Tag Archives: 1937

SNOW WHITE AND THE SEVEN DWARFS – VHS 1994


“Snow White and the Seven Dwarfs”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 1524
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: Walt Disney Masterpiece Collection
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Pocahontas
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Nessuna
Edizione: 1994
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

Descrizione Nastro:

La videocassetta di “Snow White and the Seven Dwarfs” comincia con i messaggi antipirateria, proposti nella variante in uso a partire dal 1992, ovvero con lo sfondo verde. Segue una sequenza pubblicitaria, nel quale veniamo accompagnati da Roy E. Disney ad una veloce scoperta del Classico Disney “Pocahontas” (che era ancora in corso di lavorazione) e dell’avanguardia tecnologica Disney, che ha permesso il restauro dei suoi film. Si passa poi all’intro della Walt Disney Home Video – sostituita da quella della Walt Disney Masterpiece Collection nelle copie stampate in un secondo momento – e quindi al film.

Il master video della cassetta è esattamente lo stesso apparso qualche mese prima nell’edizione italiana. Si tratta di una versione restaurata digitalmente che cercò di riportare il film al suo originale splendore. E bisogna dire che, anche se in futuro le tecniche di restauro migliorarono ulteriormente, si fece davvero un bel lavoro con questo primo restauro di Snow White! Un restauro degno della più bella del reame!

La videocassetta non contiene i cartelli cinematografici originali del 1937, per quanto riguarda i titoli di testa e coda del Classico. La versione che troviamo è quella delle successive riedizioni cinematografiche, la cui distribuzione a partire dagli anni ’60 non era più affidata alla RKO Radio Pictures Inc., bensì alla Buena Vista. Ciò ha portato alla creazione di una nuova versione dei titoli iniziali e finali, eliminando tutti i riferimenti al vecchio distributore.

Finito il film compare un cartello con i dati del restauro, a cui segue il logo della Walt Disney Pictures (apparso anche prima dei titoli iniziali).

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La videocassetta di “Snow White and the Seven Dwarfs” venne distribuita negli Stati Uniti il 28 Ottobre 1994, in contemporanea con un’edizione Laserdisc. Era la prima volta che il film uscì in videocassetta, poiché in passato la Disney si era detta contraria a un suo rilascio Home Video: Snow White era considerata una gemma troppo preziosa per essere ceduta al mercato delle videocassette. La Disney voleva continuare a riproporlo solo ed esclusivamente nei cinema. Cosa fece cambiare loro idea? Senza dubbio incise molto la diffusione di videocassette pirata del film, con tanto di una sua ipotetica caduta nel dominio pubblico in alcuni paesi, tra i quali l’Italia. Quella Americana non fu una prima mondiale di Snow White in VHS: il primo rilascio ufficiale del mondo in VHS fu in Italia, a Maggio 1994. Tale decisione fu presa proprio per l’elevatissima diffusione di edizioni non ufficiali del film, che da quattro anni circolavano nel paese. Tra queste ci sono le famosissime videocassette dell’Eclecta Video e della Walkman s.r.l. . Tornando negli Stati Uniti, la videocassetta fu il primo titolo della serie Walt Disney Masterpiece Collection, che andava a sostituire The Classics (nota come Black Diamond). Il primo lungometraggio dello Zio Walt non poteva che essere un bestseller: si contano ben 24 milioni di copie vendute nel 1995. All’interno della confezione  c’era tantissimo materiale pubblicitario. Eccovi una foto che abbiamo trovato su eBay!

Sempre su eBay, abbiamo trovato una foto del cofanetto dell’Edizione De Luxe. Costava 120 $ e oltre alla videocassetta del Classico ne conteneva anche una col suo “Making of“, ovvero un documentario sulla realizzazione del lungometraggio.

Gli Americani dovettero aspettare il 2001 per ricevere una nuova edizione VHS del film.

Occhio…alla ristampa!

Per ora abbiamo individuato queste date di stampa della VHS:

  • 23 Maggio 1994
  • 31 Maggio 1994
  • 10 Giugno 1994
  • 17 Giugno 1994
  • 23 Giugno 1994
  • 30 Giugno 1994
  • 6 Luglio 1994
  • 13 Luglio 1994
  • 10 Settembre 1994
  • 11 Settembre 1994
  • 16 Settembre 1994
  • 24 Settembre 1994

Perché bisogna stare attenti alle varie stampe della videocassetta? Perché a partire dall’autunno 1994 in alcune copie venne sostituita l’intro della Walt Disney Home Video con quella della Walt Disney Masterpiece Collection.

Il seguente video racchiude la prima versione:

La seconda versione è reperibile qua:

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



BIANCANEVE E I SETTE NANI – VHS OTTOBRE 2001

 


“Biancaneve e i sette nani” 
(Snow White and the seven dwarfs)  

VHS OTTOBRE 2001

Codice VHS: VS 4887
BOX: Blu
Collana: (2001-2006)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Castello (2000-2004)
Sticker VHS: Walt Disney Home Entertainment
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: Disneyland
“É un vero Walt Disney”: Assente
Intro: Walt Disney Home Entertainment
Edizione: Ottobre 2001
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

La terza edizione in VHS di “Biancaneve e i sette nani” si apre con i famosi messaggi antipirateria, che vista l’epoca di distribuzione della VHS sono marchiati Buena Vista Home Entertainment. Segue una sequenza pubblicitaria di Disneyland Paris, che annuncia per la primavera 2002 l’apertura di un nuovo parco a tema nel Disneyland Paris Resort. La neonata intro della Walt Disney Home Entertainment, che da quel momento rimpiazzò ufficialmente l’intro Disney Video, ci annuncia l’inizio del Classico.

Vediamo il castello della Walt Disney Pictures via via formarsi. La sequenza con questo logo non c’era in origine, ma è stata aggiunta a partire dalle riedizioni cinematografiche degli anni ’90.

I titoli di testa sono identici come montaggio a quelli della Videocassetta del 1994. Ma il master non è lo stesso: la qualità è migliore e l’immagine è circondata da bande nere, che svaniscono – fatta eccezione per le consuete strisce nere laterali ai lati destro e sinistro, che noi tagliamo sempre poiché non fanno parte del master – per il resto del film e per la scritta fine. Tale scelta venne adottata anche in patria, anzi, sicuramente i nostri cartelli sono stati conformati alla versione Statunitense, in questa VHS.

Cosa ha questa edizione di speciale? Un nuovo restauro del film, effettuato digitalmente. Il precedente restauro risaliva al 1994, distribuito in occasione della prima videocassetta Italiana e venne realizzato grazie al supporto della Cineon, una divisione della Kodak. Nel giro di otto anni la tecnologia fece grandi progressi, così nel 2001 fu possibile eseguire un nuovo restauro di “Biancaneve e i sette nani“, convertendo in digitale il lavoro realizzato con la Cineon e ripulendo ulteriormente la pellicola originale da impurità.

Bisogna evidenziare che non solo l’immagine è stata restaurata, ma anche la Colonna Sonora. L’audio venne ripulito e rimasterizzato con l’ausilio di tecniche brevettate dal Sound Engineering Department della Walt Disney, tornando quindi alla purezza originaria.

Oltre ai titoli di testa e coda (inclusi quelli dell’edizione Italiana), quali sono gli altri cartelli Italiani presenti in questa Videocassetta? Sono esattamente quelli presenti nelle precedenti edizioni Home Video degli anni ’90. Dunque vengono mantenuti in Inglese il libro della fiaba (all’inizio) e i testi dei libri nel laboratorio della malvagia Regina. Per un approfondimento sui cartelli di “Biancaneve e i sette nani” vi invitiamo a cliccare qua!

Ma il bello della videocassetta deve ancora venire! Dopo il film ci sono ben venti minuti di Contenuti Speciali! Michael Eisner, famoso imprenditore Americano che amministrò la Walt Disney dal 1984 al 2005, ci introduce alla Clip musicale “Someday my Prince will come“, cantata in Italiano da Rossana Casale  e da Barbara Streisand in Inglese.

Per la prima volta in un’edizione Home Video Italiana viene inserita la “Scena della Zuppa“, mai completata poiché venne scartata dal film. È proposta in Inglese coi sottotitoli in Italiano.

Vi chiederete: non è stata mai doppiata nel nostro paese? Effettivamente non è proprio così. Un doppiaggio Italiano della scena esiste, realizzato per la trasmissione de “Il plausibile impossibile” sulle emittenti RAI. Rosetta Calavetta riprende il ruolo della Princineve… volevo dire Principessa, in questo doppiaggio. Ruolo che aveva già rivestito per l’edizione Italiana del 1938. Il doppiaggio del film presente in questa videocassetta non è quello storico, ma un ridoppiaggio realizzato nel 1972. Tornando alla “Scena della zuppa“, potete sentirne il doppiaggio Italiano in questo video su You Tube. L’audio proviene da una storica registrazione di Antonio Costa Barbé, mentre al prodotto finale hanno contribuito Angelo de Pompeis e Nunziante Valoroso.

Nel nastro è stato incluso  (con tanto di Intro della Walt Disney Home Video!) l’inizio della videocassetta “Canta con noi:  Ehi Ho – Andiamo a lavorar“. È dunque possibile cantare l’omonima canzone seguendone il testo sullo schermo! Il master che vedete non è restaurato, poiché la VHS risale all’inizio del 1993.

Fonte note sul Restauro del Film: dvdweb.it, “Il ritorno di Biancaneve e i sette nani“, ultima consultazione 01/05/2020 ore 11.49.

Storia della VHS:

Il 5 Dicembre 2001 cadeva il centenario della nascita di Walt Disney. Quale modo migliore per festeggiare questo evento, che portò sulla terra l’uomo che fece sognare con i suoi film milioni di persone, se non quello di riproporre in una nuova versione restaurata il suo primo lungometraggio d’animazione? La data inizialmente prevista per la nuova edizione di “Biancaneve e i sette nani” era proprio il 5 Dicembre 2001. Tuttavia, l’uscita venne poi anticipata ad Ottobre. L’edizione del 2001 si tratta del primo titolo che fa parte delle cosiddette “Platinum Edition”. Il film venne distribuito anche in due diverse edizioni DVD: un’edizione Monodisco e una De Luxe. Per quanto concerne le VHS, le versioni furono tre:

  • Edizione Standard, con la sola videocassetta del Film;
  • Edizione che comprendeva VHS e un Peluche di Cucciolo;
  • Edizione De Luxe abbinata ad un libro.

In tutte queste tre varianti la videocassetta e il suo nastro non subivano alcuna modifica. Apposto sul cellophane della videocassetta c’era un adesivo a forma di mela che avvisava della presenza dei “Contenuti Speciali”.

Ringraziamo Francesco Finarolli per aver contribuito nella realizzazione di questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.

BIANCANEVE E I SETTE NANI – VHS WALKMAN S.R.L. (BOX RIGIDO)

“Biancaneve e i sette nani” 
(Snow White and the seven dwarfs) 

 

Ringrazio Alessandro Santangelo per la scansione della copertina.

Codice VHS: WK 001
BOX: Nero Piccolo
Distributore: Walkman S.r.l.
Ologramma argentato: Assente
Pubblicità iniziali: Assenti
Tipologia: Vendita (Editoriale)

Descrizione Contenuto:

Questa VHS di “Biancaneve e i sette nani” potrebbe rivelarsi una bella (o spiacevole) sorpresa per coloro che ne verranno in possesso. Inserendola nel videoregistratore, dopo i titoli di testa, vi accorgerete che qualcosa non quadra. Il narratore non è quello che ricordate. I vostri occhi si illumineranno: che sia il doppiaggio Italiano del 1938? La qualità del video (tutt’altro che perfetta) sembra appoggiare le vostre speranze. Proseguite la visione, curiosi ed elettrizzati. Vi accorgete che la regina ha una voce molto familiare, e che le musiche si ripetono in loop. In un secondo le vostre aspettative vengono distrutte, specialmente se siete cresciuti guardando cartoni animati delle emittenti regionali. “Ma la doppiatrice della Regina è la stessa della mamma di Ransie la strega!” . Bingo! Si tratta proprio di Daniela Gatti, mentre la sua rivale in bellezza, la dolce princineve…biancaspessa….ehm Biancaneve, è doppiata da Gabriella Andreini, che lavorò assieme alla Gatti per il doppiaggio dell’anime “Ransie la strega” (interpretavano rispettivamente figlio e mamma). Capirete quindi che non è di certo lo storico doppiaggio del 1938.

Ma allora qual è il doppiaggio di questa videocassetta? Si tratta di un doppiaggio non ufficiale, realizzato per conto della Cinepatrizia (la casa di distribuzione cinematografica dietro alla quale si celava la Walkman s.r.l.) da uno studio di doppiaggio che si occupava anche di telenovelas e cartoni animati trasmessi su emittenti regionali.

E il master video? Il master video proviene senza ombra di dubbio dal riversamento di una copia di una pellicola cinematografica Americana. Le sue caratteristiche sono la forte dominante marrone che caratterizza tutto il lungometraggio e la presenza del cartello della distribuzione Buena Vista prima del film. Dunque si tratta di una pellicola successiva al 1958, anno a partire dal quale la Buena Vista si occupò della distribuzione di Biancaneve in patria. I cartelli sono ovviamente in lingua originale. Per tutta la durata del film (titoli inclusi) appare il logo WK – ovvero Walkman – che si sposta per tutti gli angoli dello schermo, emulando il “comportamento” del logo CWD (divenuto in seguito WD) delle videocassette Disney anni ’80.

Come accennato prima, vari brani del commento musicale originale si ripetono in continuazione per tutto il film. La casa di doppiaggio non aveva infatti a disposizione la colonna sonora originale e quindi ha ritagliato tutti i frammenti dell’audio in cui non c’erano dei dialoghi e li ha ripetuti più volte creando quindi una colonna sonora “nuova”. Il risultato è tutt’altro che eccellente. Per non parlare della trovata di inserire del rumore di vento come colonna sonora in certe scene. Ma sempre meglio (forse) che utilizzare musiche di alcuni cortometraggi Warner Bros. e dei Fleischer Studios, cosa fatta per la VHS Walkman di “Dumbo. Venendo i dialoghi, questi sono talvolta fedeli all’originale, talvolta inventati di sana pianta. Se la regina è da subito etichettata come strega dal narratore, un vanto di questo doppiaggio è quello di non cambiare l’animale da cui proviene il cuore portato alla Regina. Nel doppiaggio Italiano del 1938 il cacciatore consegna alla sovrana il cuore di un capretto, in quello del 1972 proviene da un cinghiale. Nell’edizione Walkman torna ad essere finalmente il cuore di un maiale (“The heart of a pig!” esclama in Inglese la perfida matrigna). Le canzoni rimasero completamente in lingua originale.

Ed ora ecco una veloce scheda di doppiaggio del film! Premetto che dobbiamo ringraziare Marco Zaffuto e il nostro fan Danilo P. che hanno riconosciuto le voci del film. Chiediamo di accreditarli, e di citare il sito, qualora qualcuno volesse riproporre altrove questa scheda:

  • Biancaneve: Gabriella Andreini;
  • Regina/Venditrice di mele: Daniela Gatti;
  • Specchio/Cacciatore/Nani: Toni Orlandi;
  • Principe/Nani/Narratore: Sergio Luzi.

Daniela Gatti e Gabriella Andreini le ricordiamo anche per aver prestato la loro voce in film come”Faster Pussycat kill kill“. Se sulla pagina Wikipedia del film trovate accreditata Daniela Gatti dovete sapere che è stato proprio Marco Zaffuto a inserirla su quella nota enciclopedia online.

Storia della VHS:

La videocassetta venne distribuita all’inizio degli anni ’90, la data esatta dovrebbe essere il 1992. La Cinepatrizia, convinta che alcuni film di Walt Disney fossero caduti nel pubblico dominio, decise di distribuirli in sue VHS. I proprietari della casa si posero una domanda: erano convinti che tali film fossero caduti nel pubblico dominio, ma tale destino era toccato anche al doppiaggio Italiano? Per non rischiare, decisero di creare dei nuovi doppiaggi di questi Classici Disney (eccetto “Pinocchio“, che rimase col suo storico doppiaggio cinematografico). La cosa purtroppo non fu sufficiente: nel Settembre 1992 la Walt Disney citò in giudizio la Cinepatrizia s.r.l. per aver distribuito videocassette contenente materiale del quale deteneva ancora i diritti di Copyright. La richiesta della Disney venne accolta, il tribunale stabilì che tali film non erano ancora caduti nel pubblico dominio e dispose il sequestro dei master delle VHS Walkman.

Oltre all’edizione mostrata in foto, ne esiste un’altra con copertina cartonata (completamente diversa). Il master video è analogo a quello che troviamo nella versione con box in plastica che abbiamo recensito.

La videocassetta cartonata era un supplemento al periodico “Il Teatrino“, mentre quella della scheda era un supplemento al n° 1 della “Linea Arcobaleno“, Edizioni Orchidea. Essendo VHS editoriali dovevano essere per forza allegate a riviste per poter essere vendute in edicola.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


BIANCANEVE E I SETTE NANI – VHS MARZO 1996 (NOLEGGIO)


“Biancaneve e i sette nani” 
(Snow White and the sever Dwarfs) 

VHS Versione Noleggio Marzo 1996 

Codice VHS: VI 4635
BOX: Trasparente Grande (logo B.V.H.E.)
Collana: Noleggio (1996)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Apprendista stregone (1993-1997)
Sticker VHS: Disney Video (1996, riquadro bianco)
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: Disney Interactive
Intro:
Edizione: Marzo 1996
Tipologia: Noleggio
Macrovision

Descrizione Nastro:

Il master video della VHS da Noleggio del 1996 di “Biancaneve e i sette nani” è identico a quello della VHS da vendita di Maggio 1994 e per maggiori dettagli vi rimandiamo alla sua scheda che potete trovare cliccando qua.

Prima dell’inizio del film appaiono i messaggi antipirateria  col castello marchiato “Buena Vista Home Entertainment“, la pubblicità dei videogiochi per PC “Disney Interactive” e l’intro della Disney Video. Come nella versione vendita, il nastro è dotato di sistema antiduplicazione.

Storia della VHS:

Siamo a Marzo 1996. Dopo quasi due anni dal suo ufficiale debutto in Home Video, il primo Classico di Walt Disney, “Biancaneve e i sette nani” viene rilasciato per il noleggio. La copertina è sostanzialmente la stessa della versione vendita, vengono soltanto aggiornati i dati, i loghi (Disney Video al posto di Walt Disney Home Video) e inserita l’indicazione “Versione Noleggio“. Inoltre, al contrario dell’edizione del 1994, in copertina compare il logo del dispositivo antiduplicazione presente nel nastro. La precedente VHS lo aveva (e fu la prima videocassetta Disney ad esserne provvista) senza però  alcuna indicazione in copertina.


Si ringrazia Alessandro Santangelo per i fotogrammi del film.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


BIANCANEVE E I SETTE NANI – BLU RAY

Biancaneve e i sette nani
(Snow White and the seven dwarfs)

Blu-Ray Diamond Edition

Codice Slipcase Blu-Ray: BIY 0168402SC3A
Codice Amaray Blu-Ray: BIY 0168402Z3A
BOX: “Angoli smussati”
Slipcase: Si
E-Copy: No
Logo “Disney Magic and More”: No
Numero di dischi: 3 (2 Blu-Ray e 1 DVD)
Aspect ratio: 1.33:1 (4:3)
Lingue Film: DTS 5.1: Italiano, Spagnolo, Olandese; DTS HD MA7.1: Inglese; Dolby Digital 5.1: Hindi, Spagnolo (Latino).
Lingue Contenuti Speciali: Dolby Digital 2.0 e 5.1: Italiano, Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo, Olandese Turco.
Sottotitoli Film: Italiano, Inglese, Inglese per non udenti, Spagnolo, Olandese.
Sottotitoli Contenuti speciali: Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo, Olandese, Turco.
Contenuti Speciali: Presenti
Distributore: Walt Disney  Studios Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Stampa su disco: Sì
Edizione: Dicembre 2009
Tipologia: Vendita

Descrizione Contenuto:

Il Blu-Ray di “Biancaneve e i sette nani” è uno dei miei Blu-Ray Disney preferiti. D’altra parte il primo Classico di Walt Disney non poteva non avere un trattamento speciale. Da cosa vogliamo cominciare? Dal restauro del film, che è davvero eccellente. Vedendolo non direste mai che si tratta di un film del 1937. venne distribuito a partire dall’  2 Dicembre 2009, in contemporanea con un’edizione in DVD. La versione in DVD è disponibile anche all’interno di un cofanetto librato. Il film mantiene un aspect ratio in 4:3, abbastanza fedele a quello originale (ovvero l’1.37:1 della pellicola 35mm originale). L’audio Italiano è in DTS 5.1. Il doppiaggio utilizzato è quello del 1972, ovvero il secondo Italiano. Il nostro primo doppiaggio del 1938 è ad oggi reperibile soltanto in alcuni Super 8, 16mm e Videocassette non ufficiali. L’amaray ospita 3 Dischi: il  film in Blu-Ray e DVD e il Blu-Ray coi contenuti speciali. All’interno dell’amaray troviamo un foglietto inerente a un concorso a premi de “La Principessa e il Ranocchio“.

Questo concorso è segnalato anche da un adesivo sulla Slipcase. A meno che non lo abbiate rimosso, come il sottoscritto.

Al contrario della precedente edizione Home Video del 2001, i cartelli e scritte in Italiano del film sono completamente svaniti. “Disney: Tapes & More” li ha riproposti per voi qua. Le potete trovare in varie VHS, come nell’edizione del 1994.

I contenuti speciali sono molti di più di quelli sinteticamente segnalati nella sintetica copertina del Blu-Ray. Di seguito potete ammirare, vedendo questo video, il menu del Blu-Ray del film e quello dei Contenuti Speciali! Quale modo migliore per scoprirli tutti?

EFFETTI OLOGRAFICI

Il Blu-Ray di “Biancaneve e i sette nani” ha degli effetti olografici sulla Slipcase.  Essa infatti fa dei giochi di colore quando la si muove. In molte ristampe questi effetti olografici sono andati perduti.

Occhio…alla ristampa!

Analizziamo ora le ristampe di questo Blu-Ray. Sono tantissime, siete pronti?

Nella prima stampa il codice sulla Slipcase comprende la sigla “SC3A”.

RISTAMPA “Magic and More”

Foto da eBay.

Nel 2010 cominciava il concorso “Disney Magic and More”. La Disney distribuì una versione in Blu-Ray del film con Slipcase senza rilievo né effetti olografici. Su di essa venne appiccicato l’adesivo del concorso.

Successivamente la casa di Zio Walt produsse una nuova ristampa del Blu-Ray con il logo “Disney Magic and More” impresso su Slipcase e copertina. Variò anche il codice: “SC3A” fu sostituito con “SC3B” sulla Slipcase, “Z3A” con “Z3B” sulla copertina. Alcune di queste Slipcase hanno effetti olografici (senza rilievo).

Foto da eBay.

Il retro della copertina venne modificato per inserire il logo del concorso.

Il Blu-Ray circolò  col logo “Disney Magic and More” anche senza Slipcase.

LA FINE DEL CONCORSO

Nel 2013 terminò il concorso “Disney Magic and More“. Biancaneve venne nuovamente distribuita. Questa versione può essere definita sia come ristampa sia come “riedizione”.

Sparirono tutti i riferimenti al corso, così come il logo delle “Diamond Editions“. I dischi passarono dall’essere 3 a soltanto uno, ovvero quello del film. Ciò ha portato alla perdita dei Contenuti speciali.

Curiosamente, questa versione è provvista di Slipcase. Diciamo curiosamente perché in quel periodo, così come oggi, salvo con vere e proprie riedizioni (vedi il Blu-Ray del 2014 de “La Bella addormentata nel bosco”), si tendeva a eliminare la Slipcase dai Classici già distribuiti. Questa Slipcase non era in rilievo ed era completamente priva di effetti olografici. Il codice del Blu-Ray fu nuovamente modificato.

Foto da eBay.

Oggi questa versione viene distribuita senza Slipcase.

Foto da Amazon.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


BIANCANEVE E I SETTE NANI – VHS MAGGIO 1994


“Biancaneve e i sette Nani”
(Snow White and the seven Dwarfs)

 

Codice VHS: VS 4484
BOX: Nero Grande (logo B.V.H.E.)
Collana:  (1991-1996)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Apprendista stregone (1993-1997)
Sticker VHS: Topolino apprendista stregone (1992-1995)
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Il Re Leone” al cinema; Disneyland Paris
“É un vero Walt Disney”: “Gli Aristogatti”
Intro:
Edizione: Maggio 1994
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

La VHS del 1994 di “Biancaneve e i sette nani” propone il film con il ridoppiaggio eseguito nel 1972 e con tutti i suoi cartelli italiani (clicca qui per maggiori informazioni) fatta eccezione per quelli dei libri, che rimangono in inglese poiché ciò che si ascolta in questo doppiaggio non corrisponde più a quanto scritto in quelle sequenze. La Disney realizzò i cartelli del film per la prima edizione cinematografica italiana del 1938 e quando questo fu ridoppiato, nel 1972, l’adattamento del copione mutò ma i cartelli italiani dei libri non vennero modificati. Per evitare queste discrepanze ,chi si occupò del montaggio video della videocassetta decise di lasciarli in inglese. I cartelli dei titoli di testa e coda proposti, seppure in italiano, non sono quelli realizzati nel 1938, bensì quelli dell’edizione cinematografica del ridoppiaggio, dove fu eliminato il cartello dello studio di doppiaggio della prima edizione.

A sinistra, la conclusione dei titoli di testa nella VHS del 1994.  A destra, come si concludevano i titoli di testa quando c’era il primo doppiaggio (cartello modificato negli anni ’50).

Per approfondire l’argomento dei “Cartelli Italiani” di Biancaneve, cliccate qua.

Storia della VHS:

L’uscita italiana della VHS di “Biancaneve e i sette Nani” fu un vero e proprio video evento del 1994. Il rilascio fu anticipato rispetto a quello mondiale (avvenuto nell’autunno dello stesso anno) poiché sembra che alla Disney Italia premesse molto contrastare il prima possibile la diffusa vendita di videocassette pirata del film, offrendo finalmente – come recita il retro della videocassetta – una vera e propria gemma da collezione .

Sul cellophane della maggior parte delle prime stampe della VHS era presente il seguente adesivo. Nella VHS era inserita una cartolina che dava la possibilità di vincere…una miniera di premi!

Si ringrazia Luca Finocchiaro per la foto!

La videocassetta di “Biancaneve e i sette Nani” è stata una novità sotto molti aspetti:  è il primo Classico Disney ad utilizzare un nastro VHS dotato del sistema antiduplicazione “Macrovision”, che portò per la prima volta (se si escludono le prime stampe della VHS del 1989 de La Bella addormentata nel bosco) all’abbandono del logo WD durante il film. Altra novità è quella del cambio del distributore della videocassetta, che passò da “Buena Vista Home Video – Via Agnello 18, Milano” a “Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano”. Tuttavia, alcune prime stampe della VHS potrebbero avere il Box marchiato internamente “Buena Vista Home Video”, per smaltire le rimanenze di magazzino.

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

Per il lancio della VHS venne distribuito ai rivenditori Disney un profit planner. Lo potete trovare integralmente qua.

L’uscita della VHS venne sponsorizzata da vari giornali e riviste. Il mensile “Top Video Guida” dedico la copertina di Giugno 1994 all’uscita in VHS di Biancaneve.

Come già detto, nelle prime stampe della VHS c’era una cartolina che permetteva di vincere “una miniera di premi”. La trovate qua di seguito.

Il concorso venne pubblicizzato anche attraverso dei piccoli volantini:
Questo invece è lo spot pubblicitario della videocassetta che trasmise Italia 1. Video originale dal canale You Tube di “MayBug

Prima dell’inizio del film erano presenti delle pubblicità. Eccovi qua il video!

La VHS rimase in catalogo fino al 1997. In un catalogo della stagione 1996/97 si continuava a parlare della nostra Biancaspess…Princinev…cara fanciulla!

Occhio…alla ristampa!

Questa videocassetta rimase nel catalogo Disney dal 1994 all’estate del 1997. Una volta esaurite le scorte in magazzino, la Disney rilasciò delle ristampe identiche alla prima del 1994, eccezione fatta per quelle prodotte tra il 1996-1997. Le ristampe di quel periodo sono state private di tutte le pubblicità e nel nastro tutti i riferimenti alla “Walt Disney Home Video” vengono sostituiti con quelli della “Disney VideoStessa sorte ha subito lo sticker  della VHS, che in queste ristampe presenta il logo “Disney Video”(clicca qua per un approfondimento sugli sticker). La copertina non ha subito modifiche se non il cambio dell’ologramma argentato nelle ristampe prodotte tra la primavera e l’estate 1997, che sfoggiano la seconda versione dell’ologramma “Apprendista stregone” (1997-2000).

Vi lasciamo con il video della collezione di “Biancaneve e i sette nani” del nostro collaboratore Marco Zaffuto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.