Category Archives: BAMBI

BAMBI – VHS NOLEGGIO GIUGNO 1996


“Bambi” 
(Bambi) 

VHS Versione Noleggio Giugno 1996 

Codice VHS: VI 4641
BOX: Trasparente Grande (logo B.V.H.E.)
Collana: Noleggio (1996)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Apprendista stregone (1993-1997)
Sticker VHS: Disney Video (1996, riquadro bianco)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Intro:
Edizione: Giugno 1996
Tipologia: Noleggio
Macrovision

Descrizione Nastro:

L’edizione del 1996 per il noleggio del Classico Disney “Bambi” non apporta alcuna modifica al master video del film: continua dunque ad essere presente il primo doppiaggio italiano del 1948 (oggi non più utilizzato dalla Disney), ma soprattutto è stato mantenuto il logo WD per la parte iniziale del film.

Nemmeno in questa edizione troviamo una sequenza pubblicitaria iniziale. Le uniche differenze, rispetto alla VHS del 1992, sono:

  • i messaggi antipirateria della Buena Vista Home Entertainment, al posto di quelli della Buena Vista Home Video;
  • il lungometraggio è anticipato dall’intro Disney Video;
  • la VHS è dotata di dispositivo antiduplicazione.

Storia della VHS:

Come tanti altri Classici Disney, “Bambi” venne ristampato nel 1996 per il noleggio. La copertina venne adattata alle altre della stessa linea ed il codice della VHS cambiò rispetto all’edizione del 1992: “VI 4641” contro “VS 4372” della versione vendita. Si tratta della prima edizione per il noleggio del film, che verrà seguita da un’altra solo nel 2005.


Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



CARTELLI ITALIANI DI “BAMBI”

Non sappiamo se al suo debutto Italiano, avvenuto nel 1948, “Bambi” avesse una traduzione Italiana nelle sue scritte. Siamo certi che una traduzione venne fatta nel 1968, anno del ridoppiaggio del film. I cartelli del 1968 vennero riproposti per tutte le riedizioni cinematografiche successive, per alcune trasmissioni RAI e li troviamo in ottima qualità nella videocassetta del 2005. Nei cinema degli anni ’60 il film sarà stato preceduto con ogni probabilità da un cartello della Rank Film, che distribuì anche “Cenerentola” nel 1967. Tuttavia, tale cartello non è mai più stato riproposto né in Home Video, né in televisione e tanto meno nei cinema, poiché “Bambi” non venne più distribuito dalla Rank Film dopo il 1968.

L’unico cartello Italiano, oltre ai titoli di testa, è quello con la scritta “Fine“. Per gli amanti del vintage ve lo riproponiamo dalla videocassetta non ufficiale della Magis4 S.r.l. , distribuita nelle edicole a partire dal 1992.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


 

BAMBI – VHS ECLECTA

“Bambi” 
(Bambi) 

VHS ECLECTA VIDEO

Codice VHS: 009
BOX: Nero Piccolo
Collana: Videoteca Comica dei Fantastici 3 Superman
Distributore: Eclecta srl VIDEO – Via Airolo 36, Milano
Ologramma argentato: Si
Pubblicità iniziali: Vengono mostrate le varie VHS prodotte dall’Eclecta Video
Edizione: Marzo 1992
Versione: Vendita

Descrizione Nastro:

Partiamo alla scoperta del mondo di “Bambi“…visto dall’Eclecta Video! La VHS Eclecta del film preferito di Walt Disney si apre con una sequenza in cui vengono mostrate le varie videocassette rilasciate dalla casa (fatta eccezione de “I tre porcellini e le Silly Symphonies“, che non è inclusa). Ad un certo punto appare un’immagine con scritto “Eclecta Video”, che con una transazione cede il posto a “Bambi“.

Ci sembra giusto segnalare che esistono due varianti con l’apertura leggermente diversa nel suono. Nella nostra, forse una prima stampa, l’inizio della canzone dei titoli di testa – “L’amore è una canzone“(Love is a song) – è mozzato: manca la lettera “c” iniziale alla frase “Come una dolce melodia“. Inoltre, questa si ascolta varie volte a basso volume già dalla sequenza pubblicitaria della videocassetta, per poi interrompersi e riprendere da capo fino all’effettivo inizio dei titoli iniziali, questa volta ad un volume adeguato. Nelle ristampe non c’è né il problema della frase ripetuta né alcun taglio di quest’ultima (anche se comunque manca una parte del commento musicale d’apertura). Vengono rimossi, probabilmente per questioni di copyright, tutti i riferimenti a Walt Disney. Quindi il film inizia direttamente dal titolo “Bambi”, senza che venga mostrato il cartello “Walt Disney presenta“. I titoli di testa sono in Italiano, nella variante creata per la riedizione cinematografica del 1968.

Tuttavia, il Classico in questa VHS non viene riversato dalla pellicola della riedizione cinematografica del 1968 bensì, come ha segnalato in più sedi Nunziante Valoroso, da quella della riedizione del 1983 distribuita dalla “CIC”. Una cosa non vi abbiamo ancora detto, ma probabilmente i più esperti già lo sapranno. “Bambi” arrivò in Italia nel 1948, e al suo debutto venne scelto di non doppiare le canzoni. Vent’anni dopo, nel 1968, fu programmata una nuova distribuzione di “Bambi” nei cinema Italiani. In quest’occasione venne deciso di realizzare un nuovo doppiaggio del film, più fedele alla versione Americana (il primo si concedeva qualche libertà nell’adattamento), e soprattutto furono doppiate per la prima volta le canzoni. Questo doppiaggio verrà mantenuto per tutte le riedizioni cinematografiche successive, quindi lo ritroviamo anche nella VHS Eclecta, poiché tratta da un duplicato della pellicola della riedizione cinematografica del 1983.  Apriamo e chiudiamo una breve parentesi, ricordandovi che per le videocassette UFFICIALI degli anni ’90 (a partire dalla prima Edizione di Marzo 1992) verrà ripristinato il primo doppiaggio del film, per poi tornare al ridoppiaggio negli anni 2000. La Rai inizialmente trasmise il film col primo doppiaggio, ma utilizzò il secondo già a partire dalla prima replica. Per saperne di più sulle trasmissioni Rai di “Bambi clicca qua.

Passiamo al master video. La pellicola che è stata utilizzata dall’Eclecta Video ha visto sicuramente giorni migliori. I colori sono molto sbiaditi e la definizione non è eccellente. Inoltre è presente qualche taglio (manca un pezzettino all’inizio della scena in cui la madre di Bambi lo porta nella prateria). A parer nostro, questa è la videocassetta dell’Eclecta Video con la qualità peggiore, tra tutte quelle contenenti i film di Walt Disney. In ogni caso, non è l’edizione peggiore di “Bambi“. Tale triste primato lo detiene la videocassetta non ufficiale della Magis4 s.r.l., che abbiamo recensito qua.

Prima abbiamo sempre e solo parlato di titoli di testa e mai di quelli finali. C’è un motivo: nella nostra copia sono assenti! Per l’esattezza il cartello cinematografico è stato sostituito da un fotogramma con la scritta “Fine” su uno sfondo blu.

Storia della VHS:

L'”Eclecta Video” distribuì la sua VHS di “Bambi” nel Marzo 1992, pochi mesi prima dell’uscita home video ufficiale del film, avvenuta nel mese di Maggio dello stesso anno. Si poteva trovare questa videocassetta nelle edicole, nelle videoteche e nei negozi di giocattoli. Si tratta di un’edizione non autorizzata dalla Walt Disney e i proprietari dell’Eclecta Video ritennero di poter distribuire il Classico poiché sembrava che, assieme a tutti i film Disney prodotti fino al 1949, fosse caduto nel pubblico dominio. La Disney Italia reagì avviando una campagna di sensibilizzazione all’acquisto dei suoi prodotti e citò in giudizio l’Eclecta s.r.l. . Entrambe le società inviarono dei messaggi ai rivenditori di videocassette, la Buena Vista Home Video per sostenere l’illiceità delle VHS Eclecta, l’Eclecta invece spiegava perché – secondo lei – avesse pieno diritto a distribuire determinati titoli Disney. Per questa informazione si ringrazia ACB.

L’ultima sentenza di questo processo risale al 30 Aprile 2015.

Fonti: l’Unità; sentenza Cassazione Civile Sezione I, Sent., 29-12-2011, n.30036; www.italgiure.giustizia.it

La copertina della videocassetta è ricavata dalla locandina del 1983, con le opportune modifiche. Foto presa dalla pagina Printerest di Lino Cappellini.

L’etichetta della VHS ha impressa un’immagine di Bambi, ritagliata dalla copertina.

Abbiamo affermato che la videocassetta è del 1992. Ma, poiché apparentemente non c’è alcuna data  stampata sulla copertina, vi domanderete come abbiamo fatto ad individuarla. Gheppino, nostro collaboratore, analizzando attentamente la fascetta di alcune VHS dell’Eclecta è riuscito a risalirvi. Se mettete in controluce la copertina della videocassetta (vale soltanto per le primissime copie) e osservate il rettangolo nero nella parte bassa della costina, si può notare in alto la scritta “3/92”, ovvero Marzo 1992.  Personalmente, NON TROVIAMO FONDATO PAGARE CIFRE ELEVATE ESEMPLARI DELLA VHS CON O SENZA QUESTE CARATTERISTICHE. LA VHS IN QUESTIONE, COME LA MAGGIORANZA DELLE VHS DISNEY ANNI ’90, NON HA OGGI UN ELEVATO VALORE.

Occhio…alla ristampa!

Le ristampe della VHS Eclecta di “Bambi” hanno delle differenze rispetto ai primi esemplari prodotti:

  • Sulla costa della fascetta, la scritta “Eclecta” viene rimpiazzata da “Eclecta Video”;
  • In alcune ristampe sono presenti gli ologrammi dell’Eclecta sul dorsetto e nel retro della copertina. Vengono invece rimossi dagli ultimi esemplari prodotti;
  • Nel retro della cover viene inserita la scritta  “Una produzione TARGET srl“.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


BAMBI – VHS MAGGIO 1992


“Bambi”
(Bambi) 

VHS Maggio 1992

Codice VHS: VS 4372
BOX: Nero Grande (logo B.V.H.V.)
Collana: (1991-1996)
Distributore: Buena Vista Home Video – Via Agnello 18, Milano
Ologramma argentato: Cinepresa (1988-1993)
Sticker VHS: Topolino apprendista stregone (1992-1995)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
“É un vero Walt Disney”:  Assente
Intro:
Edizione: Maggio 1992
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

L’edizione del 1992 di “Bambi” si apre con i consueti messaggi antipirateria col castello marchiato Buena Vista Home Video. Segue l’intro della Walt Disney Home Video con Topolino apprendista stregone. Nella nostra videocassetta nei primi secondi di questo jingle appare un cerchietto bianco nell’angolo in basso a destra. Lo abbiamo evidenziato di rosso per farvelo notare.

Questa videocassetta dovrebbe possederla qualsiasi appassionato Disney poiché contiene il primo doppiaggio cinematografico italiano di “Bambi”, realizzato nel 1948. Nei cinema, al momento del rilascio della videocassetta, veniva utilizzato un altro doppiaggio del film eseguito nel 1968. A partire dalle edizioni in DVD e VHS del 2005 questo primo doppiaggio di “Bambi” verrà definitivamente accantonato in favore del secondo.

La caratteristica principale di questo doppiaggio era quella di preservare le canzoni completamente in inglese, doppiate soltanto con l’edizione del 1968. Inoltre, il doppiaggio di “Bambi” del 1948 aveva un adattamento abbastanza libero in alcuni punti.

La videocassetta del film non utilizzava le scritte cinematografiche Italiane, ad oggi irreperibili. Quelle che si trovano sono quelle create appositamente per l’uscita cinematografica del 1968. Ricordiamo che, come di consuetudine in quegli anni, per circa 15 minuti dopo i titoli di testa compare il logo “WD” nell’angolo in basso a sinistra dello schermo.

Il film è privo di qualsiasi correzione digitale. Dunque è ancora presente un errore in una delle scene finali del film. C’è una mamma-procione che porta in salvo i suoi piccoli. I cuccioli di procione sono due, ma una volta a riva diventano tre. Questo errore è stato corretto con l’edizione speciale del 2005, cancellando digitalmente il cucciolo di troppo.

PUBBLICITÀ E CATALOGHI

Acquistando la prima stampa della videocassetta si poteva trovare soltanto una cartolina all’interno, che riportava il logo del concorso “Il mondo di Bambi”.

Su “Topolino” fu sponsorizzata in più occasioni la videocassetta del nostro “Principe della foresta”.

Questa pubblicità ci segnala l’uscita in commercio di un’edizione della VHS abbinata ad un albo a fumetti del film.

Ringrazio @disney.dream83 per avermi mandato queste scansioni! Se l’autore originale le riconoscesse è pregato di contattarmi in modo che io possa accreditarlo.

Ecco un’altra chicca per voi: lo spot televisivo del 1992! La voce che sentite nello spot è quella del doppiatore Riccardo Peroni, che doppierà anche lo spot pubblicitario di “Bambi” presente nella VHS di Novembre 1992 di “Cenerentola“.

Storia della VHS

Bambi” uscì per la prima volta ufficialmente in videocassetta a Maggio 1992. L’immagine della copertina sarà riutilizzata per la videocassetta da noleggio del 1996 e per quella da vendita dell’Agosto 1997, entrambe contenenti il primo doppiaggio italiano del Classico (così come l’edizione del 1992). In occasione dell’uscita della videocassetta venne lanciato un concorso: “Il mondo di Bambi“. Questo concorso permetteva di vincere numerosi premi ed era valido fino al 31 Dicembre 1992. Era segnalato sullo sticker appiccicato sul cellophane delle prime stampe della VHS. Ringraziamo Luca Finocchiaro per la foto!

In alcune stampe sullo sticker non era segnalato il prezzo di £. 39.900, poiché variava a discrezione del negoziante. Eccola qua direttamente da un fotogramma dello spot TV. A breve la sostituiremo con una versione in qualità migliore.

Inoltre queste potevano trattarsi delle versioni abbinate all’albo a fumetti del film, che costavano £. 42.000.

Abbiamo sottolineato che questa fu la prima uscita ufficiale di “Bambi” in VHS perché prima di Maggio 1992 furono realizzate delle VHS non ufficiali per il circuito delle videoteche. Tra queste ricordiamo la videocassetta dell’Eclecta Video

o l’edizione della Magis 4 s.r.l. .

Proprio a causa di queste e altre VHS non ufficiali la Walt Disney lanciò una campagna contro le videocassette da lei non autorizzate. Su queste pagine di “Topolino” viene utilizzata come riferimento l’edizione originale del 1992 di “Bambi“.

Nel 1996 la Rai trasmise “Bambi” utilizzando lo stesso doppiaggio contenuto in questa VHS. Per saperne di più sulle trasmissioni Rai di “Bambiclicca qua.

Occhio…alla ristampa!

Questa VHS restò nel catalogo Disney da Maggio 1992 all’estate del 1997. Le principali differenze le riscontriamo nelle ristampe distribuite dalla fine del 1994 e l’inizio del 1995.

In queste ristampe:

  • L’ologramma argentato con la Cinepresa cede il posto a quello con Topolino apprendista stregone;
  • “Cartone animato” viene cambiato con “Classico d’animazione”;
  • Nel retro della cover il logo “Walt Disney Home Video è sostituito con la sua versione più schiacciata, apparsa per la prima volta nel Novembre 1993 con la VHS de “Il libro della Giungla“;
  • Il logo Univideo è più grosso (uguale a quello utilizzato dalle VHS Disney partire dall’Autunno 1992);
  • Il riquadro col visto censura è stato rimpicciolito;
  • L’impaginazione e la disposizione del testo vengono conformati a quelli delle VHS prodotte in quel periodo;
  • I riferimenti alla “Buena Vista Home Video” vengono sostituiti con quelli della “Buena Vista Home Entertainment“. La stessa accade nel box, sull’etichetta e all’interno del nastro.

DOPO IL 1996…

Dal 1996 all’interno del nastro (e sugli sticker) tutti i riferimenti alla “Walt Disney Home Video” vengono rimpiazzati da quelli della “Disney Video.  Le ristampe del 1997 hanno la seconda versione dell’ologramma con l'”Apprendista stregone” (1997-2000).

Eccovi il retro e la costa di questo tipo di ristampe direttamente dalla collezione di Alessandro Santangelo.

Ovviamente sulle ristampe successive al 1992 non c’era l’adesivo del concorso. Nelle ristampe del periodo 1995-1997 possiamo trovare sul cellophane un adesivo fucsia con la testa di Topolino. Come potete notare il prezzo delle VHS dei Classici Disney era salito a ben £. 41.000 rispetto alle £. 39.900. La foto seguente l’abbiamo presa da eBay.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.


BAMBI – TRASMISSIONI RAI

“Bambi”

(Bambi)

LA PRIMA TV

Bambi“, Classico di Walt Disney del 1942 tratto da un romanzo di Felix Salten, andò in onda per la prima volta il 9 Dicembre 1996 su Raiuno, presentato da Adriano Celentano, all’interno del contenitore “Lunedì film“.

Caratteristica principale della prima TV  è quella di utilizzare il primo doppiaggio cinematografico del film, datato 1948. Lo stesso doppiaggio delle VHS anni ’90.

Il master video, invece, risulta con i colori decisamente più accesi rispetto a quello che troviamo nelle prime VHS Italiane. Ecco qua un confronto (Ringrazio Marco Zaffuto per avermelo fatto notare).

Subito dopo il film vennero trasmessi tre cortometraggi Disney, con i cartelli dei titoli rifatti dalla Rai: “Pluto papà” (Pluto’s Quin-puples, 1937),  “Gatti in agguato” (Puss-Café, 1950) e “Caccia alla tigre” (Tiger trouble, 1945).

Quest’ultimo ha un font per il cartello del titolo diverso da quello utilizzato dagli altri due. Inoltre, venne trasmesso dopo della pubblicità, anticipata dal cartello “Fine prima parte”.

Francesco Finarolli ha provveduto ad inviarci degli articoli che sponsorizzavano questa trasmissione.

 

 

 

 

 

 

Qua potete trovare un video con tutte le pubblicità trasmesse prima e dopo “Bambi“.

Secondo un articolo d’epoca, riportato sul sito “adnkronos”, la prima visione di “Bambi” raggiunse un record di ascolti: 13 milioni 431 mila telespettatori pari a 43.82 di share, risultando il film più seguito in TV nel 1996.

LE REPLICHE

Negli anni successivi la Rai replicò più volte “Bambi“. Nelle repliche non utilizzò il primo doppiaggio, bensì il ridoppiaggio del 1968. Lo stesso che troviamo in tutti i DVD e Blu-Ray Italiani. Questo doppiaggio traduceva per la prima volta le canzoni del film in Italiano, rimaste in Inglese nel primo doppiaggio.

Il master che la Rai aveva abbinato al ridoppiaggio era provvisto di una traduzione in Italiano dei titoli di testa e coda. Tuttavia non si tratta della versione cinematografica, che potete trovare qua, ma di una variante creata ex novo per le trasmissioni TV.

Nel corso degli anni, la Rai mantenne spesso l’abitudine di trasmettere dei cortometraggi dopo il film. Nella replica del 11 Dicembre 2001 vennero trasmessi in coda a “Bambi” i cortometraggi “Paperino sonnambulo” (Sleepy time Donald, 1947) e “Disastri in cucina” (Chef Donald, 1941). Ecco qua un video con le pubblicità di questa replica.

Articolo a scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



 

BAMBI – VHS MAGIS4 S.r.l

Bambi
(Bambi) 

VHS MAGIS 4 S.r.l.


Codice VHS: COD. MG 57.61.65
BOX: Nero Grande
Distributore: Magis 4 S.r.l.
Ologramma argentato: Assente
Pubblicità iniziali: Assenti
Tipologia: Vendita (Editoriale)

Descrizione Contenuto:

Tra la fine del 1991 e l’inizio del 1992 la “Magis 4 S.r.l.” immise sul mercato questa VHS del Classico Disney “Bambi“. La videocassetta riportava il film col suo secondo doppiaggio cinematografico italiano del 1968. Il master video era davvero pessimo. A nostro avviso si tratta della peggiore videocassetta di “Bambi (qualitativamente parlando) rilasciata in home video. All’inizio e al termine del nastro appare il cartello della casa di distribuzione.

Si dovrà aspettare il 2005, col rilascio della “Platinum Edition“, per poter riascoltare il secondo doppiaggio di Bambi in una VHS. La VHS ufficiale Disney uscita nel Maggio 1992, ovvero poco tempo dopo di questa, contiene infatti il primo doppiaggio italiano del 1948.

L’unico merito di questa videocassetta, oltre al fatto di contenere il secondo doppiaggio italiano, è quello di mostrare integralmente i cartelli italiani del film.

Storia della VHS:

Come già detto, la Magis 4 S.r.l. rilasciò la sua VHS di “Bambi” poco prima di quella ufficiale Disney, così come fece l'”Eclecta Video“. Si riteneva in questo periodo che molti Classici erano caduti nel pubblico dominio, perciò queste edizioni non ufficiali proliferavano nei negozi. La Disney decise di prendere provvedimenti: segnalò sulla rivista “Topolino” la presenza di queste VHS di bassa qualità e spiegò come distinguerle dalle originali.

Vi facciamo notare che ci sono due varianti di questa VHS di “Bambi” distribuita dalla Magis 4 S.r.l. : alcuni esemplari (i primi prodotti) hanno lo sticker SIAE verde, altre copie hanno lo sticker SIAE rosso.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.