamo nel retro della copertina.

Analoga operazione la fecero altre case, come la Walkman srl o l’Eclecta Video. Questa VHS era in vendita nelle edicole, abbinata ad un albo, e talvolta nelle videoteche. Il master video era esattamente lo stesso di numerose VHS pirata che circolavano ai tempi. Si trattava nient’altro che un riversamento della pellicola cinematografica del film, più precisamente della riedizione cinematografica dell’estate 1988.

Le immagini della copertina provengono da illustrazioni usate in diversi libri distribuiti dalla Mondadori e dalla Disney Libri. Uno di questi lo trovate qua di seguito.

Foto da eBay.

L’uscita di questa e altre videocassette “bootleg” non lasciò indifferente la Walt Disney, che iniziò una campagna contro le videocassette pirata di ogni tipo. Un esempio è rappresentato da questo articolo, oppure dai messaggi antipirateria “È un vero Walt Disney” inseriti nelle VHS.

Non sappiamo se prima o dopo, ma venne prodotta un’altra VHS di “Cenerentola” per il circuito delle edicole, con lo stesso master video e con una copertina che utilizzava la locandina cinematografica del 1988, oltre alle illustrazioni dei libri Mondadori. Come detto sopra, troverete qua la recensione di questa videocassetta.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


CENERENTOLA – VHS EDITORIALE

Cenerentola
(Cinderella) 


Codice VHS: Nessuno
BOX: Nero Grande
Collana: Cartoni Videostar
Distributore: Edizioni World Trade Company
Edizione: 1992
Ologramma argentato: Assente
Pubblicità iniziali: Assenti
Tipologia: Vendita (Editoriale)

Descrizione Contenuto:

Questa videocassetta del Classico Disney “Cenerentola” contiene un riversamento della pellicola cinematografica della riedizione Italiana dell’estate 1988. Il film non è restaurato e, se si escludono i cartelli Italiani, il master di “partenza” è esattamente lo stesso che verrà inserito in tutte le videocassette ufficiali del film distribuite a livello mondiale verso la fine del 1992. Ad esso è stato applicato un mascherino: per questo ci sono delle bande e nere nella parte bassa e alta dell’immagine. Il formato del film non è stato quindi “riadattato” in 16:9 ma sono state coperte delle grosse porzioni delle immagini per simulare tale effetto. Soltanto i cartelli del film non sono coperti dal mascherino.

Come già detto, il film è tratto da un master che non ha subito alcun restauro. Di conseguenza, “Cenerentola” ha il collo senza colore in una scena iniziale del film. Il collo sarà colorato negli anni ’90. In Italia questa “correzione” l’abbiamo vista prima volta con la VHS dell’Aprile 1998.

Prima dell’inizio del film c’è l‘intro col logo della Walt Disney Pictures. Inizialmente il video è muto poi, quando il castello ha quasi finito di apparire, comincia la musica dei titoli di testa di “Cenerentola“. Questo espediente è stato creato per occultare il logo dei precedenti distributori cinematografici. Dunque non compare il logo della “Rank Film“, presente nella VHS ufficiale del Novembre 1992.

In questa videocassetta sono presenti tutti i cartelli cinematografici Italiani del film. Troviamo anche il Proclama Reale, rimasto in Inglese nella prima e nell’ultima edizione ufficiale in VHS. Per un approfondimento sui Cartelli Italiani di Cenerentola clicca qua.

Lo stesso master video di questa videocassetta, con gli stessi “stacchi”/disturbi di registrazione lo si poteva trovare in numerose videocassette pirata. In alcune copie era presente il cortometraggio “Paperino e il Leone”  prima del film, così come al cinema nel 1988. Per qualche secondo, prima che Cenerentola avverta la sua famiglia dell’arrivo della carrozza, si intravede il cartello di “Fine Primo Tempo”. Nel complesso la qualità video abbastanza è buona, se confrontata con quella di altre VHS non ufficiali..

In questa videocassetta, come in quelle originali, troviamo il secondo doppiaggio Italiano del film, inciso nel 1967. L’audio è integrale senza alcun tipo di buco.

Storia della VHS:

La videocassetta venne distribuita alcuni mesi prima dell’edizione ufficiale di Novembre 1992 per conto della Edizioni World Trade Company. Essa rappresenta il primo volume della Collana Cartoni Videostar e non sappiamo se ne vennero rilasciati degli altri. Si trattava di una delle tante videocassette distribuite senza il consenso della Walt Disney, poiché si pensava che alcuni Classici fossero caduti nel pubblico dominio. Un riferimento alla legge sul pubblico dominio dei film lo possiamo trovare in un riquadro nel retro della copertina.

Un’operazione analoga la fecero altre case, come la Walkman srl o l’Eclecta Video. Si poteva acquistare questa VHS nelle edicole, abbinata ad un albo, e talvolta nelle videoteche. Il master, tratto dalla riedizione cinematografica dell’estate 1988, era esattamente lo stesso di numerose VHS pirata che circolavano ai tempi nelle bancarelle e altri luoghi. La copertina venne creata utilizzando, per il fronte, la locandina della riedizione cinematografica precedentemente citata. Ringraziamo Lino Cappellini per la foto della locandina.

Per il retro della cover sono state scelte delle immagini provenienti da un libro della Mondadori.

Foto da eBay.

Tali illustrazioni vennero utilizzate per parecchi anni da questa casa editrice.

L’uscita di questa e altre videocassette non autorizzate causò il malcontento della Disney, che avviò una campagna contro le videocassette pirata di ogni tipo. Un esempio è rappresentato da questo articolo, oppure dai messaggi antipirateria “È un vero Walt Disney” inseriti nelle VHS.

Non sappiamo se prima o dopo, ma la “Vivavideo” distribuì un’altra VHS di “Cenerentola“, con lo stesso master video e con una copertina che utilizzava soltanto le illustrazioni presenti anche in quel libro della Mondadori che vi abbiamo mostrato più sopra. Potete trovarne la scheda qua. Si ringrazia “Gheppino ” per la scansione.

Un’ultima curiosità: Francesco Finarolli ci ha avvisato che durante il film “Libera” (1993) di Pappi Corsicato viene inquadrato un televisione nel quale viene riprodotta una scena di “Cenerentola“.  L’immagine sembrerebbe provenire proprio dalla videocassetta da noi recensita, anche se va detto che lo stesso master circolava in molte VHS bootleg del film.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


CENERENTOLA – VHS APRILE 1998


“Cenerentola” 
(Cinderella) 

VHS APRILE 1998

Codice VHS: VS 4745
BOX: Nero Piccolo (logo B.V.H.E.)
Collana: (1997-2000)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Apprendista stregone (1997-2000)
Sticker VHS: Disney Video (1997-2001)
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Le avventure di Peter Pan”, “Hercules”, “Winnie the Pooh – Alla ricerca di Christopher Robin”, “I capolavori di Paperino”, “Disneyland”
“É un vero Walt Disney”: “La Carica dei 101”
Intro:
Edizione: Aprile 1998
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

La videocassetta del 1998 di “Cenerentola” ripropone il film in una nuova veste. Il Classico è stato totalmente restaurato ed il nuovo master video differisce moltissimo da quello della precedente edizione in VHS del Novembre 1992. Una di queste differenze è, per esempio, la colorazione del collo di Cenerentola in una scena iniziale del film, precedentemente non colorato per una svista.

I nuovi colori sembrano essere più fedeli alla versione originale del film. Il problema di questa videocassetta, come le altre dello stesso periodo, è la presenza nel nastro del filtro antiduplicazione “Macrovision”. Le videocassette con questo filtro spesso venivano riprodotte nei videoregistratori mostrando una saturazione eccessivamente elevata oppure con i colori molto pallidi. Questi inconvenienti incidono parecchio sul lavoro compiuto dai restauratori. Fortunatamente la tecnologia si è evoluta e nei DVD e Blu-Ray questo inconveniente è svanito.

I titoli di testa e coda contengono delle differenze rispetto a quelli della precedente edizione in VHS.

Per quanto riguarda i titoli di testa:

  • È assente il logo della “Rank Film”, che distribuì il film nelle sale in occasione della sua riedizione cinematografica del 1967 (anno del ridoppiaggio);
  • Il cartello dell’edizione Italiana appare e si dissolve prima rispetto a quello della VHS del 1992;
  • Il libro della fiaba si apre a una velocità diversa rispetto alla precedente videocassetta.

Analizzando la parte finale del film:

  • Viene aggiunta una dissolvenza per passare all’ultima pagina del libro, assente nell’edizione cinematografica originale del film;
  • Prima di passare al cartello “Fine” c’è una dissolvenza graduale verso il nero.

Un merito di questa videocassetta è quello di recuperare il cartello Italiano del “Proclama Reale”, rimasto in Inglese nell’altra videocassetta.

Purtroppo, una piccolissima parte della ripresa de “I sogni son desideri” cantata dai topolini ha l’audio danneggiato. Precisamente nel punto in cui viene fatto il fiocco al vestito.

Cliccate qua per un approfondimento sui cartelli Italiani di “Cenerentola“.

Prima che cominci il film c’è l’intro col mitico logo col castello della Walt Disney Picutres. La versione che vediamo è più “zoomata” rispetto a quella Classica. Inoltre sembra che manchi una parte di musica dai canali audio. Lo stesso logo (senza audio) lo ritroviamo al termine del film, direttamente dal punto in cui il castello è già comparso completamente.

Nella versione Inglese c’è il logo della Buena Vista, non pervenuto da noi per questa VHS.

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

Nella custodia è presente una busta con all’interno vario materiale pubblicitario.
La busta ha l’immagine della carrozza coi cavalli sul fronte, nella chiusura del retro ci sono due francobolli da ritagliare di Giac e Gas Gas.

Tra il materiale pubblicitario incluso troviamo un volantino che promuove le future uscite Home Video Disney, una bustina di figurine Panini e un cartoncino per vincere fantastici premi Disney, come un orologio di Paperino.

Questo è il Profit Planner che venne dato alle videocassette, in cui è spiegata l’organizzazione della campagna pubblicitaria legata a questa VHS.

Le seguenti immagini invece provengono dalla rivista “Topolino“. Trovate anche un bell’articolo scritto da Federico Fiecconi.

Ed eccovi il video della sequenza pubblicitaria della videocassetta!

Storia della VHS:

Dopo quasi sei anni dal suo debutto in Home Video, “Cenerentola” tornò in videocassetta il 22 Aprile 1998. Come abbiamo detto sopra, il film fu completamente restaurato per l’occasione. La stessa edizione uscì mesi prima in Inghilterra. La copertina utilizzata non si era mai vista in Italia, eccetto per un elemento: la Fata Smemorina, copiata e incollata direttamente dalla copertina della precedente edizione. L’immagine del retro della fascetta apparve per la prima volta negli Stati Uniti in occasione della (loro) riedizione del 1995. C’è una curiosa differenza. I capelli di Genoveffa, in quell’edizione, sono neri. I capelli sulla cover della nostra edizione, curiosamente, sono stati ricolorati di castano chiaro.

L’immagine del retro Americano proviene dal sito vhscollector.com

Si tratta di un’imposizione di marketing? Probabile. A conferma di ciò possiamo notare che nel seguito del film, prodotto nel 2002, Genoveffa sfoggia proprio una chioma castana. Genoveffa aveva i capelli castani anche nella copertina della prima videocassetta (stavolta in tutti i paesi del mondo). Ad oggi non siamo riusciti a trovare una spiegazione per questa scelta. Nel film originale, a seconda del master, i capelli della sorellastra sono neri o al più castano scuro, lontano dal color nocciola di queste versioni.

Dall’edizione Americana del 1995 proviene anche la forma coi bordi argentati in cui è inserito un nuovo logo del film. Tuttavia il logo “Cenerentola” presente anche sulle cover della prima edizione in VHS verrà utilizzato ancora per molti anni su vari prodotti. Basti pensare all’edizone del 2005 in DVD e VHS! C

L’edizione Americana del 1995.

La copertina Statunitense proviene dal sito vhscollector.com .

Tornando in Italia, un mese dopo dall’uscita dalla versione vendita arrivò nel mercato Italiano la versione per il noleggio del film. L’abbiamo recensita qua.

CURIOSITÀ

Alcuni esemplari della videocassetta, per “errore”, potrebbero avere appiccicato sul guscio della videocassetta l’ologramma argentato con “Topolino apprensista stregone” senza la cornicetta attorno. Per capire di cosa parliamo vi invitiamo a consultare la nostra “Legenda” nella parte relativa all’Ologramma argentato.

I cartelli Italiani così come li vedete in questa VHS verranno riciclati per la successiva e ultima edizione su nastro del Novembre 2005.

Dal momento che vennero prodotti numerosi esemplari della videocassetta del 1992, non è raro sentire di gente che ha ricevuto la prima edizione dopo l’uscita della videocassetta descritta in questa scheda. Lo stesso Tia, creatore del sito, classe 1997, la trovò in vendita ancora sigillata in alcuni negozi.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE – VHS AGOSTO 1997


“Alice nel Paese delle Meraviglie”
(Alice in Wonderland)

VHS AGOSTO 1997

Codice VHS: VS 4050
BOX: Nero Piccolo (logo B.V.H.E.)
Collana: (1997-2000)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Apprendista stregone (1997-2000)
Sticker VHS: Disney Video (1997-2001)
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: Assenti
“É un vero Walt Disney”: Assente
Intro:
Edizione: Agosto 1997
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Il master video della VHS di Agosto 1997 del Classico Disney “Alice nel Paese delle Meraviglie” è esattamente lo stesso di tutte le precedenti edizioni Home Video. C’è però una modifica nel comparto audio. Il doppiaggio è sempre quello d’epoca, datato 1951 ma, nelle precedenti edizioni, la canzone dei titoli di coda (ripresa di quella iniziale, “Alice in Wonderland“) veniva sempre lasciata in Inglese. Questo perché in Italia non era mai stata mostrata quella porzione dei titoli di coda dopo la scritta fine, poiché si tratta dell’elenco dei doppiatori Americani (e prima del 1967 non venivano mai accreditati i doppiatori Italiani). Di conseguenza la ripresa della canzone iniziale non venne mai doppiata. In questa videocassetta del 1997 si è ricorso a uno stratagemma: è stato ritagliato parte dell’audio della canzone dei titoli di testa – dal verso “…si vanno a rifugiar” – e inserito al posto di quello Statunitense dei titoli di coda.  Non è la stessa cosa dell’originale (che era un’esecuzione diversa e accorciata della canzone iniziale), ma è quanto sono riusciti a fare ai tempi per preservare in tutto il film il doppiaggio storico.

Poiché il master video è quello delle precedenti videocassette, tutte le scritte del film rimangono in Inglese. Il Macrovision di cui è dotato la videocassetta (dispositivo antiduplicazione) in alcuni videoregistratori – come il nostro – può accentuare la luminosità o, in altri casi, può aumentare la saturazione. Questo non dipende dalla qualità del VCR: videoregistratori delle migliori marche possono presentare comunque queste particolarità. Non è così scontato che un videoregistratore riesca a calibrare correttamente i contrasti delle VHS col Macrovision.

Storia della VHS:

Alice nel Paese delle Meraviglie” venne rieditata nell’Agosto 1997 con una nuova copertina e un box piccolo, assieme ad altri Classici Disney. Il codice della VHS rimase lo stesso della precedente edizione della collana “Grandi Classici – Black Diamond” (VS 4050). che ricordiamo essere stata ristampata fino a pochi mesi prima del rilascio di questa VHS. La parte numerica del codice della VHS “Black Diamond” venne a sua volta ereditato dalla primissima edizione da noleggio del 1984. Ricordiamo inoltre che la VHS BLACK DIAMOND, al contrario di quanto riportato da molte FAKE NEWS, NON È AFFATTO RARA, poiché venne ristampata per tantissimi anni. Tornando all’edizione del 1997, essa verrà ristampata fino all’estate del 2001. I primi DVD Disney, distribuiti dalla Warner Home Video e dalla Buena Vista, utilizzeranno lo stesso disegno della copertina di questa VHS.

Occhio…alla ristampa!

Ci sono delle differenze nelle varie ristampe della VHS. Nelle copie rilasciate fino al 2000 lo sticker della SIAE che chiudeva la custodia poteva essere di colore rosso o di colore verde. A partire dal 2000 lo sticker SIAE diventa argentato. Altre differenze le abbiamo riscontrate nell’Ologramma argentato. Nelle ristampe successive all’inverno 2000 l’Ologramma argentato con Topolino “Apprendista stregone” (versione 1997-2000) viene sostituito da quello col “Castello“. Ringraziamo lo scrittore Federico Battisti per la foto.

Per saperne di più sull’Ologramma argentato delle VHS Disney clicca qua!

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


CINDERELLA – COLLECTOR’S DVD GIFT SET

“Cinderella”

Collector’s DVD gift set

SI RINGRAZIA MARIO JOHN PER LE IMMAGINI CHE VEDETE IN QUESTA SCHEDA. VISITATE LA SUA PAGINA INSTAGRAM, DEDICATA AL MONDO DISNEY!

Codice DVD: 786936239294
BOX: Nero
Collana: (Versione DVD, 2001- / )
Distributore: Buena Vista Home Entertainment, Inc., Dept. CS, Burbank, CA 91521
Ologramma argentato: Assente
Lingue Audio: Inglese, Spagnolo, Francese
Formato: NTSC
Regione: 1
Numero di dischi: 2
Aspect ratio: 1.33:1 (4:3)
Contenuti Speciali: Si
Edizione: 2005
Versione: Vendita
Slipcover: Si
Macrovision

Descrizione Contenuto:

Nel 2005 “Cenerentola” di Walt Disney venne restaurata e fu riproposta in DVD e VHS. L’edizione DVD fa parte della serie “Platinum Edition”. Oggi analizziamo la “Collector’s DVD Gift set”, edizione da collezione prodotta in Messico e distribuita negli USA. Vi avvisiamo che questa edizione NON CONTIENE LA TRACCIA AUDIO ITALIANA. Sono presenti, oltre a quella Inglese, la lingua Francese (ridoppiaggio del 1991) e Spagnola (ridoppiaggio del 1998). Ma credetemi, è talmente bella che vale la pena di acquistarla!

Il master video del film è lo stesso della nostra edizione. Il collo di Cenerentola, originariamente non colorato nella scena in cui si affaccia alla trappola per topi, è stato colorato. La versione colorata del collo è apparsa per la prima volta con la seconda edizione in VHS del 1998.

I titoli di testa e coda del film sono ovviamente in Inglese. Se aveste nostalgia di quelli Italiani potete rivederli cliccando qui.

Il secondo DVD del film è dedicato ai contenuti speciali. Degno di nota è “The Making of Cinderella“, che vi permetterà di scoprire la storia della produzione del film.

Al termine del film abbiamo dei cartelli con accreditate le persone che hanno partecipato al restauro di “Cenerentola“. Vengono utilizzati gli stessi fondali che appaiono nei titoli di testa, cosa che personalmente apprezziamo moltissimo.

ERRORI DEL RESTAURO

A volte anche i migliori, come la Walt Disney, commettono dei piccoli errori. Gli errori del restauro sono i seguenti.

Poco prima della sua partenza per il palazzo reale, per qualche fotogramma, le ciocche bianche dei capelli di Madame Tremaine diventano blu.

Sempre per pochi fotogrammi, sparisce uno dei sopraccigli della Fata Smemorina.

Il prossimo non è probabilmente un errore, bensì una cosa voluta. L’abito da ballo di Cenerentola, in molte scene, diventa di colore blu quando in origine era argentato.

Questa scelta forse è stata presa per adeguare le immagini del film al merchandising delle “Principesse Disney“, dove Cenerentola viene ritratta da ormai molti anni con un abito blu.

Esploriamo l’edizione…

Vi ho già detto che vale assolutamente la pena recuperare questa edizione di “Cenerentola“. Ora vi spiegherò il perché. Innanzitutto, la copertina del cofanetto è stupenda.

LA SLIPCASE

Il Cofanetto è avvolto da un nastro di carta che indica brevemente quali sono i tesori che racchiude. Al suo interno è contenuta una Slipcase, con la stessa immagine della Platinum Edition DVD Italiana del 2005.

Aprendo la slipcase, utilizzando l’apposito foro in basso sulla destra, ci vengono illustrati i vari “Contenuti Speciali” (Bonus Feautures) del DVD.

Ma non è di certo finita qui. Nel cofanetto è presente un meraviglioso libro, ricco di immagini e storia sulla produzione di questo capolavoro Disney.

IL LIBRO

Vi mostriamo alcune immagini. La Cenerentola del live action del 2005 non vi ricorda molto quella di questo sketch?

Non trovate adorabile la Cenerentola di queste immagini?

Qua invece abbiamo le antagoniste del film. La Madame Tremaine finale sembra un compromesso tra quella più anziana (nella pagina a sinistra) e quella un po’ più giovane che si vede in alto a pagina destra, non trovate?

La fotografia ritrae Eleanor Audley, modello di riferimento per la malvagia matrigna. Per chi non lo sapesse “Cenerentola” venne realizzato con la tecnica del Rotoscopio: la parte del film coi personaggi umani veniva recitata da attori. La Disney li filmava e gli animatori disegnavano i personaggi ricalcando i fotogrammi della ripresa “live action”. In questo modo i movimenti dei personaggi risultavano molto realistici. Eleanor verrà utilizzata nel 1959 come modello di Malefica de “La Bella addormentata nel bosco“. La frase che leggete appartiene a Frank Thomas, altro storico animatore Disney che si occupò di animare Madame Tremaine. Sì, Madame, NON LADY. Nel doppiaggio Italiano è chiamata così!

Il resto del libro dovrete scoprirlo da voi!

GLI SKETCH E LA PELLICOLA

E se quanto mostrato non vi bastasse, nel box è presente una scatoletta (la potete vedere nella foto più in alto, assieme al libro). Al suo interno troviamo 8 disegni dei protagonisti del film, con tanto di certificato di autenticità! E come vedete c’è anche un pezzo di pellicola 35mm, con il fotogramma di Cenerentola subito dopo la trasformazione dell’abito. Gli autografi (stampati sul box) sono quelli di due animatori Disney: Andreas Deja e Ollie Johnston. Ollie era uno dei famosi storici animatori Disney, i Nine Old Man, che prese parte alla creazione di “Cenerentola“.

Ecco qua gli sketch e il certificato di autenticità. In foto manca quello con la Fata Smemorina.

Questo invece è il fotogramma in 35mm.

Un carissimo amico e collezionista Disney, Marco C., ha caricato sul suo canale You Tube un video in cui mostra dettagliatamente questa stupenda edizione.

E questo è tutto gente! Speriamo che questa scheda vi sia piaciuta! Ora dovete scusarci ma… corriamo a cercare uno di questi box per acquistarlo! “Cenerentola” è uno dei Classici Disney preferiti da Tia e questa edizione non può mancare nella sua collezione!

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


“CINDERELLA’S SURPRISE DRESS” – SUPER 8

“IL VESTITO DI CENERENTOLA”

(Cinderella’s surprise dress)

Mi scuso per la qualità delle immagini, ma vengono da un vecchio “riversamento” (in realtà si limitarono a riprendere la pellicola proiettata su una parente) che commissionai a un fotografo molti anni fa. Come vedete il lavoro è stato svolto tutt’altro che a regola d’arte. Pensate che me lo fece pure pagare parecchio!

Il vestito di Cenerentola” è un super 8 (pellicola 8mm) contenente una piccola parte del Classico Disney “Cenerentola“. Esso venne distribuito ufficialmente dalla “Cinecasa” (di proprietà della Disney) a partire dagli anni ’70. Inizialmente la bobina era contenuta in una confezione cartonata. In un secondo momento venne distribuito anche in una confezione di plastica.

La ristampa col box in plastica. Foto da eBay.

Dalle immagini potete notare che il titolo sul fronte della confezione venne lasciato in inglese.

Il filmato ha inizio con la consegna dell’invito per il ballo alla matrigna e termina nella scena dove Cenerentola riceve l’abito dai topolini.

Parlando di doppiaggio, in questa pellicola è presente il secondo doppiaggio italiano del film, realizzato nel 1967. Così come in tutte le VHS, DVD e Blu Ray originali.

Bisogna ricordare che fu distribuita anche una versione “muta di questo filmato. In quel caso il video era accompagnato con alcuni sintetici sottotitoli (che spesso non corrispondevano con quanto veniva detto nel nostro doppiaggio). Nella custodia la scritta “Sonoro” veniva coperta con un pennarello nero.

La pellicola si chiude con un cartello “The end” marchiato Disney.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



CARTELLI ITALIANI DI “CENERENTOLA”

I cartelli italiani di “Cenerentola” furono creati nel 1950 e nel corso degli anni sono rimasti sostanzialmente immutati, fatta eccezione per due elementi:

  • La rimozione dei riferimenti alla RKO, distributrice del film nel 1950;
  • La sostituzione nel 1967 del cartello relativo al doppiaggio, poiché in quell’anno il film venne ridoppiato. Nella nuova versione si vede in fatti che tale nuovo cartello appare in modo brusco, rispetto agli altri che erano intervallati da transazioni graduali.

La nuova edizione di “Cenerentola” venne distribuita nei cinema Italiani durante il mese Dicembre 1967 dalla Rank Film. Il cartello Rank apparirà anche nella videocassetta del 1992.

Venne realizzata una versione Italiana anche del libro della fiaba che viene inquadrato all’inizio del film!

Sin dalla distribuzione cinematografica del 1950 venne tradotto il “Proclama reale“. Per un errore è stata esclusa la variante Italiana dalle videocassette del 1992 e del 2005, mentre è stato inserito nella VHS del 1998.

La VHS del 1998 rimuove il cartello della Rank Film e recupera una parte di commento musicale iniziale, tagliata nella precedente videocassetta. Inoltre i titoli di testa terminano un po’ prima rispetto a quelli della VHS del 1992, e anche la velocità di apertura del libro è differente.

Eccovi invece le scene col libro in chiusura.


Nella prima edizione in VHS tra il libro – al termine del film –  e il cartello “Fine” non vi è una dissolvenza graduale, che è invece presente nella videocassetta del 1998.

Nel video qua sotto potete ammirare i cartelli Italiani del film, presi da entrambe le VHS. Nella VHS del Novembre 2005 i cartelli erano esattamente gli stessi dell’edizione del 1998.

Va infine ricordato che i cartelli dei titoli italiani di “Cenerentola” sono molto diversi nei colori rispetto a quelli americani. Gli stessi fondali utilizzati in italia sono stati utilizzati anche in altri paesi, come la Francia.

Vi lasciamo con un video che compara i cartelli italiani con quelli originali.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.