POMI D’OTTONE E MANICI DI SCOPA – VHS 1991 (1983)

“Pomi d’ottone e manici di scopa” 

(Bedknobs and broomsticks)

VHS FEBBRAIO 1991

“Pomi d’ottone e manici di scopa” è un lungometraggio in tecnica mista prodotto dalla Walt Disney nel 1971, diretto da Robert Stevenson e liberamente tratto dal romanzo “Pomi d’ottone e manici di scopa” (Bedknobs and broomsticks) di Mary Norton. La pellicola vede Angela Lansbury (oggi nota specialmente per il ruolo di Jessica Fletcher ne “La signora in giallo“) nei panni della protagonista Miss Price, un’apprendista strega. David Tomlinson, che aveva interpretato nel 1963 Mr Banks in “Mary Poppins“, in questa pellicola riveste il ruolo del “Professor” Emelius Browne. I tre bambini, Charlie, Carrie e Paul sono rispettivamente interpretati da Ian Weighill, Cindy O’Callaghan e Roy Snart.

Codice VHS: VS 4035
BOX: Nero Grande (logo W.D.H.V.)
Collana: Walt Disney Home Video
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino (1989-1991)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: “Le avventure di Bianca e Bernie”, “Ducktales – La corona perduta di Gengis Khan”, “Ducktales – Il mistero del fantasma”, “Talespin”, “Pomi d’ottone e manici di scopa”, “Bianca e Bernie nella terra dei canguri” (al cinema).
Pubblicità finali: Fumetti Disney, Disney Southern California.
Intro:
Edizione: Febbraio 1991 (Giugno 1983 in copertina)
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Dopo i messaggi antipirateria, con la testa di Topolino che si muove come una macchina da scrivere, e varie pubblicità, il film ha inizio.

Sono assenti i cartelli cinematografici italiani dei titoli. Questi vennero utilizzati dalle reti Rai per le messe in onda televisive del film dagli anni ’80 fino ai primi anni 2000. Clicca qui per la scheda relativa alle trasmissioni Rai di “Pomi d’ottone e manici di scopa“. I titoli di testa, presenti in questa VHS, sono preceduti dal cartello della “Buena Vista”.

La versione proposta del film è, come nelle precedenti VHS, tagliata. Dura solamente 94 minuti (non 98, come segnalato erroneamente in copertina), contro i 112 dell’edizione cinematografica Italiana del 1971. La versione ridotta arrivò per la prima volta nei cinema Italiani nel 1981 ed è stata utilizzata per tutte le videocassette made in Italy e per le trasmissioni TV (eccetto quelle sul canale Rai Movie).

Quali sono i principali tagli fatti alle scene del film?

    • Mancano le canzoni “L’età del non mi cucchi“, “Eglantine“, “The old home guard” (di quest’ultima c’è solo la ripresa finale);
    • Le scene di “Portobello Road“, della partita di calcio e “Supercallimagic-extramotus” sono accorciate;
    • La dematerializzazione della stella di Astoroth quando i protagonisti ritornano dall’isola di Naboombu;
    • Le scene finali nelle quali viene mostrato il professor Emelius Browne arruolarsi nell’esercito.

A differenza delle altre edizioni, si possono vedere che scorrono i crediti finali del cast del film, con la canzone “The old home guard” in sottofondo. Nelle precedenti VHS dall’ultima scena si passava direttamente al cartello “The end“.

Il master video del film è diverso da quello delle precedenti edizioni vendita e noleggio. I colori sono leggermente più freddi, il master è più “pulito” e decisamente meno zoomato rispetto a quello delle altre edizioni.

 Al termine della VHS abbiamo una pubblicità sui fumetti Disney reperibili nelle edicole del 1991.

Per gli abbonati a “Topolino” veniva offerto un fantastico regalo: una VHS, “Paperino e la sua banda”!Questa VHS venne offerta in premio anche negli anni successivi.

Dopodiché abbiamo un’ultima pubblicità, quella di Disneyland Southern California.

CATALOGHI & PUBBLICITÀ

All’interno della custodia venivano inseriti un catalogo con le VHS disponibili nella primavera del 1991 e una cartolina per la prova d’acquisto. Ecco qua il catalogo!

Storia della VHS:

Quando nel 1991 la Disney diede il via libera per una nuova edizione in VHS del film, la sede Italiana ebbe un problema: le fu mandato il video integrale (così come era al cinema nel 1971), ma l’audio che aveva tra le mani era ancora quello accorciato. Decise quindi di tagliare il master video per adattarlo alla durata dell’audio. Nel 1983 invece, con la distribuzione della prima VHS, si era verificata la situazione opposta: la Walt Disney aveva l’audio integrale Italiano e il video mutilato, tratto dalla riedizione cinematografica Italiana del 1981. Quella volta a farne le spese fu la traccia audio. Le VHS stampate fino al 1989 utilizzano tutte questa versione del film. Il doppiaggio integrale del film tornò soltanto nel 2004, quando la Disney lo rispolverò grazie al contributo di Nunziante Valoroso, che fornì alla Walt Disney Italia l’audio integrale del film preso da un vecchio 16mm del 1972.

Così, dopo due edizioni per il noleggio e una da vendita, “Pomi d’ottone e manici di scopa” ritornò in VHS nel Febbraio 1991. Nel retro della copertina la data segnalata è Giugno 1983. La Walt Disney, infatti, quando distribuiva una nuova edizione di un titolo già rilasciato in VHS manteneva sempre in copertina la data della prima edizione in assoluto del film. Questa abitudine cessò nel 1992. Tuttavia nelle ristampe dei titoli rilasciati prima del 1992 la data non veniva comunque mai aggiornata. Dunque potete avere una VHS di questo film con scritto in copertina 1983, quando in realtà la VHS potrebbe essere addirittura del 1997! Come riconoscere la prima stampa di questa edizione dalla ristampe? Seguiteci nel prossimo paragrafo!

Occhio…alla ristampa!

La forte differenza di colore è dovuta al fatto che la prima stampa è stata scansionata, le altre sono semplici foto.

La VHS del 1991 di “Pomi d’ottone e manici di scopa” rimase in catalogo fino a Luglio 1997.

LE RISTAMPE DEL 1992-1993

Quando venne ristampata, la videocassetta subì delle modifiche nella copertina e nel contenuto. Nelle ristampe del 1992 l’ologramma argentato da sotto il logo Walt Disney Home Video slittò sopra il riquadro con il volto di Miss Price. Le altre modifiche intervenute nelle ristampe del 1992 furono le seguenti:

  • Nel retro della copertina la distribuzione segnalata passò da “Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano” a “Buena Vista Home Video – Via Agnello 18, Milano”;
  • L’etichetta passò da quella col disegno “Classico” di Topolino a quella con Topolino “Apprendista stregone” (Versione 1992 – 1995);
  • Le pubblicità prima e dopo il film vennero rimosse;
  • I messaggi antipirateria con la testa di Topolino che scorre furono sostituiti con quelli col castello marchiato “Buena Vista Home Video”;
  • Fu inserito impresso all’interno della custodia il logo “Buena Vista Home Video”,  anziché “Walt Disney Home Video”;

Le ristampe della primavera del 1993 si differenziavano da quelle del 1992 per l’ologramma. Esse infatti utilizzavano la versione dell’ologramma con al cinepresa più piccola, utilizzata a partire dalla VHS dell’Aprile 1993 di “Basil l’investigatopo“.

DOPO IL 1994

 Le ristampe prodotte tra il 1994 e il 1995 erano complessivamente uguali a quelle del 1992-93. Le uniche differenze consistevano nella sostituzione da copertina, custodia e nastro dei riferimenti alla “Buena Vista Home Video” con quelli della “Buena Vista Home Entertainment”, con sede in Via Sandri 1 a Milano. L’ologramma con Topolino “Apprendista stregone” rimpiazzò quello con la cinepresa.

DAL 1996…

Le ristampe del 1996-97 videro la sola modifica dello sticker sulla VHS, ora marchiato “Disney Video” anziché “Walt Disney Home Video”. Nelle ristampe del 1996 il riquadro del logo “Disney Video” con la testa di Topolino ha lo sfondo bianco, in quelle del 1997 lo sfondo è verde. Nelle ristampe successive a Marzo 1997 l’ologramma argentato utilizzato è sempre quello con l'”Apprendista stregone”, ma nella versione più moderna.

Si ringrazia Nunziante Valoroso per aver diffuso le informazioni inerenti ai tagli del film.

Vi lasciamo con questo video, in cui potete ammirare la collezione di “Pomi d’ottone e manici di scopa” appartenente all’esperto di doppiaggi d’epoca Marco Zaffuto.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.