MUSICA MAESTRO – VHS TERZA EDIZIONE 1989

“Musica Maestro” 

(Make mine music)

 

Codice VHS: VI 4029
BOX: Nero in plastica morbida
Collana: Walt Disney Home Video
Distributore: Walt Disney Home Video – Via Hoepli 3, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Intro:
Sticker VHS: Topolino (1988-1991)
Edizione: Aprile 1989 (in copertina Giugno 1983)
Versione: Noleggio
Macrovision

RINGRAZIAMO LORENZO ANDREAGGI PER AVER ACQUISTO LE IMMAGINI CHE VEDETE NELLA SCHEDA.

Descrizione Nastro:

Terza edizione in videocassetta per il Classico Disney “Musica Maestro“. Il master utilizzato è sempre quello con tutti i cartelli cinematografici inglese, esattamente come nelle precedenti edizioni Home Video. C’è però una differenza: è stato aggiunto una scritta a macchina del titolo italiano sotto quello inglese. Sottolineiamo che, contrariamente ad alcune edizioni estere, il film è esattamente integrale e senza censure. È dunque presente la sequenza de “I Testoni e i Cuticagna” (The Martins and the Coys).

L’audio Italiano è esattamente quello d’epoca. Ai tempi dell’uscita in Italia, come abbiamo già accennato in passato, il cortometraggio “Casey at the bat” non venne doppiato poiché il baseball, sport sul quale si incentra la sequenza, era sconosciuto in Italia: il pubblico italiano non avrebbe capito il significato dell’episodio. Nella videocassetta è presente ma, per questi motivi, resta in Inglese.

Come avrete notato dei fotogrammi, per tutta la durata del film, titoli esclusi, compare in sovrimpressione il logo WD che passa da un angolo all’altro dello schermo. Prima del film troviamo, come di consueto, i messaggi antipirateria. Nella fattispecie, si tratta della variante con la testa di Topolino che scorre riproducendo il suono di una macchina da scrivere. Nelle precedenti edizioni c’era una versione diversa dei messaggi antipirateria, con delle scritte che scorrevano su uno sfondo blu.

Segue le note legali l’intro della Walt Disney Home Video. Si tratta della versione lunga, con una rivisitazione di Casey Jr. in sottofondo. Dopo il film, invece, non c’è alcuna sequenza pubblicitaria.

Storia della VHS:

A partire dalla fine del 1988 la Disney aveva iniziato a redistribuire alcuni titoli del suo catalogo con nuove copertine. Talvolta le copertine e il contenuto erano diversi rispetto a quelli delle precedenti edizioni, altre volte la copertina restava molto simile alla precedente edizione ed era solo il contenuto del nastro a variare. Riscontriamo anche delle videocassette nelle quali non solo la copertina è quasi identica alla precedente ma il contenuto del nastro è rimasto completamente intatto, rispetto all’ultima edizione VHS del titolo.

La videocassetta recensita di “Musica Maestro“, rilasciata nell’Aprile 1989, appartiene al primo caso. La fascetta è stata totalmente rinnovata ed anche il contenuto del nastro ha subito delle modifiche.  Il codice della VHS  vide la sostituzione della sigla “Cod.”, che precedeva la sua parte numerica, con “VI”. Nel retro della cover compare l’ologramma argentato con la Cinepresa, introdotto l’anno prima. La data impressa è sempre quella di Giugno 1983: a quei tempi la Disney lasciava in copertina sempre la data del primo rilascio in videocassetta del titolo anche quando lanciava nuove edizioni. Tuttavia, possiamo trovare la data corretta sullo sticker della VHS.

Questa nuova distribuzione di “Musica Maestro” venne sponsorizzata anche su Topolino. Ricordiamo che la videocassetta era destinata esclusivamente al videonoleggio. In ogni caso, qualche negoziante con copie in eccesso potrebbe aver deciso di destinare alla vendita le copie in più.

Con ben tre edizioni negli anni ’80, chi avrebbe pensato che si sarebbe dovuto aspettare il 2015 per avere una nuova edizione Home Video del Classico? “Musica Maestro” non tornerà mai più in VHS. O almeno non integralmente: alcune sue sequenze verranno proposte singolarmente all’interno della collane “I Miniclassici“, “Le Fiabe” e altre compilation di cortometraggi.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.