All posts by disneytapesandmore

ANASTASIA – VHS FOX 1998

“Anastasia”
(Anastasia)  

Codice VHS: 2764 SA
BOX: Blu Compatto
Casa di produzione del Film: 20th Century Fox
Distributore della VHS: Twentieth Century Fox Home Entertainment Italia S.p.A. – Piazza Fontana 6, Milano
Edizione: Novembre 1998
Versione: Vendita
Macrovision:

Descrizione Nastro:

Questa videocassetta contiene il lungometraggio d’animazione  “Anastasia“, di Don Bluth e Gary Goldman, prodotto dalla 20th Century Fox. Il film non è presentato col suo aspect ratio originale: l’immagine è adattata in 4:3, lasciando delle leggere bande nere sopra e sotto. Senza di esse, l’entità dei tagli all’immagine sarebbe stata maggiore. Eccovi un confronto tra la versione VHS (abbiamo rimosso le bande nere) e la versione Blu Ray, dove i fotogrammi non subiscono tagli.

Vanto della videocassetta è di avere tutte le scritte in italiano: qualsiasi altra edizione Home Video le ha in inglese. Si tratta di quelle cinematografiche? Purtroppo no. Le didascalie italiane vennero completamente rifatte per la VHS e non fu  effettuato un telecinema della pellicola nazionale. Vi proponiamo un confronto tra i titoli di coda della VHS originale e quelli di un riversamento della pellicola cinematografica.

Nella VHS originale, per non tagliare l’immagine dei titoli di coda, si è ricorso alla creazione di una greca che copriva buona parte delle bande nere causate dall’inserimento di un’immagine con aspect ratio 2.35:1 in una VHS. La stessa variante dei titoli finali la si può trovare anche nelle edizioni VHS estere. Nel rifacimento della nostra edizione la seconda parte dei titoli di coda, quella che segue il cast di doppiaggio, rimane in inglese.  Al cinema era in italiano! Dopo il film ci sono delle schede aggiuntive sull’edizione italiana, create appositamente per la videocassetta.

All’inizio del nastro, dopo i messaggi antipirateria, c’è una sequenza che include la pubblicità della videocassetta di “Banjo gattino ribelle” e di un CD-ROM dedicato al mondo di “Anastasia”.

Storia della VHS:

La videocassetta uscì in Italia il 4 Novembre 1998. L’uscita venne precedentemente annunciata dal seguente Profit Planner.

Vastissimo fu il materiale pubblicitario legato al film, e altrettante furono le copie prodotte, prenotate e quindi vendute. Io stesso le ricordo in circolazione per parecchio tempo, nei negozi ma soprattutto nelle collezioni dei miei amici. Questo successone ce lo conferma anche Paolo S., che ai tempi fu uno dei tanti rivenditori della videocassetta. E le seguenti foto ce le ha fornite proprio lui! Guardate che meraviglia!

Sapevamo che alcune persone, acquistando la videocassetta al momento dell’uscita, ricevettero una riproduzione del ciondolo di Anastasia. Non ci spiegavamo però perché altri questo ciondolo non lo ricordassero affatto. Paolo ci ha fornito una risposta anche a questo quesito: semplicemente vennero forniti ai negozianti meno ciondoli rispetto alle videocassette. Dunque venivano dati in omaggio fino ad esaurimento scorte.

Sul cellophane delle prime stampe era incollato un adesivo, che preannunciava i vari premi contenuti in una busta all’interno del Box. Potete trovare le scansioni della busta e del suo contenuto cliccando qua.

Non ci siamo di certo scordati dell’etichetta della VHS, personalizzata per il film.

Su You Tube siamo riusciti a trovare uno spot pubblicitario dell’uscita della VHS!

La Fox volle sfruttare al massimo il successo ottenuto dal film. Per questo motivo lanciò una videocassetta che conteneva varie canzoni Karaoke, due delle quali tratte proprio da “Anastasia“. Si tratta di “Once upon a December” e “Learn to do it“.

Per i più curiosi, vi mostriamo infine la fascetta di una delle videocassette pirata prodotte. Ci teniamo a precisare che noi non abbiamo acquistato all’epoca questa videocassetta, ci venne data in seguito. L’unica versione VHS da noi acquistata è assolutamente quella originale!

Occhio…all’edizione “TV Sorrisi e Canzoni”!

Nel Novembre 2000 uscì per “TV Sorrisi e Canzoni” una videocassetta di “Anastasia“. La copertina è abbastanza diversa da quella della versione vendita. Rimane molto simile la costa, dove però appare il logo di “TV Sorrisi e Canzoni” e non c’è alcun codice. Tale edizione utilizza anch’essa un box blu. La scansione della fascetta che trovate qui sotto proviene dalla collezione di Monica del sito Only Shojo, che ci ha fornito anche la VHS “Canta con me“, la busta e l’adesivo del cellophane della versione vendita.

Occhio…alla ristampa!

Nei primi anni 2000 vennero prodotte delle ristampe della videocassetta. Esteticamente erano uguali in tutto e per tutto alla prima stampa, tranne che per un paio di elementi. Il primo di questi è il box, che da blu divenne trasparente. Il secondo elemento che cambiava era lo sticker della VHS: non c’era più quello con il volto di Anastasia. Il nuovo Sticker era senza alcun immagine, se non il logo della 20th Century Fox. Non abbiamo riscontrato alcuna variazione nel master del film rispetto alle stampe precedenti.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



LADY OSCAR – 10 VHS BIM BUM BAM VIDEO

“Lady Oscar”

(ベルサイユのばら)

COLLANA 10 VHS BIM BUM BAM VIDEO – 1992/93

BOX: Bianco/Trasparente Grande
Distributore della VHS: Pentavideo S.r.l. – Via Cassanese 224, 20090 Segrate (MI)
Edizione: 1992 – 1993 (Ultimi 3 volumi)
Versione: Vendita
Macrovision

SCHEDA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON MONICA DEL SITO ONLY SHOJO.

Descrizione Nastro:

Queste 10 videocassette raccolgono la serie “Lady Oscar“, uno dei rari casi in cui la Bim Bum Bam Video distribuì tutte le puntate di un cartone animato. Spesso infatti le sue videocassette contenevano solo una selezione degli episodi principali, oppure delle rielaborazioni/montaggi diversi, creando dei veri e propri film. Con “Lady Oscar” scelsero di operare diversamente. Le uniche modifiche fatte in queste videocassette sono la rimozione di eventuali “flashback” della puntata precedente all’inizio di un determinato episodio e l’utilizzo di fermo immagine per nascondere la scritta “Continua” in giapponese che c’era alla fine di ciascuna puntata. In compenso, per tutta la durata del filmato compariva il logo “Video 5” nell’angolo in basso a destra. So che molti di voi sono impazienti di sapere quale sigla contengano queste VHS. Ebbene, come riportato sulle fascette, le videocassette contengono la sigla “Una spada per Lady Oscar” cantata da Cristina D’Avena. Quindi niente versione di Enzo Draghi della stessa sigla e niente sigla de “I Cavalieri del Re”. La versione delle puntate è la stessa mandata in onda su Mediaset in quegli anni, dunque con qualche censura. Fortunatamente queste videocassette sono uscite nei primi anni ’90: se il loro rilascio fosse avvenuto tra il 1997 e il 2000 avrebbero potuto contenere la versione super censurata che andava in onda in quegli anni su Italia 1.

Gli episodi vengono così divisi nelle VHS:

LADY OSCAR – VOLUME 1: “LA GRANDE SCELTA”
Codice VHS: 1405305 – 8010020405350
Anno: 1992
Episodi contenuti:
“La Grande scelta”
“L’arrivo di Maria Antonietta”
“Un triste presagio”
“L’intrigo”

LADY OSCAR – VOLUME 2: “INTRIGHI E…AMORE”
Codice VHS: 1404405 – 8010020404452
Anno: 1992
Episodi contenuti:
“La rivincita della Contessa”
“La congiura sventata”
“Una notte a Parigi”
“L’incidente”

LADY OSCAR – VOLUME 3: “COLONNELLO DELLA REGINA”
Codice VHS: 1404505 – 8010020404551
Anno: 1992
Episodi contenuti:
“La morte di Luigi XV”
“L’incoronazione”
“Maria Antonietta regina”
“I capricci di Maria Antonietta”

LADY OSCAR – VOLUME 4: “LA CONTESSA DI POLIGNAC”
Codice VHS: 1404605 – 8010020404650
Anno: 1992
Episodi contenuti:
“Le catene della povertà”
“La Contessa di Polignac”
“La menzogna”
“Rosalie a palazzo Jarjayies”

LADY OSCAR – VOLUME 5: “UN AMORE IMPOSSIBILE”
Codice VHS: 1404705 – 8010020404759
Anno: 1992
Episodi contenuti:
“Rosalie a corte”
“Il ritorno di Fersen”
“Un matrimonio imposto”
“Un amore impossibile”

LADY OSCAR – VOLUME 6: “SCANDALO A CORTE”
Codice VHS: 1404805 – 8010020404858
Anno: 1992
Episodi contenuti:
“La sosia della regina”
“Lo scandalo della collana”
“Il processo”
“Una fuga misteriosa”

LADY OSCAR – VOLUME 7: “UN DOLORE PER OSCAR”
Codice VHS: 1404905 – 8010020404957
Anno: 1992
Episodi contenuti:
“Cuore di donna”
“Il cavaliere nero”
“Un rischio calcolato”
“Un innamorato respinto”

LADY OSCAR – VOLUME 8: “I NEMICI DEL POPOLO”
Codice VHS: 1405005 – 8010020405053
Anno: 1993
Episodi contenuti:
“Una nuova vita”
“La sfida di Oscar”
“La rabbia popolare”
“I nemici del popolo”

LADY OSCAR – VOLUME 9: “IL DECLINO DI VERSAILLES”
Codice VHS: 1405105 – 8010020405152
Anno: 1993
Episodi contenuti:
“Gli ultimi splendori di Versailles”
“Robespierre”
“Accusa di tradimento”
“La fame a Parigi”

LADY OSCAR – VOLUME 10: “LA FINE”
Codice VHS: 1405205 – 8010020405251
Anno: 1993
Episodi contenuti:
“Le voci della libertà”
“Divampa la Rivoluzione”
“Addio André”
“14 Luglio 1789”

Vi facciamo notare che c’è discrepanza tra il logo che compare nella sigla, “Una spada per Lady Oscar“, e quello che da il nome della collana, l’originale titolo italiano “Lady Oscar“.

Storia delle VHS:

Nel 1992 la Penta Video S.r.l. decise di distribuire l’intera serie di “Lady Oscar” in videocassetta. Non si tratta però il primo rilascio Home Video della serie. La Gruppo Logica 2000 aveva acquistato i diritti per la sua distribuzione Home Video direttamente dalla IKEDA RYOKO PRODUCTIONS/TMS e solo l’anno prima, nel 1991, aveva iniziato a commercializzare la serie in videocassette con due puntate ciascuna e la sigla storica de “I Cavalieri del Re”. Siamo certi che uscirono in edicola 17 volumi con albo allegato ma, purtroppo, non sappiamo se furono distribuiti anche gli ultimi tre. Nell’ultimo periodo, come ricordato dall’amico Fabrizio Bonucchi che la collezionò all’epoca, ci furono problemi di distribuzione e non si è mai capito se le ultime videocassette riuscirono ad arrivare in qualche edicola. Siccome i diritti per l’Home Video erano già nelle mani del Gruppo Logica 2000, la Penta Video S.r.l. dovette chiederne la licenza a questa società. Ed infatti nel retro delle fascette viene scritto “Copyright: IKEDA RYOKO PRODUCTIONS/TMS su licenza Gruppo Logica 2000“. Le videocassette della Bim Bum Bam Video erano dieci con quattro episodi ciascuna e venivano vendute sia sciolte, sia in un cofanetto che le raccoglieva tutte. Quello che vedete appartiene a Monica del sito Only Shojo.

Sul sito di Monica ci sono anche le scansioni di tutte le copertine della serie! Ne riportiamo solo una come esempio, le altre potete trovarle cliccando qua!

Non possiamo di certo non linkarvi un video del suo Canale You Tube in cui mostra queste videocassette, video al quale abbiamo collaborato anche noi!

Come si deduce dal video di Monica, si poteva vincere il cofanetto vuoto (da completare autonomamente) e la prima videocassetta della serie partecipando a dei concorsi indetti dal programma Bim Bum Bam.

Occhio…alla ristampa!

Queste videocassette non sono affatto delle rarità, infatti rimasero nel catalogo della Bim Bum Bam Video fino all’inizio del nuovo millennio. I primissimi volumi prodotti avevano dei box bianchi marchiati Video 5, per poi essere sostituiti nel giro di poco tempo da quelli trasparenti, sempre marchiati Video 5. Le ultime ristampe si possono riconoscere osservando lo sticker SIAE che sigilla il box: la versione di queste ristampe del 2000 è argentata. Eccovi una foto d’esempio che abbiamo trovato su eBay.

Infine, vi avverto che anche la parte interna della copertina poteva cambiare! Questa poteva non avere nulla, come nelle prime stampe, oppure un vero e proprio catalogo di videocassette della Bim Bum Bam Video, videocassette che cambiavano a seconda della stampa.

Articolo a scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



DUMBO – VHS NOLEGGIO GIUGNO 1996


“Dumbo” 
(Dumbo) 

VHS Versione Noleggio Giugno 1996 

Codice VHS: VI 4643
BOX: Trasparente Grande (logo B.V.H.E.)
Collana: Noleggio (1996)
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Apprendista stregone (1993-1997)
Sticker VHS: Disney Video (1996, riquadro bianco)
Logo WD: Presente
Pubblicità iniziali: Assenti
Intro:
Edizione: Giugno 1996
Tipologia: Noleggio
Macrovision

Descrizione Nastro:

L’edizione del 1996 per il noleggio del Classico Disney “Dumbo” contiene lo stesso master video della versione da vendita di quattro anni prima, con tanto di logo WD nella parte iniziale del film. Potete approfondire l’argomento qua.

Il film è anticipato soltanto dai messaggi antipirateria, versione Buena Vista Home Entertainment – e dall’intro Disney Video. Non c’è nessuna sequenza pubblicitaria. Ricordiamo, infine, che la videocassetta è protetta da dispositivo antiduplicazione.

Storia della VHS:

Come tanti altri Classici Disney, “Dumbo” venne ristampato nel 1996 per il noleggio. La copertina venne adattata alle altre della stessa linea ed il codice della VHS cambiò rispetto all’edizione del 1992: “VI 4643” contro “VS 4357” della versione vendita.


Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



PINOCCHIO – VHS 1993 (U.S.A.)


“Pinocchio”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 239
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: “Grandi Classici” (Black Diamond)
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “The nightmare before Christmas”, “Aladdin”
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Walt Disney Classics
Edizione: 1993
Versione: Videocassetta Demo a scopo promozionale
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

Descrizione Nastro:

La videocassetta Americana del 1993 di “Pinocchio” comincia con i messaggi antipirateria (sfondo verde), seguiti da una sequenza pubblicitaria che include “The Nightmare before Christmas” e “Aladdin“.

Il master video del film era esattamente lo stesso che abbiamo analizzato nella versione Demo della VHS. Si tratta di un restauro realizzato nel 1992. Caratteristica di questa versione è di una leggera dominante marroncina/rossastra, che nel complesso scurisce l’opera rispetto alla versione d’origine. A quei tempi, per svecchiare i film, si utilizzavano spesso tali tonalità nei restauri.

Come nella videocassetta DEMO, all’inizio del lungometraggio l’originale logo della RKO Radio Pictures viene sostituito da quello della Buena Vista.

Questa videocassetta è dotata di dispositivo anticopia Macrovision ed è informato NTSC: per quest’ultimo motivo potrebbe non essere supportata da molti videoregistratori Italiani.

Storia della VHS

 La Walt Disney restaurò “Pinocchio” nel 1992, in occasione di un suo ritorno nelle sale Americane. Dopo il ritorno delle sale, la Disney distribuì la versione restaurata in VHS il 26 Marzo 1993. Nello stesso periodo “Pinocchio” tornò in videocassetta anche in Italia ed in altri Paesi del mondo. Nonostante non ne compaia il logo sulla fascetta, questa videocassetta è considerata parte della collana “The Classics“, nota come “Black Diamond“.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



LA SIRENETTA – DVD BUENA VISTA 2006

“La Sirenetta”
(The Little Mermaid)  

DVD PLATINUM EDITION

Codice DVD: BIA 0042102 Z3A
BOX: Blu
Collana: (Versione DVD, 2001- / )
Distributore: Buena Vista Home Entertainment – Via Sandri 1, Milano
Ologramma argentato: Rettangolare (2004-2008)
Lingue Audio: Dolby Digital 5.1:Italiano, Inglese, Ebraico, Croato
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Inglese per non udenti, Ebraico, Croato, Sloveno
Numero di dischi: 1
Aspect ratio: 1.78:1 (16:9)
Contenuti Speciali: Si
Edizione: 15 Novembre 2006
Versione: Vendita
Slipcover: No
Macrovision

Descrizione Contenuto:

La Platinum Edition DVD de “La Sirenetta” contiene una versione restaurata del film. Non si tratta assolutamente dello stesso restauro presente anche nella videocassetta del 1998 e nel DVD Warner. L’immagine, rispetto alle versioni VHS, recupera parecchio dettaglio ai lati destro e sinistro. Dire che l’immagine è integrale è errato: notiamo, rispetto alla versione VHS, dei tagli sopra e sotto ai fotogrammi. Vi proponiamo questo confronto tra la VHS U.S.A. del 1990 (inviataci da WILLDUBGURU) e la Platinum Edition DVD del 2006.

C’è un’altra modifica che vi segnaliamo. Ricordate il caso del prete che sta per sposare Vanessa ed Eric? Ebbene, in questa edizione sono stati rimossi gli elementi incriminati ritoccando i fotogrammi. Le modifiche rimangono ancora oggi in tutti i DVD, Blu-Ray ed anche sulla piattaforma Disney Plus.

Tutte le scritte durante il film rimangono in inglese: mancano all’appello le traduzioni italiane create per la distribuzione cinematografica. Tuttavia, se si guarda il disco in lingua italiana, al termine del Classico compare il cartello coi doppiatori italiani.

Qui di seguito vi mettiamo i fotogrammi dei bellissimi menu del DVD!

Quello che vedete è il menu Selezione Scene.

Il DVD non ha moltissimi Contenuti Speciali:

  • La piccola fiammiferaia
  • Video musicale: “Kiss the Girl” con Ashley Tisdale
  • Anteprime Esclusive
  • Giochi & Attività
  • Dietro le quinte Disney

Nonostante ciò, tra i vari extra troviamo delle chicche. Degno di nota è il meraviglioso cortometraggio “La piccola fiammiferaia” (The little match girl), tratto dall’omonima fiaba di Andersen autore anche de “La Sirenetta“.  Cortometraggio che doveva essere parte del mai completato “Fantasia 2006“. Vi consigliamo di guardarlo con un pacchetto di fazzoletti a portata di mano.

Cliccando su Giochi & Attività accediamo ad altre due opzioni:

  • La Sirenetta avventura sotto il mare: Viaggio virtuale
  • Dietro il viaggio guidati dall’immaginazione

Le altre chicche del DVD sono contenute nel menu “Dietro le quinte Disney”:

  • La Sirenetta – Making of
  • La storia dietro la storia
  • La Sirenetta – Gallerie d’arte

Con essi scoprirete tanti aneddoti su questo Classico, ripercorrendo la sua storia.

Nell’amaray non manca il foglietto che riepiloga tutti i capitoli in cui “La Sirenetta” è stato suddiviso.

C’erano anche vari altri inserti pubblicitari. Purtroppo, nella nostra copia è sopravvissuto soltanto un depliant, progettato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in collaborazione con la Federazione Italiana Nuoto e la Buena Vista Home Entertainment.

Storia del DVD

Italia, 2006. Erano diversi anni che “La Sirenetta” mancava dai cataloghi Home Video Italiani. L’unico DVD, distribuito dalla Warner Home Video, era fuori produzione da circa 6 anni, lo stesso vale per l’ultima edizione in VHS dell’Ottobre 1998. A meno che non si avesse la fortuna di conoscere dei negozi che avevano ancora rimanenze di qualcuna delle edizioni prodotte, non si poteva acquistare in alcun modo una copia originale del film. Il 15 Novembre del 2006 la Buena Vista Home Entertainment esaudì le richieste dei consumatori: “La Sirenetta” fu di nuovo disponibile in molti paesi del mondo, tra i quali l’Italia. Si trattava di quella che è nota come la Platinum Edition, contenente una versione restaurata del Classico. Venne prodotta anche un’edizione per il noleggio con le stesse caratteristiche. Per la prima volta – se si esclude l’edizione DVD del 2000 di “Fantasia” – un Classico Disney fu rilasciato soltanto in DVD. Non venne infatti prodotta un’edizione VHS. Ci furono però delle lamentele. L’edizione includeva soltanto un disco DVD ed i Contenuti Speciali, come abbiamo già avuto modo di vedere, non erano numerosi. La Walt Disney rimediò distribuendo nel 2007 una Steelbook Collector Edition che conteneva, oltre allo stesso disco dell’edizione del 2006, un DVD Extra con molti contenuti speciale.

Tale versione a doppio disco era presente anche in un’altra Steelbook abbinata ai due DVD (Film+Extra) della Platinum Edition di “Cenerentola“.

Tornando all'”edizione Standard”, la Walt Disney era stata chiara. Come riportava lo sticker incollato sul cellophane, il DVD sarebbe stato disponibile solo per un periodo di tempo limitato.

Nel 2008 il titolo era già fuori catalogo. Si poterono trovare sue copie ancora per qualche tempo, fin quando le scorte dei vari negozi non si esaurirono.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



DAVID COPPERFIELD – VHS STARDUST

“David Copperfield”
(Charles Dickens’ David Copperfield)  

VHS STARDUST

Codice VHS: S 12161
BOX: Nero Grande Rigido
Casa di produzione del Film: Stardust Animation e Pure Magic
Collana: Le Favole più belle
Distributore della VHS: Stardust S.r.l. – Vaprio D’Agogna (NO)
Edizione: 1995
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Nastro:

Questa videocassetta Stardust il film d’animazione “David Copperfield“, prodotto nel 1993 dalla Cinémotion e PMMP National Productions e (molto) liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Charles Dickens. Si tratta di una coproduzione tra Francia e Canada. Il film non era destinato alle sale, bensì alla televisione: venne infatti trasmesso sulla NBC durante le vacanze natalizie del 1993.  Il cast di doppiatori originali include famosi attori, doppiatori e cantanti Canadesi e del Regno Unito. Pensate che David Copperfield in originale viene doppiato da Julian Lennon, figlio di John Lennon dei Beatles! L’edizione italiana è stata curata dalla Tecnomovie ed è stata incisa a Torino. Tra i doppiatori ci sono Aldo Stella nei panni del protagonista, Claudia Penoni è Clara Copperfield e doppia anche Agnes. Lucia Valenti presta la voce alla simpaticissima Zia Betsey.

La trama, come vi abbiamo fatto intuire, è vagamente ispirata a quella del racconto di Dickens. Sebbene la parte iniziale sia piuttosto fedele al romanzo originale, il film finisce presto col discostarsene completamente mantenendo soltanto alcuni eventi e personaggi della versione letteraria. Il lungometraggio si concentra, inizio a parte, sul lavoro in fabbrica di David tralasciando la sua crescita. Mi permetto un piccolo commento personale: da piccolo vidi la pubblicità di questo film su una VHS Stardust, che mi mise molta voglia di vederlo! Sembrava davvero un bellissimo film d’animazione. Purtroppo non riuscii mai a vederlo da bambino e lo recuperai soltanto qualche anno fa. Francamente, lo ho trovato molto al di sotto delle mie aspettative! La storia sembrava più spassosa e coinvolgente nei trailer della Stardust. Un po’ può aver anche inciso il fatto che lo abbia visto da adulto ma in ogni caso, conoscendo il piccolo Matt, anche se lo avessi visto da bambino non sarebbe sicuramente stato uno  dei miei film preferiti. L’unico personaggio degno di nota è la mitica Zia Betsy, con la sua canzone “Io odio i maschi” (cantata in Italiano dalla Valenti).

A proposito delle canzoni: sono tutte doppiate in italiano eccetto la canzone finale, “Nothing is like a family Christmas” che rimane in inglese.

Occhio…alla ristampa!

Alla fine 1996 la Stardust decise di rinnovare molte delle sue videocassette. In alcuni casi, come “Biancaneve“, si limitò semplicemente ad aggiornare i loghi della fascetta, modificandone radicalmente soltanto il retro. Per altre videocassette, come “David Copperfield“, decise di stravolgere completamente la copertina cambiando anche la locandina principale. E non era finita qua! Spesso tali cambiamenti erano accompagnati anche a modifiche nel nastro. Nel caso in esame, cambiarono i messaggi antipirateria – quelli col vecchio logo vennero sostituiti da quelli con la stella inserita in un cerchio blu – e la sequenza pubblicitaria. E proprio quest’ultima ci ha permesso di risalire alla data di questa seconda edizione, che ricordiamo continua a riportare in copertina il 1995 come data. Tra le pubblicità iniziali c’è quella de “Il Gobbo di Notre Dame” e della campagna promozionale ad esso legata. Poiché la videocassetta del leggendario campanaro è della fine del 1996, possiamo datare il lancio di questa VHS di “David Copperfield” proprio tra il 1996 e i primi mesi del 1997. Ve ne abbiamo tanto parlato, eccovi quindi una scansione della seconda copertina del film. Ringraziamo Giuseppe C. per avercela inviata!

Non siamo certi se fosse stata effettivamente prodotta, ma potrebbe esistere una ristampa che abbina la vecchia locandina e il nuovo logo Stardust. L’abbiamo trovata pubblicizzata su un catalogo di proprietà dello scrittore Federico Battisti, grandissimo collezionista di videocassette Stardust.

L’edizione del catalogo sembra appartenere alla collana “Le Storie più belle“, non più a “Le Favole più belle“. Era prevista la sua vendita assieme a degli stampini e del pongo. La confezione di questo extra non poteva chiamarsi altrimenti se non “I Giochi più belli“. Quella che vedete di fianco è la famosissima videocassetta de “La Principessa e il Folletto“.

Ringraziamo infine Marco Zaffuto per la copertina della prima edizione!



SNOW WHITE AND THE SEVEN DWARFS – VHS 1994


“Snow White and the Seven Dwarfs”

EDIZIONE U.S.A. 

Codice VHS: 1524
BOX: Bianco (Plastica morbida)
Collana: Walt Disney Masterpiece Collection
Distributore: Buena Vista Home Video, Burbank, California 91521
Ologramma argentato: Assente
Logo WD: Assente
Pubblicità iniziali: “Pocahontas
“É un vero Walt Disney”: No
Intro: Nessuna
Edizione: 1994
Versione: Vendita
Formato: NTSC
Macrovision:

Si ringrazia WILLDUBGURU per averci fornito il materiale utilizzato in questa scheda. Visitate il suo sito dedicato alle edizioni Internazionali dei film Disney! Cliccate qua per accedervi!

Descrizione Nastro:

La videocassetta di “Snow White and the Seven Dwarfs” comincia con i messaggi antipirateria, proposti nella variante in uso a partire dal 1992, ovvero con lo sfondo verde. Segue una sequenza pubblicitaria, nel quale veniamo accompagnati da Roy E. Disney ad una veloce scoperta del Classico Disney “Pocahontas” (che era ancora in corso di lavorazione) e dell’avanguardia tecnologica Disney, che ha permesso il restauro dei suoi film. Si passa poi all’intro della Walt Disney Home Video – sostituita da quella della Walt Disney Masterpiece Collection nelle copie stampate in un secondo momento – e quindi al film.

Il master video della cassetta è esattamente lo stesso apparso qualche mese prima nell’edizione italiana. Si tratta di una versione restaurata digitalmente che cercò di riportare il film al suo originale splendore. E bisogna dire che, anche se in futuro le tecniche di restauro migliorarono ulteriormente, si fece davvero un bel lavoro con questo primo restauro di Snow White! Un restauro degno della più bella del reame!

La videocassetta non contiene i cartelli cinematografici originali del 1937, per quanto riguarda i titoli di testa e coda del Classico. La versione che troviamo è quella delle successive riedizioni cinematografiche, la cui distribuzione a partire dagli anni ’60 non era più affidata alla RKO Radio Pictures Inc., bensì alla Buena Vista. Ciò ha portato alla creazione di una nuova versione dei titoli iniziali e finali, eliminando tutti i riferimenti al vecchio distributore.

Finito il film compare un cartello con i dati del restauro, a cui segue il logo della Walt Disney Pictures (apparso anche prima dei titoli iniziali).

Ricordiamo che essendo una videocassetta Americana, il suo formato è NTSC. Pertanto, non tutti i videoregistratori Italiani potrebbero essere in grado di riprodurne il nastro.

Storia della VHS

La videocassetta di “Snow White and the Seven Dwarfs” venne distribuita negli Stati Uniti il 28 Ottobre 1994, in contemporanea con un’edizione Laserdisc. Era la prima volta che il film uscì in videocassetta, poiché in passato la Disney si era detta contraria a un suo rilascio Home Video: Snow White era considerata una gemma troppo preziosa per essere ceduta al mercato delle videocassette. La Disney voleva continuare a riproporlo solo ed esclusivamente nei cinema. Cosa fece cambiare loro idea? Senza dubbio incise molto la diffusione di videocassette pirata del film, con tanto di una sua ipotetica caduta nel dominio pubblico in alcuni paesi, tra i quali l’Italia. Quella Americana non fu una prima mondiale di Snow White in VHS: il primo rilascio ufficiale del mondo in VHS fu in Italia, a Maggio 1994. Tale decisione fu presa proprio per l’elevatissima diffusione di edizioni non ufficiali del film, che da quattro anni circolavano nel paese. Tra queste ci sono le famosissime videocassette dell’Eclecta Video e della Walkman s.r.l. . Tornando negli Stati Uniti, la videocassetta fu il primo titolo della serie Walt Disney Masterpiece Collection, che andava a sostituire The Classics (nota come Black Diamond). Il primo lungometraggio dello Zio Walt non poteva che essere un bestseller: si contano ben 24 milioni di copie vendute nel 1995. All’interno della confezione  c’era tantissimo materiale pubblicitario. Eccovi una foto che abbiamo trovato su eBay!

Sempre su eBay, abbiamo trovato una foto del cofanetto dell’Edizione De Luxe. Costava 120 $ e oltre alla videocassetta del Classico ne conteneva anche una col suo “Making of“, ovvero un documentario sulla realizzazione del lungometraggio.

Gli Americani dovettero aspettare il 2001 per ricevere una nuova edizione VHS del film.

Occhio…alla ristampa!

Per ora abbiamo individuato queste date di stampa della VHS:

  • 23 Maggio 1994
  • 31 Maggio 1994
  • 10 Giugno 1994
  • 17 Giugno 1994
  • 23 Giugno 1994
  • 30 Giugno 1994
  • 6 Luglio 1994
  • 13 Luglio 1994
  • 10 Settembre 1994
  • 11 Settembre 1994
  • 16 Settembre 1994
  • 24 Settembre 1994

Perché bisogna stare attenti alle varie stampe della videocassetta? Perché a partire dall’autunno 1994 in alcune copie venne sostituita l’intro della Walt Disney Home Video con quella della Walt Disney Masterpiece Collection.

Ringraziamo ancora William del sito WILLDUBGURU per averci aiutato nel realizzare questa scheda.

Articolo con scopo informativo. Tutte le immagini appartengono ai rispettivi proprietari di Copyright.



HERCULES – VHS STARDUST (PURE MAGIC)

“Hercules”
(Hercules)  

PURE MAGIC E STARDUST ANIMATION
VHS STARDUST

Codice VHS: S 12231
BOX: Nero Grande Rigido
Casa di produzione del Film: Stardust Animation e Pure Magic
Collana: Le Avventure più belle
Distributore della VHS: Stardust S.r.l. – Vaprio D’Agogna (NO)
Edizione: 1997
Versione: Vendita
Macrovision

Descrizione Contenuto:

Questa videocassetta Stardust contiene “Hercules“, mediometraggio prodotto dalla Stardust in collaborazione con una certa Pure Magic. Il film è basato sulla mitologia Greca ed è forse più fedele ad essa rispetto all’omonimo film Disney. Qual è problema? Cari signori, per quel che mi riguarda, questo cartone animato è davvero inguardabile. Animazioni pessime e poco migliori di quelle della famosa Dingo Pictures, la storia è stata trasposta malissimo, i personaggi sono degli emeriti idioti a partire dal vanitoso e forzuto protagonista, che in questo caso si merita davvero il titolo di Scemercole. Chissà quanto si sarà divertito Gianluca Iacono a doppiarlo! Non ricordate chi è Gianluca Iacono? Vegeta vi dice nulla?

L’antagonista principale, Hera, altri non è che la versione poraccia della malvagia Zia Bova di “Tom e Jerry – Il film“.

E ovviamente hanno pensato che fosse indispensabile disegnare la “candela” ad uno smidollato Euristeo. Mi fermo qua coi commenti sul cartone animato.

Concentrandoci sul resto della VHS, i messaggi antipirateria sono quelli col nuovo logo Stardust, caratterizzato da un cerchio blu, ed è presente una sequenza pubblicitaria di apertura e chiusura. In quest’ultima, come di consueto, viene mostrato il catalogo generale di videocassette Stardust. Tra le pubblicità iniziali ritroviamo: “La Principessa e il Folletto“, “David Copperfield“, “Blinky Bill“.

Storia della VHS:

Nel 1997 la Stardust pensò bene di investire i suoi soldi nella produzione di questo film assieme alla Pure Magic. Come per “Pocahontas” e “Il Gobbo di Notre Dame“, la Stardust allegò dei gadget assieme alla videocassetta. Si tratta in questo caso di alcune action figures coi personaggi principali del film. Eccovele direttamente dalla collezione dello scrittore Federico Battisti. Talmente gli piaceva che ha lasciato tutto quasi intatto!

Si poteva acquistare la videocassetta negli ipermercati, nelle videoteche, nelle edicole e nelle buste-sorpresa. Federico la trovò proprio in una di queste buste!

Il fatto che la Stardust stessa si sia occupata della produzione di questo cartone fa capire perché abbia investito così tanto in esso e non abbia pubblicizzato maggiormente la decisamente migliore versione della Jetlag Productions, che comunque distribuì. Eccola, anch’essa di proprietà di Federico.

Il titolo rimase in catalogo fin quando la Stardust non cessò di esistere.